Disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Questo articolo riguarda la sindrome con dolori articolari. Per la gamma di malattie che interessano l'articolazione, vedere Patologia dell'articolazione temporomandibolare.
Disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare
Sinonimi Sindrome da disfunzione dell'articolazione temporomandibolare, disturbo temporo-mandibolare, altri[1]
Articolazione temporo-mandibolare
Specialità Medicina orale

La disfunzione dell'articolazione temporomandibolare (TMD, TMJD) è un termine generico che copre il dolore e la disfunzione dei muscoli della masticazione (i muscoli che muovono la mandibola) e le articolazioni temporo-mandibolari (le articolazioni che collegano la mandibola al cranio). La caratteristica più importante è il dolore, seguito da un movimento mandibolare limitato,[2] e rumori dalle articolazioni temporo-mandibolari (ATM) durante il movimento della mandibola. Sebbene la TMD non sia pericolosa per la vita, può essere dannosa per la qualità della vita,[3] perché i sintomi possono diventare cronici e difficili da gestire.

La TMD è un complesso di sintomi piuttosto che una singola condizione e si pensa che sia causata da molteplici fattori.[4][5] Tuttavia, questi fattori sono capiti male,[6] e c'è disaccordo sulla loro relativa importanza. Ci sono molti trattamenti disponibili,[7] sebbene vi sia una generale mancanza di prove per qualsiasi trattamento nella TMD e nessun protocollo di trattamento ampiamente accettato. Trattamenti comuni includono la fornitura di stecche occlusali, interventi psicosociali come terapia cognitivo comportamentale e farmaci antidolorifici o altri. La maggior parte delle fonti concorda sul fatto che nessun trattamento irreversibile dovrebbe essere effettuato per TMD.[8]

Circa il 20% -30% della popolazione adulta è interessata in una certa misura.[7] Di solito le persone affette da TMD hanno tra 20 e 40 anni,[3] ed è più comune nelle femmine rispetto ai maschi.[9] La TMD è la seconda causa più frequente di dolore orofacciale dopo il dolore dentale (cioè mal di denti).[10]

Classificazione

Classificazione:[11]
Muscolare:
  • Iperattività, spasmo e trisma
  • Infiammazione (miosite)
  • Trauma
  • Dolore miofasciale e fibromialgia
  • Atrofia o ipertrofia
Arthrogenic:
  • Dislocamento del disco (squilibrio interno)
  • Ipomobilità del disco (aderenze o cicatrici)
  • Dislocazione e sublussazione
  • Artrite
  • infezioni
  • Malattia metabolica (gotta, condrocalcinosi)
  • Capsulite, sinovite
  • Anchilosi (fibrosa o ossea)
  • Frattura
  • Processo condiloideo assente, grande o piccolo
  • Neoplasia

La TMD è considerata da alcuni come uno dei 4 maggiori complessi di sintomi nel dolore cronico-facciale, insieme alla sindrome della bocca infiammata, al dolore facciale atipico e all'odontalgia atipica.[12] La TMD è stata considerata come un tipo di muscolo scheletrico,[13]neuromuscolare,[14] o disturbo reumatologico.[13] È stata anche chiamata sindrome da dolore funzionale,[6] e un disturbo psicogeno.[15] Altri considerano la TMD una "sindrome da sensibilità centrale", in riferimento all'evidenza che la TMD potrebbe essere causata da una sensibilità mediata al dolore.[16] Si ipotizza che vi sia una grande somiglianza tra la TMD e altre sindromi dolorose come la fibromialgia, la sindrome dell'intestino irritabile, la cistite interstiziale, il mal di testa, il dolore lombare cronico e il dolore cronico al collo. Questi disturbi sono stati anche teorizzati per essere causati dalla sensibilità mediata al dolore e inoltre spesso si verificano insieme.[16]

Definizioni e terminologia

Frequentemente, la TMD è stata trattata come una singola sindrome, ma la visione moderna prevalente è che la TMD è un insieme di disturbi correlati con molte caratteristiche comuni.[13] In effetti, alcuni hanno suggerito che in futuro il termine TMD potrebbe essere scartato poiché le diverse cause sono completamente identificate e separate in condizioni diverse.[15] A volte, la "disfunzione dell'articolazione temporomandibolare" è descritta come la forma più comune di disturbo temporo-mandibolare,[4] mentre molte altre fonti usano sinonimo del disturbo temporo-mandibolare, o al posto del termine disfunzione dell'articolazione temporomandibolare. A sua volta, il termine disordine temporo-mandibolare è descritto come "un termine clinico [riferito a] disturbi muscoloscheletrici che colpiscono le articolazioni temporo-mandibolari e la loro muscolatura associata.È un termine collettivo che rappresenta un gruppo eterogeneo di patologie che coinvolgono l'articolazione temporo-mandibolare, i muscoli della masticazione , o entrambi".[2] Un'altra definizione di disturbi temporo-mandibolari è "un gruppo di condizioni con segni e sintomi simili che colpiscono le articolazioni temporo-mandibolari, i muscoli della masticazione o entrambi".[17] Il disturbo temporomandibolare è un termine che crea confusione poiché si riferisce a un gruppo di condizioni sintomatiche similari, mentre molte fonti usano il termine disturbi temporomandibolari come una descrizione vaga piuttosto che una sindrome specifica e si riferiscono a qualsiasi condizione che possa interessare le articolazioni temporo-mandibolari (vedere tavolo). L'articolazione temporo-mandibolare è suscettibile a una vasta gamma di malattie, alcune più rare di altre, e non vi è alcuna implicazione che tutte queste causino alcun sintomo o limitazione della funzionalità.

I termini preferiti nelle pubblicazioni mediche sono in una misura influenzata dalla posizione geografica, ad es. nel Regno Unito, il termine "sindrome da disfunzione del dolore" è di uso comune e in altri paesi vengono usati termini diversi.[4] Negli Stati Uniti, il termine "disturbo temporo-mandibolare" è generalmente favorito. L'American Academy of Orofacial Pain utilizza il disturbo temporo-mandibolare, mentre l'Istituto nazionale di ricerca dentale e cranio-facciale utilizza il disturbo dell'articolazione temporomandibolare.[18] Un elenco più completo di sinonimi per questo argomento è esteso, alcuni dei quali sono più comunemente usati di altri.Oltre a quelli già citati, gli esempi includono "sindrome da disfunzione del dolore dell'articolazione temporomandibolare", "sindrome da disfunzione temporomandibolare del dolore", "sindrome dell'articolazione temporo-mandibolare", "sindrome da disfunzione temporomandibolare", "disfunzione temporomandibolare", "disturbo temporo-mandibolare", "sindrome temporo-mandibolare" , "artromialgia facciale", "sindrome da disfunzione del dolore miofasciale", "disfunzione craniomandibolare" (CMD), "disfunzione da dolore miofasciale", "mialgia masticatoria", "disfunzione mandibolare" e "sindrome di Costen".

La mancanza di standardizzazione in termini non è limitata ai documenti medici. Le notevoli fonti riconosciute a livello internazionale variano sia nel loro termine preferito, sia nella definizione offerta, ad es.

"Sindrome temporomandibolare e disfunzione - Dolore nei muscoli della masticazione, a volte con un breve dolore occasionale a breve durante la masticazione, spesso associato a movimenti limitati delle mascelle e suoni pulsanti o scoppiettanti". (Classificazione del dolore cronico, Associazione internazionale per lo studio del dolore).[19]

"Mal di testa o dolore facciale attribuito al disturbo dell'articolazione temporomandibolare". (Classificazione internazionale dei disturbi dell'emicrania 2a edizione (ICHD-2), International Headache Society).[20]

"Sindrome temporomandibolare da disfunzione del dolore articolare" elencata a sua volta sotto "Disordini dell'articolazione temporomandibolare" (10a revisione della International Classification of Diseases).[21]

In questo articolo, il termine disordine temporo-mandibolare è inteso come qualsiasi disordine che interessa l'articolazione temporo-mandibolare e la disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare (qui anche abbreviata in TMD) è intesa come disfunzione sintomatica (es. Dolore, limitazione del movimento, clic) del temporomandibolare congiunto, tuttavia non esiste un termine o definizione univoci accettati a livello globale[18] riguardo questo argomento.

Per causa e sintomi

È stato suggerito che la TMD possa svilupparsi in seguito a traumi fisici, in particolare lesioni da colpo di frusta, sebbene la prova di ciò non sia conclusiva. Questo tipo di TMD è talvolta definito "TMD post-traumatico" (pTMD) per distinguerlo dalla TMD di causa sconosciuta, a volte definito "TMD idiopatico" (iTMD).[13] A volte la TMD muscolare (miogenica) (anch'essa denominata TMD miogenica, o TMD secondaria al dolore e alla disfunzione miofasciale) si distingue dalla TMD associata all'articolazione (denominata anche TMD artrosica, o TMD secondaria alla vera malattia articolare), a seconda che i muscoli di masticazione o gli ATM stessi sono prevalentemente coinvolti. Questa classificazione, che divide efficacemente la TMD in 2 sindromi, è seguita dall'American Academy of Orofacial Pain.[18] Tuttavia, poiché la maggior parte delle persone con TMD potrebbe essere inserita in entrambi questi gruppi, il che rende difficile una singola diagnosi quando viene utilizzata questa classificazione. I criteri diagnostici di ricerca (RDC / TMD) consentono diagnosi multiple nel tentativo di superare i problemi con altre classificazioni. RDC / TMD considera i disordini temporomandibolari in 2 assi; l'asse I è l'aspetto fisico e l'asse II comporta la valutazione dello stato psicologico, della funzione mandibolare e della disabilità psicosociale correlata alla TMD.[18] L'asse I è ulteriormente diviso in 3 gruppi generali. Gruppo I sono disturbi muscolari, gruppo II sono spostamenti del disco e gruppo III sono disturbi articolari,[10] anche se è comune per le persone con TMD adattarsi a più di uno di questi gruppi.

Per durata

A volte viene fatta una distinzione tra la TMD acuta, dove i sintomi durano meno di 3 mesi e la TMD cronica, dove i sintomi durano per più di 3 mesi.[2] Non si sa molto sulla TMD acuta poiché questi individui non frequentano tipicamente le cure secondarie (ospedale).[2]

segni e sintomi

Segni e sintomi del disturbo dell'articolazione temporomandibolare variano nella loro presentazione. I sintomi di solito coinvolgono più di uno dei vari componenti del sistema masticatorio, muscoli, nervi, tendini, legamenti, ossa, tessuto connettivo o denti.[22]

I tre segni cardinali e sintomi di TMD descritti in modo classico sono:[10][23]

  • Dolore e tenerezza alla palpazione nei muscoli della masticazione, o dell'articolazione stessa (dolore preauricolare - dolore sentito proprio di fronte all'orecchio). Il dolore è la caratteristica che definisce la TMD e di solito è aggravato dalla manipolazione o dalla funzione,[2] come quando mastichi, stringi,[11] o sbadiglio, ed è spesso peggio al risveglio. Il carattere del dolore è solitamente noioso o dolente, mal localizzato,[6] e intermittente, anche se a volte può essere costante. Il dolore è più solitamente unilaterale (situato su un lato) piuttosto che bilaterale.[19] È raramente grave.[24]
  • Gamma limitata di movimento mandibolare,[2] che può causare difficoltà a mangiare o anche a parlare. Ci possono essere bloccaggio della mascella, o rigidità nei muscoli della mascella e nelle articolazioni, specialmente presenti al risveglio.[17] Ci possono anche essere incoordinazione, asimmetria o deviazione del movimento mandibolare.[2]
  • Rumori dall'articolazione durante il movimento mandibolare, che possono essere intermittenti.[4] I rumori articolari possono essere descritti come cliccando,[2] popping,[19] o crepitio (reticolo).[17]

Sono stati anche descritti altri segni e sintomi, sebbene questi siano meno comuni e meno significativi dei segni e dei sintomi cardinali sopra elencati. Esempi inclusi:

  • Mal di testa (eventualmente),[4] per esempio. dolore nella regione occipitale (la parte posteriore della testa), o sulla fronte;[11] o altri tipi di dolore facciale inclusa l'emicrania,[22]mal di testa da tensione.[22] o dolore miofasciale.[22]
  • Dolore altrove, come i denti[11] o collo.[9]
  • Acutezza acuta attenuata (perdita dell'udito).[22]
  • Acufeni (occasionalmente).[17]
  • Vertigini.[9]
  • Sensazione di malocclusione (sensazione che i denti non si incontrino correttamente).[19]

Le cause

La TMD è un complesso di sintomi (ad es.un gruppo di sintomi che si manifestano insieme e caratterizzano una particolare malattia), che si pensa sia causato da molteplici fattori scarsamente compresi,[4][5][6] ma l'esatta eziologia è sconosciuta.[25] Ci sono fattori che sembrano predisporre a TMD (genetico, ormonale, anatomico), fattori che possono farla precipitare (trauma, alterazioni occlusali, parafunzione), e anche fattori che possono prolungarla (stress e di nuovo parafunzione).[17] Nel complesso, due ipotesi hanno dominato la ricerca sulle cause della TMD, vale a dire un modello psicosociale e una teoria della disarmonia occlusale.[25] L'interesse per i fattori occlusali come fattore causale nella TMD era particolarmente diffuso in passato, e la teoria da allora è caduta in disgrazia e diventa controversa a causa della mancanza di prove.

Dislocamento del disco

Nelle persone con TMD, è stato dimostrato che la testa inferiore del pterigoideo laterale si contrae durante la chiusura della bocca (quando dovrebbe rilassarsi) ed è spesso tenera alla palpazione. Per teorizzare su questa osservazione, alcuni hanno suggerito che a causa di uno strappo nella parte posteriore della capsula articolare, il disco articolare può essere spostato in avanti (spostamento del disco anteriore), fermando la parte superiore del pterigoideo laterale dall'agire per stabilizzare il disco farebbe normalmente Come meccanismo di compensazione biologico, la testa inferiore cerca di riempire questo ruolo, quindi l'anormale attività muscolare durante la chiusura della bocca. Ci sono alcune prove che lo spostamento del disco anteriore è presente in proporzione ai casi di TMD. Lo spostamento anteriore del disco con riduzione si riferisce al movimento in avanti anormale del disco durante l'apertura che si riduce alla chiusura. Lo spostamento del disco anteriore senza riduzione si riferisce ad una posizione anormale in avanti, a grappolo del disco articolare che non si riduce. In quest'ultimo scenario, il disco non è intermedio tra il condilo e la fossa articolare come dovrebbe essere, e quindi le superfici articolari delle ossa stesse sono esposte a un grado maggiore di usura (che può predisporre all'osteoartrosi in età avanzata).[5]

Malattia articolare degenerativa

Il termine generale "malattia articolare degenerativa" si riferisce all'artrite (sia l'artrosi e l'artrite reumatoide) che l'artrosi. Il termine artrosi può causare confusione poiché nella letteratura specialistica TMD significa qualcosa di leggermente diverso dalla più ampia letteratura medica. In medicina in generale, l'artrosi può essere un termine non specifico per un'articolazione, qualsiasi malattia di un'articolazione (o malattia articolare specificamente degenerativa), ed è anche usato come sinonimo di osteoartrite.[26] Nella letteratura specializzata che si è evoluta intorno alla ricerca sulla TMD, l'artrosi si differenzia dall'artrite per la presenza rispettivamente di bassa e nessuna infiammazione.[6] Entrambi sono tuttavia ugualmente degenerativi.[6] Le ATM sono talvolta descritte come una delle articolazioni più utilizzate nel corpo. Nel corso del tempo, sia con l'uso normale che con l'uso parafunzionale dell'articolazione, si possono verificare usura e degenerazione, definita osteoartrite. L'artrite reumatoide, una malattia autoimmune delle articolazioni, può colpire anche le ATM. Le malattie degenerative delle articolazioni possono portare a difetti nella forma dei tessuti dell'articolazione, limitazione della funzione (ad esempio movimenti mandibolari ristretti) e dolore alle articolazioni.[6]

Fattori psicosociali

Lo stress emotivo (ansia, depressione, rabbia) può aumentare il dolore causando attività autonoma, viscerale e scheletrica e riducendo l'inibizione attraverso le vie discendenti del sistema limbico. Le interazioni di questi sistemi biologici sono state descritte come un circolo vizioso di "ansia-dolore-tensione" che si pensa sia frequentemente coinvolto nella TMD. In parole semplici, lo stress e l'ansia causano la digrignamento dei denti e una contrazione muscolare sostenuta nel viso. Questo produce dolore che provoca ulteriore ansia che a sua volta provoca spasmo muscolare prolungato a punti trigger, vasocostrizione, ischemia e rilascio di mediatori del dolore. Il dolore scoraggia l'uso del sistema masticatorio (un fenomeno simile in altre condizioni di dolore cronico è definito comportamento di "abbandono della paura"), che porta a riduzione della flessibilità muscolare, tono, forza e resistenza. Ciò si manifesta con un'apertura della bocca limitata e una sensazione che i denti non si adattano correttamente.[12]

Le persone con TMD hanno una prevalenza più alta di disturbi psicologici rispetto alle persone senza TMD.[27] Le persone con TMD hanno dimostrato di avere livelli più elevati di ansia, depressione, somatizzazione e privazione del sonno, e questi potrebbero essere considerati fattori di rischio importanti per lo sviluppo della TMD.[5][27] Nei 6 mesi precedenti l'insorgenza, il 50-70% delle persone con TMD riferisce di sperimentare eventi di vita stressanti (ad esempio, il lavoro, il denaro, la salute o la perdita di relazione). È stato ipotizzato che tali eventi inducano ansia e causino un aumento dell'attività della mandibola. L'iperattività muscolare è stata anche mostrata nelle persone con TMD durante gli esami o guardando film horror.[5]

Altri sostengono che un legame tra iperattività muscolare e TMD non è stato dimostrato in modo convincente e che il disagio emotivo può essere più una conseguenza del dolore piuttosto che una causa.[25]

Bruxismo

Articolo principale: Bruxismo

Il bruxismo è un'attività parafunzionale orale in cui vi è un eccessivo serraggio e digrignamento dei denti. Può verificarsi durante il sonno o mentre sei sveglio. La causa del bruxismo stesso non è completamente compresa, ma i fattori psicosociali sembrano essere implicati nel bruxismo sveglio e nella disfunzione dopaminergica e altri meccanismi del sistema nervoso centrale possono essere coinvolti nel bruxismo del sonno. Se il dolore alla TMD e la limitazione del movimento mandibolare sono maggiori al risveglio, e poi lentamente si risolvono durante il giorno, questo può indicare bruxismo del sonno. Viceversa, il bruxismo sveglio tende a causare sintomi che lentamente peggiorano durante il giorno e potrebbe non esserci alcun dolore al risveglio.

Il rapporto tra bruxismo e TMD è discusso.Molti suggeriscono che il bruxismo del sonno può essere un fattore causativo o contributivo dei sintomi del dolore nella TMD.[5][25][28][29] In effetti, i sintomi della TMD si sovrappongono a quelli del bruxismo.[30] Altri suggeriscono che non esiste una forte associazione tra TMD e bruxismo.[24] Una revisione sistematica che studia la possibile relazione ha concluso che quando il bruxismo viene utilizzato per diagnosticare il bruxismo, esiste un'associazione positiva con il dolore della TMD e quando vengono utilizzati criteri diagnostici più rigorosi per il bruxismo, l'associazione con i sintomi della TMD è molto più bassa.[31] Il bruxismo auto-segnalato è probabilmente un metodo inadeguato per identificare il bruxismo.[29] Ci sono anche molte persone che digrignano i loro denti e che non sviluppano la TMD.[17] Il bruxismo e altre attività parafunzionali possono giocare un ruolo nel perpetuare i sintomi in alcuni casi.[32]

Altre abitudini parafunzionali come la penna da masticare, il morso del labbro e della guancia (che può manifestarsi come morsicatio buccarum o linea alba), sono anche suggeriti per contribuire allo sviluppo della TMD.[5] Altre attività parafunzionali potrebbero includere la spinta della mascella, la masticazione eccessiva delle gomme, il mangiarsi le unghie e mangiare cibi molto duri.

Trauma

Il trauma, sia micro che macrotrauma, è talvolta identificato come possibile causa della TMD; tuttavia, la prova per questo non è forte.[24] Anche l'apertura prolungata della bocca (iper-estensione) è suggerita come possibile causa. Si pensa che questo porti a microtraumi e alla successiva iperattività muscolare. Questo può accadere durante il trattamento dentale, con l'intubazione orale mentre si è sotto anestesia generale, durante la pratica del canto o dello strumento a fiato (in realtà questi possono essere pensati come attività parafunzionali).[5] I danni possono essere causati da sbadigli violenti, risate, incidenti stradali, lesioni sportive, violenza interpersonale o durante le cure dentistiche,[24] (come l'estrazione dei denti).[5]

È stato proposto che esista un collegamento tra le lesioni da colpo di frusta (iper-estensione improvvisa del collo che si verificano di solito negli incidenti stradali) e lo sviluppo della TMD. Questo è stato definito "TMD post-traumatico", per separarlo da "TMD idiopatico".[13] Nonostante siano stati eseguiti più studi nel corso degli anni, l'evidenza cumulativa è stata descritta come conflittuale, con una moderata evidenza che la TMD può occasionalmente seguire lesioni da colpo di frusta.[13] La ricerca che suggerisce un collegamento sembra dimostrare un'incidenza da lieve a moderata di TMD dopo un colpo di frusta, e che il pTMD ha una risposta più povera al trattamento rispetto alla TMD che non si è sviluppata in relazione al trauma.[13]

Fattori occlusali

I fattori occlusali come fattore eziologico nella TMD sono argomenti controversi.[5] Anomalie di occlusione (problemi con il morso) sono spesso accusate di TMD ma non vi è alcuna prova che questi fattori siano coinvolti.[24] Le anomalie occlusali sono incredibilmente comuni e la maggior parte delle persone con anomalie occlusali non ha la TMD.[33] Sebbene le caratteristiche occlusali possano influenzare l'attività elettrica osservata nei muscoli masticatori,[34] non ci sono differenze statisticamente significative nel numero di anomalie occlusali nelle persone con TMD e nelle persone senza TMD.[5] Non vi è inoltre evidenza di un nesso causale tra il trattamento ortodontico e la TMD.[5] La visione moderna e tradizionale è che la stragrande maggioranza delle persone con TMD, i fattori occlusali non sono correlati.[17] Le teorie sui fattori occlusali nella TMD sono in gran parte di interesse storico. Una relazione causale tra fattori occlusali e TMD fu promossa da Ramfjord negli anni '60.[15] Una piccola minoranza di dentisti continua a prescrivere aggiustamenti occlusali nella convinzione che ciò preverrà o tratterà la TMD nonostante l'esistenza di revisioni sistematiche del soggetto che affermano che non ci sono prove per tali pratiche,[35] e la stragrande maggioranza dell'opinione è che nessun trattamento irreversibile dovrebbe essere effettuato nella TMD (vedi aggiustamento occlusale).

Fattori genetici

La TMD ovviamente non funziona in famiglie come una malattia genetica. È stato suggerito che possa esistere una predisposizione genetica per lo sviluppo di TMD (e in genere di sindromi da dolore cronico). Questo è stato postulato per essere spiegato dalle variazioni del gene che codifica per l'enzima catecol-O-metil transferasi (COMT) che può produrre 3 diversi fenotipi per quanto riguarda la sensibilità al dolore. COMT (insieme con monoammina ossidasi) è coinvolto nella scomposizione di catecolamine (ad esempio dopamina, adrenalina e noradrenalina). La variazione del gene COMT che produce meno di questo enzima è associata ad un'alta sensibilità al dolore. Le femmine con questa variazione, sono 2-3 volte più a rischio di sviluppare la TMD rispetto alle femmine senza questa variante. Tuttavia questa teoria è controversa in quanto vi sono prove contrastanti.[6]

Fattori ormonali

Dato che le femmine sono più spesso colpite dalla TMD rispetto ai maschi, è stato suggerito che l'estrogeno dell'ormone sessuale femminile sia coinvolto.[6] I risultati di uno studio hanno suggerito che i periodi di più alto dolore nella TMD possono essere correlati a rapidi periodi di cambiamento nel livello di estrogeni circolanti. L'estrogeno basso era anche correlato al dolore più elevato.[15] Nel ciclo mestruale, i livelli di estrogeni fluttuano rapidamente durante l'ovulazione, e aumenta anche rapidamente appena prima delle mestruazioni e diminuisce rapidamente durante le mestruazioni. Le donne in post-menopausa che sono trattate con la terapia ormonale sostitutiva hanno maggiori probabilità di sviluppare la TMD, o possono sperimentare una riacutizzazione se già avevano la TMD. Sono stati proposti diversi possibili meccanismi mediante i quali gli estrogeni potrebbero essere coinvolti nei sintomi della TMD. L'estrogeno può svolgere un ruolo nella modulazione dell'infiammazione articolare, dei neuroni nocicettivi nel nervo trigemino, dei riflessi muscolari sul dolore e dei recettori μ-oppioidi.[6]

Possibili associazioni

La TMD è stata suggerita per essere associata ad altre condizioni o fattori, con prove a vari livelli e alcuni più comunemente di altri. Per esempio.È stato dimostrato che il 75% delle persone con TMD potrebbe anche essere diagnosticato con fibromialgia, dal momento che hanno soddisfatto i criteri diagnostici e che, al contrario, il 18% delle persone con fibromialgia ha incontrato i criteri diagnostici per la TMD.[16] Un possibile collegamento tra molte di queste condizioni croniche del dolore è stato ipotizzato essere dovuto a meccanismi patofisiologici condivisi e sono stati definiti collettivamente "sindromi di sensibilità centrale",[16] sebbene altre associazioni apparenti non possano essere spiegate in questo modo. Recentemente una pletora di ricerche ha dimostrato una relazione causale tra TMD e apnea ostruttiva del sonno (OSA). La severa TMD limita l'apertura delle vie aeree per via orale e può comportare una postura retrognatica che provoca il blocco della lucentezza dell'orofaringe quando la lingua si rilassa nel sonno. Questo meccanismo è esacerbato dal consumo di alcol, così come da altre sostanze chimiche che si traducono in uno stato miotonico ridotto dell'orofaringe.

  • Apnea ostruttiva del sonno.[36][37]
  • Artrite reumatoide.[17]
  • Lassità articolare sistemica.[17]
  • Mal di schiena cronico.[15]
  • Sindrome dell'intestino irritabile.[16]
  • Mal di testa.[16]
  • Dolore al collo cronico[16]
  • Cistite interstiziale.[16]
  • Immersioni regolari.[5][38]

fisiopatologia

Giuntura temporomandibolare sinistra, vista laterale.
Sinistra TMJ, vista mediale, mostrando legamenti sphenomandibular e stylomandibular.
Sezione trasversale dell'ATM sagittale che mostra eminenza articolare, disco articolare e spazi articolari superiore e inferiore.

Anatomia e fisiologia

Articolazioni temporomandibolari

Articolo principale: articolazione temporomandibolare

Le articolazioni temporo-mandibolari sono la doppia articolazione della mandibola con il cranio. Ogni TMJ è classificata come articolazione "glymoartrionale" poiché è sia un gingillus (articolazione a cerniera) che un'articolazione (scorrevole) articolare,[39] e coinvolge il processo condilare della mandibola sottostante e la fossa articolare (o fossa glenoidea) dell'osso temporale sopra. Tra queste superfici articolari è il disco articolare (o menisco), che è un disco biconcavo, trasversalmente ovale composto da denso tessuto connettivo fibroso. Ogni ATM è coperto da una capsula fibrosa. Ci sono fibre strette che collegano la mandibola al disco e fibre sciolte che collegano il disco all'osso temporale, il che significa che ci sono in effetti 2 capsule articolari, creando uno spazio articolare superiore e uno spazio articolare inferiore, con il disco articolare in mezzo. La membrana sinoviale dell'ATM allinea l'interno della capsula fibrosa a parte le superfici articolari e il disco. Questa membrana secerne il liquido sinoviale, che è sia un lubrificante per riempire gli spazi articolari, sia un mezzo per convogliare i nutrienti ai tessuti all'interno dell'articolazione. Dietro al disco si trova il tessuto vascolare allentato chiamato "regione bilaminare" che funge da attacco posteriore per il disco e si riempie anche di sangue per riempire lo spazio creato quando la testa del condilo si traduce giù per l'eminenza articolare.[40] A causa della sua forma concava, a volte il disco articolare è descritto come avente una banda anteriore, una zona intermedia e una fascia posteriore.[41] Quando la bocca è aperta, il movimento iniziale del condilo mandibolare è rotatorio, e questo coinvolge principalmente lo spazio articolare inferiore, e quando la bocca viene aperta ulteriormente, il movimento del condilo è traslazionale, coinvolgendo principalmente lo spazio articolare superiore.[42] Questo movimento di traslazione è ottenuto dalla testa condilica che scende lungo l'eminenza articolare, che costituisce il bordo anteriore della fossa articolare.[33] La funzione dell'eminenza articolare è limitare il movimento in avanti del condilo.[33] Il legamento direttamente associato all'ATM è il legamento temporomandibolare, detto anche legamento laterale, che è in realtà un ispessimento dell'aspetto laterale della capsula fibrosa.[33] Il legamento stylomandibular e il legamento sphenomandibular non sono direttamente associati con la capsula articolare. Insieme, questi legamenti agiscono per limitare i movimenti estremi dell'articolazione.[43]

Muscoli di masticazione

Articolo principale: Muscoli di masticazione

Disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare

La tua articolazione temporo-mandibolare è una cerniera che collega la tua mascella alle ossa temporali del tuo cranio, che si trovano di fronte a ciascun orecchio. Ti consente di muovere la mascella su e giù e da un lato all'altro, in modo da poter parlare, masticare e sbadigliare.

Trascrizione video

CDC: http://www.cdc.gov/OralHealth/publications/factsheets/adult_oral_health/adults.htm; L'associazione TMJ: "Fondamenti di TMD". PhotoDune; AudioJungle

L'ATM è un dolore. Letteralmente. È un problema con la tua articolazione TM, che collega la mascella inferiore al cranio. Potresti sentire: dolore dentro o intorno alle orecchie. Difficoltà ad aprire la bocca. Dolore alla mascella o al collo. Anche suonando nelle orecchie. Cosa lo sta causando? Digrignando i denti Stringendo la mascella. Stress. Cattiva postura Artrite. Un infortunio. Le donne lo prendono più degli uomini. I medici non sanno perché. Pensi di averlo? Chiedi al tuo dentista o dottore.

I problemi con la mascella e i muscoli del viso che lo controllano sono noti come disordini temporomandibolari (TMD). Ma potresti sentirlo erroneamente chiamato ATM, dopo l'articolazione.

Quali sono le cause di TMD?

Non sappiamo cosa causa la TMD. I dentisti ritengono che i sintomi derivino da problemi con i muscoli della mascella o con le parti dell'articolazione stessa.

La ferita alla mascella, all'articolazione o ai muscoli della testa e del collo - come da un pesante colpo o da un colpo di frusta - può portare a TMD. Altre cause includono:

  • Strofinare o serrare i denti, il che mette molta pressione sull'articolazione
  • Movimento del cuscino morbido o del disco tra la palla e la presa del giunto
  • Artrite nell'articolazione
  • Lo stress, che può indurre a stringere i muscoli del viso e della mascella o serrare i denti

Quali sono i sintomi?

La TMD spesso causa forti dolori e disagi. Può essere temporaneo o durare molti anni. Potrebbe influenzare uno o entrambi i lati della tua faccia. Più donne che uomini ce l'hanno, ed è più comune tra le persone di età compresa tra i 20 ei 40 anni.

Continua

I sintomi comuni includono:

  • Dolore o tenerezza in faccia, area delle articolazioni della mascella, collo e spalle e dentro o intorno all'orecchio quando mastichi, parli o apri la bocca
  • Problemi quando si tenta di aprire la bocca
  • Mascelle che si "bloccano" o "bloccano" in posizione aperta o chiusa
  • Quando si apre o si chiude la bocca o si masturba, si sentono dei clic, scoppiettanti o grattuggiati nell'articolazione della mandibola. Questo può o non può essere doloroso.
  • Una sensazione di stanchezza in faccia
  • Difficoltà a masticare o all'improvviso fastidio - come se i denti superiori e inferiori non si adattassero correttamente
  • Gonfiore sul lato della tua faccia

Potresti anche soffrire di mal di denti, mal di testa, dolori al collo, vertigini, mal d'orecchie, problemi di udito, dolore alla spalla superiore e ronzio nelle orecchie (tinnito).

ATM - Illustrazione dell'articolazione temporomandibolare

Come viene diagnosticata la TMD?

Molte altre condizioni causano sintomi simili - come carie, problemi di sinusite, artrite o malattie gengivali. Per capire cosa sta causando il tuo, il dentista ti chiederà della tua storia clinica e condurrà un esame fisico.

Controllerà le articolazioni della mascella per dolore o tenerezza e ascolterà per clic, schiocchi o suoni stridenti quando li sposti. Si assicurerà anche che la mascella funzioni come dovrebbe e non si blocca quando apri o chiudi la bocca. Inoltre testerà il tuo morso e controllerà i problemi con i tuoi muscoli facciali.

Il tuo dentista può prendere le radiografie a pieno facciale in modo da poter vedere mascelle, articolazioni temporo-mandibolari e denti per escludere altri problemi. Potrebbe aver bisogno di fare altri test, come la risonanza magnetica (MRI) o la tomografia computerizzata (CT). La risonanza magnetica può mostrare se il disco dell'ATM è nella posizione corretta man mano che la mascella si muove. Una scansione TC mostra il dettaglio osseo dell'articolazione.

Si può fare riferimento a un chirurgo orale (chiamato anche un chirurgo orale e maxillo-facciale) per ulteriori cure e trattamenti. Questo dottore è specializzato in chirurgia in tutto il viso, bocca e area della mascella. Potresti anche vedere un ortodontista per garantire che denti, muscoli e articolazioni funzionino come dovrebbero.

Continua

Trattamenti domiciliari per TMD

Ci sono cose che puoi fare da sole per alleviare i sintomi della TMD. Il medico potrebbe suggerirti di provare alcuni di questi rimedi insieme.

Prendere farmaci da banco. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come il naprossene o l'ibuprofene, possono alleviare il dolore muscolare e il gonfiore.

Utilizzare calore umido o impacchi freddi. Applicare un impacco di ghiaccio sul lato del viso e sull'area del tempio per circa 10 minuti. Esegui alcuni semplici esercizi di mascella (se il tuo dentista o fisioterapista li fa bene). Quando hai finito, tieni un asciugamano caldo o una salvietta sul lato del viso per circa 5 minuti. Esegui questa routine un paio di volte al giorno.

Mangia cibi morbidi. Aggiungi yogurt, purè di patate, ricotta, zuppa, uova strapazzate, pesce, frutta e verdura cotta, fagioli e cereali per il tuo menu. Tagliare gli alimenti in piccoli pezzi in modo da masticare di meno. Salta cibi duri e croccanti (come salatini e carote crude), cibi gommosi (come caramelle e taffy) e morsi spessi o grandi che richiedono di spalancare.

Evitare movimenti estremi delle mascelle. Continua a sbadigliare e masticare (soprattutto gomma o ghiaccio) al minimo e non urlare, cantare o fare nulla che ti costringa ad aprire.

Non appoggiare il tuo mento sulla tua mano. Non tenere il telefono tra la spalla e l'orecchio. Praticare una buona postura per ridurre il collo e il dolore facciale.

Tieni i denti leggermente separati il ​​più spesso possibile. Questo allevierà la pressione sulla tua mascella. Metti la lingua tra i denti per controllare il serramento o la macinazione durante il giorno.

Impara le tecniche di rilassamento per aiutarti a sciogliere la mascella. Chiedi al tuo dentista se hai bisogno di terapia fisica o massaggio. Considerare la terapia di riduzione dello stress e il biofeedback.

Trattamenti tradizionali

Parla con il tuo dentista di questi trattamenti provati e veri per TMD:

Farmaci.Il dentista può prescrivere dosi più elevate di FANS se ne avete bisogno per il dolore e il gonfiore. Potrebbe suggerire un rilassante muscolare per rilassare la mascella se si digrignano o si stringono i denti. O un farmaco anti-ansia per alleviare lo stress, che può portare a TMD. A basse dosi possono anche aiutare a ridurre o controllare il dolore. Rilassanti muscolari, farmaci anti-ansia e antidepressivi sono disponibili solo su prescrizione medica.

Continua

Una stecca o guardia notturna. Questi bocchini di plastica si adattano ai denti superiori e inferiori in modo che non tocchino. Riducono gli effetti del serrare o digrignare e correggere il morso mettendo i denti in una posizione più corretta. Qual è la differenza tra loro? Indossi guardie notturne mentre dormi. Usi una stecca per tutto il tempo. Il tuo dentista ti dirà di quale tipo hai bisogno.

Lavoro dentale Il dentista può sostituire i denti mancanti e utilizzare corone, ponti o bretelle per bilanciare le superfici mordenti dei denti o correggere un problema di morso.

Altri trattamenti

Se i trattamenti sopra elencati non aiutano, il vostro dentista può suggerire uno o più dei seguenti:

Stimolazione nervosa elettrica transcutanea (TENS). Questa terapia utilizza correnti elettriche di basso livello per alleviare il dolore rilassando l'articolazione mandibolare e i muscoli facciali. Può essere fatto presso l'ufficio del dentista o a casa.

Ultrasuoni. Il calore profondo applicato all'articolazione può alleviare il dolore o migliorare la mobilità.

Iniezioni trigger point. I farmaci per il dolore o l'anestesia vengono iniettati nei teneri muscoli facciali chiamati "punti trigger" per dare sollievo.

Terapia delle onde radio. Le onde radio stimolano l'articolazione, che aumenta il flusso sanguigno e allevia il dolore.

Terapia laser a basso livello. Questo riduce il dolore e l'infiammazione e aiuta a muovere il collo più liberamente e ad allargare la bocca.

Chirurgia per TMD

Se altri trattamenti non possono aiutarti, la chirurgia è un'opzione. Una volta terminato, non può essere annullato, quindi prendi una seconda o addirittura terza opinione da altri dentisti.

Esistono tre tipi di intervento chirurgico per TMD. Il tipo di cui hai bisogno dipende dal problema.

L'artrocentesi viene utilizzata se non si ha una storia importante dell'ATM, ma le mascelle sono bloccate. È una procedura secondaria che il tuo dentista può fare nel suo ufficio. Ti darà un'anestesia generale, poi inserirà gli aghi nell'articolazione e la laverà via. Può usare uno strumento speciale per eliminare il tessuto danneggiato o rimuovere un disco bloccato nell'articolazione, o per staccare l'articolazione stessa.

L'artroscopia è un intervento chirurgico eseguito con un artroscopio. Questo strumento speciale ha una lente e una luce su di esso. Permette al medico di vedere all'interno della tua articolazione. Otterrai un'anestesia generale, quindi il medico eseguirà un piccolo taglio davanti all'orecchio e inserirà lo strumento. Sarà collegato a uno schermo video, in modo che possa esaminare la tua articolazione e l'area circostante. Può rimuovere il tessuto infiammato o riallineare il disco o il giunto. Questo tipo di chirurgia, nota come mini-invasiva, lascia una cicatrice più piccola, ha meno complicanze e richiede un tempo di recupero più breve rispetto a un'operazione principale.

Continua

Chirurgia a giunto aperto. A seconda della causa della TMD, l'artroscopia potrebbe non essere possibile. Potrebbe essere necessario questo tipo di intervento chirurgico se:

  • Le strutture ossee nella tua mascella si consumano
  • Hai tumori dentro o intorno all'articolazione
  • La tua articolazione è sfregiata o piena di schegge di ossa

Otterrai un'anestesia generale, quindi il medico aprirà l'intera area intorno al giunto in modo da ottenere una visione completa e un accesso migliore. Avrai bisogno di più tempo per guarire dopo un intervento chirurgico all'articolazione aperta, e c'è una maggiore possibilità di cicatrici e lesioni ai nervi.

fonti

FONTE:

American Academy of Otolaryngology - Head and Neck Surgery.

© 2017 WebMD, LLC. Tutti i diritti riservati.
4.1
5
13
4
3
3
3
2
3
1
0