Skip to content

Il grasso della pancia nelle donne: sbarazzarsi di esso - per sempre!

Il grasso della pancia nelle donne: prendere e tenere fuori

Cosa dice la tua vita riguardo alla tua salute? Scopri perché il grasso della pancia è più comune dopo la menopausa, il pericolo che pone - e cosa fare al riguardo.

Di Mayo Clinic Staff

Una linea di cintura in espansione a volte è considerata il prezzo per invecchiare. Per le donne, questo può essere particolarmente vero dopo la menopausa, quando il grasso corporeo tende a spostarsi verso l'addome.

Eppure un aumento del grasso della pancia fa più che rendere difficile comprimere i jeans. La ricerca mostra che il grasso della pancia comporta anche gravi rischi per la salute. Le buone notizie? Le minacce poste dal grasso della pancia possono essere ridotte.

Cosa c'è dietro il grasso della pancia

Il tuo peso è in gran parte determinato dal modo in cui bilancia le calorie che mangi con l'energia che brucia. Se mangi troppo ed eserciti troppo poco, è probabile che porti il ​​peso in eccesso, compreso il grasso della pancia.

Tuttavia, anche l'invecchiamento ha un ruolo. La massa muscolare può diminuire leggermente con l'età, mentre aumenta il grasso. La perdita di massa muscolare diminuisce anche la velocità con cui il corpo utilizza calorie, il che può rendere più difficile mantenere un peso sano.

Molte donne notano anche un aumento del grasso della pancia quando invecchiano, anche se non stanno ingrassando. Ciò è probabilmente dovuto a un livello decrescente di estrogeni, che sembra influenzare il punto in cui il grasso è distribuito nel corpo.

La tendenza a guadagnare o portare il peso intorno alla vita e avere una "mela" piuttosto che una "pera" potrebbe avere anche una componente genetica.

Perché il grasso della pancia è più profondo della pelle

Il problema con il grasso della pancia è che non si limita allo strato extra di imbottitura situato appena sotto la pelle (grasso sottocutaneo). Include anche grasso viscerale - che si trova in profondità all'interno dell'addome, che circonda gli organi interni.

Sebbene il grasso sottocutaneo presenti preoccupazioni estetiche, il grasso viscerale è legato a problemi di salute molto più pericolosi, tra cui:

  • Malattia del cuore
  • Diabete di tipo 2
  • Alta pressione sanguigna
  • Colesterolo anormale
  • Problemi respiratori

La ricerca ha anche associato il grasso della pancia con un aumentato rischio di morte prematura, indipendentemente dal peso complessivo. In effetti, alcuni studi hanno rilevato che anche quando le donne erano considerate un peso normale basato sull'indice di massa corporea standard (BMI) misurazioni, un girovita grande aumentava il rischio di morire di malattie cardiovascolari.

Misurare il tuo mezzo

Quindi, come fai a sapere se hai troppo grasso della pancia? Misura la tua vita:

  • Stai in piedi e metti un metro a nastro intorno al tuo stomaco, appena sopra l'osso iliaco.
  • Tira il metro finché non si adatta perfettamente a te, ma non spinge nella tua pelle. Assicurarsi che la misura del nastro sia completamente orizzontale.
  • Rilassati, espira e misura la tua vita, resistendo alla voglia di succhiare il tuo stomaco.

Per le donne, una misura della vita di più di 35 pollici (89 centimetri) indica una concentrazione malsana di grasso della pancia e un maggiore rischio di problemi di salute.

Tagliare il grasso

È possibile tonificare i muscoli addominali con crunch o altri esercizi addominali mirati, ma solo facendo questi esercizi non si sbarazzarsi di grasso della pancia. Tuttavia, il grasso viscerale risponde alla stessa dieta e strategie di esercizio che aiutano a perdere peso in eccesso e ridurre il grasso corporeo totale. Per combattere il grasso della pancia:

  • Mangia una dieta sana. Enfatizzare gli alimenti a base vegetale, come frutta, verdura e cereali integrali, e scegliere fonti di proteine ​​magre e latticini a basso contenuto di grassi. Limite di zuccheri aggiunti e grassi saturi, che si trova nella carne e nei latticini ad alto contenuto di grassi, come formaggio e burro. Scegli invece quantità moderate di grassi monoinsaturi e polinsaturi, presenti nel pesce, nelle noci e in alcuni oli vegetali.
  • Sostituire le bevande zuccherate. Bere acqua o bevande con dolcificante artificiale invece.
  • Mantenere le dimensioni delle porzioni sotto controllo. Anche quando fai scelte salutari, le calorie si sommano. A casa, dimagrisci le dimensioni delle porzioni. Nei ristoranti, condividi i pasti - o mangia metà del tuo pasto e prendi il resto a casa.
  • Includere attività fisica nella routine quotidiana. Per la maggior parte degli adulti sani, il Dipartimento della salute e dei servizi umani raccomanda attività aerobica moderata, come camminare a passo sostenuto, per almeno 150 minuti a settimana o attività aerobica vigorosa, come fare jogging, per almeno 75 minuti a settimana. Se usi un contapassi, ricorda che occorrono in media 10.000 passi al giorno per prevenire l'aumento di peso. Alcuni studi indicano che potrebbero essere necessari 15.000 passaggi al giorno per prevenire il recupero di peso dopo una significativa perdita di peso.

    Inoltre, si raccomandano esercizi di potenziamento della forza almeno due volte a settimana. Se si desidera perdere peso o raggiungere obiettivi di fitness specifici, potrebbe essere necessario esercitare di più.

Per perdere il grasso in eccesso e impedirgli di tornare indietro, mira alla perdita di peso lenta e costante - fino a 2 libbre (1 chilogrammo) alla settimana. Consulta il tuo medico per assistenza per iniziare e rimanere in pista.

21 aprile 2016

Riferimenti

  1. Palmer BF, et al. Il dimorfismo sessuale dell'obesità. Endocrinologia molecolare e cellulare. 2015; 402: 113.
  2. Halter JB, et al. Cambiamenti nella salute della menopausa e della mezza età. In: Medicina geriatrica e gerontologia di Hazzard. Sesto ed. New York, N.Y .: The McGraw-Hill Companies; 2009. http://www.accessmedicine.com. Accesso 8 marzo 2016.
  3. Bray GA, et al. Obesità negli adulti: prevalenza, screening e valutazione. http://www.uptodate.com/home. Accesso 4 marzo 2016.
  4. Comprendere l'obesità negli adulti. Weight-Control Information Network. http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/weight-control/understanding/Pages/understanding-adult-overweight-and-obesity.aspx. Accesso 8 marzo 2016.
  5. Perdere peso.Associazione americana del cuore. http://www.heart.org/HEARTORG/HealthyLiving/WeightManagement/LosingWeight/Losing-Weight_UCM_307904_Article.jsp#.Vt5ITOZjZDQ. Accesso 7 marzo 2016.
  6. Valutare il tuo peso e il rischio per la salute. Istituto nazionale del cuore, polmone e sangue. https://www.nhlbi.nih.gov/health/educational/lose_wt/risk.htm. Accesso 7 marzo 2016.
  7. Vatrella A. Adiposità addominale e funzione polmonare nelle donne. Nutrizione, metabolismo e malattie cardiovascolari. In stampa. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0939475315302076. Accesso 4 marzo 2016.
  8. Cerhan JR, et al. Un'analisi aggregata della circonferenza della vita e della mortalità in 650.000 adulti. Procedure della Mayo Clinic. 2014; 89: 335.
  9. Staiano AE, et al. Indice di massa corporea rispetto alla circonferenza della vita come predittori di mortalità negli adulti canadesi. International Journal of Obesity. 2012; 36: 1450.
  10. Carlsson AC, et al. La previsione delle patologie cardiovascolari mediante misure di obesità addominale dipende dal peso corporeo e dal sesso - Risultati di due studi di coorte basati sulla comunità. Nutrizione, metabolismo e malattie cardiovascolari. 2014; 24: 891.
  11. Linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani. Dipartimento americano di salute e servizi umani e dipartimento americano dell'agricoltura. http://health.gov/dietaryguidelines/2015/guidelines. Accesso 8 marzo 2016.
  12. Shah RV, et al. Distribuzione della dieta e del tessuto adiposo: lo studio multietnico dell'aterosclerosi. Nutrizione, metabolismo e malattie cardiovascolari. 2016; 26: 185.
  13. Sindrome metabolica. Istituto nazionale del cuore, polmone e sangue. http://www.nhlbi.nih.gov/book/export/html/4951. Accesso 7 marzo 2016.
  14. McClure CK, et al. Allattamento al seno e successiva adiposità viscerale materna. Obesità. 2011; 19: 2205.
  15. Jensen MD (parere degli esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minn. 10 marzo 2016.
Vedi di più Approfondimenti

.

4.5
5
11
4
3
3
3
2
1
1
0