Cellulite

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Da non confondere con la cellulite o la celluloide.
Cellulite
L'aspetto increspato della cellulite
Classificazione e risorse esterne
Specialità Chirurgia plastica
MedlinePlus 002033

La cellulite (conosciuta anche come adiposi edematosa, dermopanniculosis deformans, status protrusus cutis, lipodistrofia ginoide e sindrome della buccia d'arancia) è l'ernia del grasso sottocutaneo all'interno del tessuto connettivo fibroso che si manifesta topograficamente come fossetta e nodosità cutanea, spesso nella regione pelvica (in particolare il glutei), arti inferiori e addome.[1][2] La cellulite si verifica nella maggior parte delle donne postpubescenti.[3] Una revisione dà una prevalenza dell'85% al ​​98% delle donne,[4] indicando che è fisiologico piuttosto che patologico. Può derivare da una complessa combinazione di fattori che vanno dagli ormoni all'ereditarietà.

Le cause

Le cause della cellulite[5] includere cambiamenti nel metabolismo, fisiologia, abitudini alimentari e di dieta, obesità, architettura dimorfica specifica del sesso, alterazione della struttura del tessuto connettivo, fattori ormonali, fattori genetici, il sistema microcircolatorio, la matrice extracellulare e sottili alterazioni infiammatorie.[1][3][5][6]

Fattori ormonali

Gli ormoni svolgono un ruolo dominante nella formazione della cellulite. L'estrogeno può essere l'ormone importante nello sviluppo della cellulite. Tuttavia, non vi sono state prove cliniche attendibili a sostegno di tale affermazione. Altri ormoni, tra cui l'insulina, le catecolamine, l'adrenalina e la noradrenalina, gli ormoni tiroidei e la prolattina, sono tutti ritenuti coinvolti nello sviluppo della cellulite.[1]

Fattori genetici

C'è un elemento genetico nella suscettibilità individuale alla cellulite.[1] I ricercatori guidati da Enzo Emanuele hanno rintracciato la componente genetica della cellulite a particolari polimorfismi nell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) e dei geni HIF1a (fattore inducibile dall'ipossia 1A).[7]

Fattori predisponenti

Diversi fattori hanno dimostrato di influenzare lo sviluppo della cellulite. Il sesso, la razza, il biotipo, la distribuzione del grasso sottocutaneo e la predisposizione all'insufficienza linfatica e circolatoria hanno tutti dimostrato di contribuire alla cellulite.[1]

Stile di vita

Uno stile di vita molto stressante causerà un aumento del livello di catecolamine, che sono anche state associate allo sviluppo della cellulite.[1]

trattamenti

La cellulite è una condizione multifattoriale[8] che non risponde a una vasta gamma di trattamenti. Tuttavia, attualmente ci sono molti trattamenti possibili contro la cellulite come cura della pelle e terapia non invasiva (principalmente radiofrequenza con penetrazione profonda sulla pelle). Tuttavia non vi è alcuna prova che questi processi cosmetici funzionino. [9]

Epidemiologia

Si pensa che la cellulite si verifichi nell'80-90% delle femmine post-adolescenti.[7][10] Sembra che ci sia una componente ormonale alla sua presentazione. La sua esistenza come un vero disordine è stata sfidata[11] e l'opinione medica prevalente è che si tratta semplicemente della "condizione normale di molte donne".[12] Raramente si vede nei maschi,[1] ma è più comune nei maschi con stati carenti di androgeni, come la sindrome di Klinefelter, l'ipogonadismo, gli stati di postcastrosi e in quei pazienti che ricevono terapia estrogenica per il cancro alla prostata. La cellulite diventa più grave in quanto la carenza di androgeni peggiora in questi maschi.

Storia

Il termine fu usato per la prima volta negli anni 1920 dai servizi di bellezza e spa per promuovere i loro servizi, e cominciò a comparire nelle pubblicazioni in lingua inglese alla fine degli anni '60, con il primo riferimento nella rivista Vogue, "Come un pesce migratore veloce, la parola cellulite ha improvvisamente attraversato l'Atlantico ".[13]

Riferimenti

  1. ^ a b c d e f g Rossi, Ana Beatris R; Vergnanini, Andre Luiz (2000). "Cellulite: una revisione". Rivista dell'Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia. 14 (4): 251-62. doi: 10,1046 / j.1468-3083.2000.00016.x. PMID 11204512.
  2. ^ Pinna, K. (2007). Nutrizione e terapia dietetica. Belmont, CA: Wadsworth. p. 178.
  3. ^ a b Avram, Mathew M (2004). "Cellulite: una revisione della sua fisiologia e trattamento". Journal of Cosmetic and Laser Therapy. 6 (4): 181-5. doi: 10,1080 / 14764170410003057. PMID 16020201.
  4. ^ Janda, K; Tomikowska, A (2014). "Cellulite - cause, prevenzione, trattamento". Annales Academiae Medicae Stetinensis. 60 (1): 29-38. PMID 25518090.
  5. ^ a b Pavicic, Tatjana; Borelli, Claudia; Korting, Hans Christian (2006). "Cellulite - das größte Hautproblem des Gesunden? Eine Annäherung" [La cellulite - il più grande problema di pelle nelle persone sane? Un approccio]. JDDG (in tedesco). 4 (10): 861-70. doi: 10.1111 / j.1610-0387.2006.06041.x. PMID 17010177.
  6. ^ Terranova, F .; Berardesca, E .; Maibach, H. (2006). "Cellulite: natura ed eziopatogenesi". International Journal of Cosmetic Science. 28 (3): 157-67. doi: 10.1111 / j.1467-2494.2006.00316.x. PMID 18489272.
  7. ^ a b Emanuele, E; Bertona, M; Geroldi, D (2010). "Un approccio multicentrico candidato identifica ACE e HIF1A come geni di suscettibilità per la cellulite". Rivista dell'Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia. 24 (8): 930-5. doi: 10.1111 / j.1468-3083.2009.03556.x. PMID 20059631.
  8. ^ Rossi, Anthony M .; Katz, Bruce E. (2014). "Un approccio moderno al trattamento della cellulite". Cliniche dermatologiche. 32 (1): 51-9. doi: 10.1016 / j.det.2013.09.005. PMID 24267421.
  9. ^ Oro, Michael H. (2012). "Cellulite - una panoramica della terapia non invasiva con sistemi basati sull'energia". JDDG. 10 (8): 553-8. doi: 10.1111 / j.1610-0387.2012.07950.x. PMID 22726640.
  10. ^ Wanner, M; Avram, M (2008). "Una valutazione basata sull'evidenza dei trattamenti per la cellulite". Journal of Drugs in Dermatology. 7 (4): 341-5. PMID 18459514.
  11. ^ Nürnberger, F .; Müller, G. (1978). "La cosiddetta cellulite: una malattia inventata". Il Journal of Dermatologic Surgery and Oncology. 4 (3): 221-9. doi: 10.1111 / j.1524-4725.1978.tb00416.x. PMID 632386.
  12. ^ Enciclopedia MedlinePlus Cellulite
  13. ^ Voga 15 aprile 1968 110/1

Ulteriori letture

Rivedi gli articoli
  • Khan, Misbah H .; Victor, Frank; Rao, Babar; Sadick, Neil S. (2010). "Trattamento della cellulite". Ufficiale dell'American Academy of Dermatology. 62 (3): 361-70; quiz 371-2. doi: 10.1016 / j.jaad.2009.10.042. PMID 20159304.
  • Khan, Misbah H .; Victor, Frank; Rao, Babar; Sadick, Neil S. (2010). "Trattamento della cellulite". Ufficiale dell'American Academy of Dermatology. 62 (3): 373-84; quiz 385-6. doi: 10.1016 / j.jaad.2009.10.041. PMID 20159305.

link esterno

  • Media relativi alla cellulite su Wikimedia Commons
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Cellulite&oldid=846450979"
4.6
5
11
4
3
3
3
2
3
1
1