La differenza tra procedure invasive e non invasive

I medici hanno a disposizione un'ampia gamma di procedure, test e strumenti per diagnosticare e curare le malattie. Alcune di queste procedure sono più facili da eseguire e non così difficili per il paziente - mentre altre sono difficili e presentano un rischio maggiore per il paziente. Sfortunatamente, le procedure più difficili sono spesso necessarie per aiutare il paziente.

In un senso molto ampio e generale, le procedure possono essere suddivise in due categorie: procedure invasive e procedure non invasive. Quali sono le differenze tra questi e perché sceglieresti l'uno rispetto all'altro?

Una procedura invasiva è definita come una procedura medica che rompe la pelle in qualche modo. Questa è una categoria enorme e include quasi tutti i principali interventi chirurgici e molti test diagnostici. Se lascia una cicatrice, è molto probabilmente una procedura invasiva. Potrebbero essere necessarie procedure invasive per rimuovere un tumore, riparare un osso rotto o interrompere l'emorragia interna. Ovviamente, sono solo tre esempi: ci sono letteralmente dozzine di altre indicazioni per le procedure invasive.

Anche le procedure non invasive sono abbastanza comuni. Questi sono definiti come qualsiasi procedura medica che non rompere la pelle. Ovviamente, questa è una categoria di grandi dimensioni. Gli studi di imaging, compresi i raggi X, gli ultrasuoni, la risonanza magnetica e le scansioni TC sono tutti esempi di procedure non invasive. Gli ECG sono anche non invasivi.

Le procedure non invasive non sono sempre adatte solo per fare una diagnosi (come negli esempi precedenti) - a volte vengono usate come trattamento. Il miglior esempio di questo è la radioterapia utilizzata per curare il cancro. In questa procedura, la radiazione viene applicata a un'area del corpo nel tentativo di uccidere un tumore canceroso. Non è necessario tagliare il paziente poiché il fascio di radiazioni può essere applicato dall'esterno.

Oltre a questo esempio, ci sono dozzine di tipi e sottotipi di procedure non invasive.

I medici hanno un'altra categoria di procedure mediche - conosciute come "minimamente invasive". A volte è necessario praticare un'incisione in un paziente, ma quell'incisione non è grande e non richiede un lungo tempo di guarigione. Questi tipi di procedure stanno diventando più comuni.

La laparoscopia è considerata una procedura "minimamente invasiva" nella maggior parte dei casi. Piccole incisioni vengono eseguite sulla pelle e gli strumenti chirurgici vengono inseriti nel paziente, ma le incisioni e gli strumenti sono più piccoli degli strumenti tradizionali. I tempi di guarigione sono molto più brevi e il recupero è molto più facile per queste procedure.

Altri esempi comuni di procedure minimamente invasive includono endoscopia, colonscopia, scansioni PET, angioplastica, cateterizzazione coronarica e molti altri. La chirurgia e le procedure mininvasive non sono prive di rischi. C'è ancora una possibilità di infezione e altre complicazioni - anche se in molti casi questi rischi sono ridotti. Per dettagli su una particolare procedura, è meglio parlare con il medico.

Articoli correlati:

Che cos'è una procedura invasivaComprendere le procedure laparoscopicheChirurgia laparoscopica Procedura laparoscopica LaproscopicaPerché le persone si sottopongono a procedure invasive
4.5
5
15
4
3
3
2
2
2
1
1