Celiachia e supporto dietetico senza glutine

CHE COS'È LA MALATTIA CELIACA?
La celiachia è una condizione autoimmune che colpisce circa l'1,4% della popolazione (91,2 milioni di persone nel mondo e 3,9 milioni negli Stati Uniti). Le persone celiache soffrono di una reazione autoimmune quando consumano grano, segale o orzo. La reazione immunitaria è innescata da certe proteine ​​nel grano, nella segale o nell'orzo e, se non trattata, provoca danni alle piccole strutture simili a dita, chiamate villi, che rivestono l'intestino. Il danno si verifica come accorciamento e appiattimento villoso nelle regioni della lamina propria e della cripta dell'intestino. Il danno a questi villi porta poi a numerosi altri problemi che comunemente affliggono le persone con malattia celiaca non trattata, tra cui scarsa assimilazione nutrizionale, affaticamento e una miriade di altri problemi.
La celiachia colpisce soprattutto le persone di origine nordeuropea, ma studi recenti mostrano che colpisce anche un gran numero di persone in Italia, Cina, Iran, India e in numerosi altri luoghi che si ritiene abbiano pochi o nessun caso.
La celiachia è più spesso scoperta perché le persone sperimentano sintomi che li portano a ottenere test per gli anticorpi al glutine. Se questi test sono positivi, le persone di solito ottengono la biopsia della conferma della loro celiachia. Una volta che adottano una dieta priva di glutine, di solito vedono la guarigione dell'intestino e importanti miglioramenti nei loro sintomi.
SINTOMI CLASSICI DI MALATTIA CELIACA
I sintomi della celiachia possono variare dalle caratteristiche classiche, come diarrea, mal di stomaco, gonfiore, gas, perdita di peso e malnutrizione, tra gli altri.
MENO SINTOMI OBVELIOSI
La celiachia può spesso sintomi meno evidenti, quali affaticamento, carenza di vitamine e nutrienti, anemia, per citarne alcuni. Spesso questi sintomi sono considerati meno evidenti perché non sono di natura gastrointestinale. Hai ragione, non è raro che le persone celiache abbiano pochi o nessun sintomo gastrointestinale. Ciò rende così importante individuare e collegare questi sintomi celiaci apparentemente non correlati e non chiari.
NESSUN SINTOMI
Attualmente, la maggior parte delle persone con diagnosi di celiachia non mostra sintomi, ma viene diagnosticata sulla base di un riferimento a fattori di rischio elevati.

MALATTIA CELIACA VS. INTOLLERANZA DI GLUTINE
L'intolleranza al glutine è un termine generico per persone che hanno una sorta di sensibilità al glutine. Queste persone possono o non possono avere la celiachia. I ricercatori concordano generalmente sul fatto che esiste una condizione chiamata sensibilità al glutine non celiaca. Quel termine ha in gran parte sostituito il termine intolleranza al glutine. Qual è la differenza tra la celiachia e la sensibilità al glutine non celiaca?
MALATTIA CELIACA VS. SENSIBILITÀ GLUTINE NON CELIACA (NCGS)
Il glutine innesca i sintomi e le reazioni immunitarie nelle persone con malattia celiaca. Il glutine può anche innescare i sintomi in alcune persone con NCGS, ma le somiglianze in gran parte finiscono lì.

Esistono quattro differenze principali tra la malattia celiaca e la sensibilità al glutine non celiaca:
Nessun collegamento ereditario in NCGS
I ricercatori sanno per certo che l'ereditarietà genetica gioca un ruolo importante nella celiachia. Se un parente di primo grado ha una malattia celiaca, allora hai un rischio statisticamente più elevato di portare i marcatori genetici DQ2 e / o DQ8 e di sviluppare la celiachia da solo. NCGS non è noto per essere ereditario. Alcune ricerche hanno mostrato alcune associazioni genetiche, come alcuni pazienti con NCGS, ma non ci sono prove che l'NCGS sia ereditario. Nessuna connessione con i disturbi correlati alla celiachia
A differenza della celiachia, l'NCGS non è finora associato a malassorbimento, carenze nutrizionali o ad un rischio più elevato di malattie autoimmuni o neoplasie intestinali. Nessun marcatore immunologico o sierologico
Le persone con malattia celiaca quasi sempre sono positive agli anticorpi contro le proteine ​​del glutine. I ricercatori non hanno ancora identificato tali anticorpi o marcatori sierologici per NCGS. Ciò significa che, a differenza della celiachia, non esistono test di screening rivelatori che possano far riferimento a NCGS. Assenza di celiachia o allergia al grano
I medici diagnosticano l'NCG solo escludendo sia la celiachia, un'allergia IgE-mediata al grano, sia osservando i sintomi avversi associati al consumo di glutine. CHE COS'È LA IRRITABLE BHEL SYNDROME (IBS) E IRRITABLE BHELEL MALATTIA (IBD)?
IBS e IBD di solito vengono diagnosticati in parte escludendo la celiachia. Molti pazienti con sindrome dell'intestino irritabile sono sensibili al glutine. Molti sperimentano sintomi simili alla celiachia in risposta al grano. Tuttavia, i pazienti con IBS generalmente non mostrano danni intestinali e non testano positivamente gli anticorpi contro la gliadina e altre proteine ​​come fanno le persone con malattia celiaca. Alcuni pazienti IBS soffrono anche di NCGS.

Per aggiungere ulteriore confusione, molti casi di IBS sono, di fatto, celiachia sotto mentite spoglie.

Detto questo, le persone con IBS generalmente reagiscono a più di un semplice grano. Le persone con NCGS generalmente reagiscono al grano e non ad altre cose, ma non è sempre così. I medici generalmente cercano di escludere la celiachia prima di fare una diagnosi di IBS o NCGS.
La malattia di Crohn e la celiachia condividono molti sintomi comuni, anche se le cause sono diverse. Nella malattia di Crohn, il sistema immunitario può causare interruzioni ovunque lungo il tratto gastrointestinale e una diagnosi di malattia di Crohn richiede in genere più test diagnostici rispetto a una diagnosi celiaca.
Il trattamento di Crohn consiste in cambiamenti nella dieta e in possibili interventi chirurgici. Fino al 10% dei pazienti di Crohn può avere entrambe le condizioni, il che suggerisce una connessione genetica, ei ricercatori continuano a esaminare tale connessione.
Esiste una connessione tra la malattia celiaca, la sensibilità al glutine non celiaca e la sindrome dell'intestino irritabile? Numero elevato di pazienti con sindrome dell'intestino irritabile sensibili al glutine Alcuni pazienti con IBD soffrono anche di sensibilità al glutine non celiaca Molti casi di IBS e fibromialgia in realtà celiachia in travestimento DIAGNOSI DELLA MALATTIA CELIACA
La diagnosi della celiachia può essere difficile.

Forse perché la celiachia si presenta clinicamente in una varietà di modi, la corretta diagnosi richiede spesso anni. Un test sierologico positivo per anticorpi contro la transglutaminasi tissutale è considerato un indicatore diagnostico molto forte, e una biopsia duodenale che rivela un'atrofia villosa è ancora considerata da molti il ​​gold standard diagnostico.
Ma questa idea è stata messa in discussione; alcuni pensano che la biopsia non sia necessaria di fronte a test serologici chiari e sintomi evidenti. Inoltre, i ricercatori stanno sviluppando metodi accurati e affidabili per testare la celiachia anche quando i pazienti stanno già evitando il grano. In passato, i pazienti dovevano consumare il grano per ottenere un risultato accurato.
La celiachia può presentare numerosi sintomi vaghi o confusi che possono rendere difficile la diagnosi. La malattia celiaca è comunemente diagnosticata erroneamente dai medici. Leggi una storia personale sulla diagnosi della malattia celiaca dal fondatore di Celiac.com Attualmente, i test e la biopsia costituiscono ancora la pietra angolare della diagnosi celiaca.
COLLAUDO
Esistono diversi test sierologici (sangue) disponibili per lo screening degli anticorpi contro la celiachia, ma il più comunemente usato è chiamato test tTG-IgA. Se i risultati degli esami del sangue suggeriscono la celiachia, il medico raccomanderà una biopsia dell'intestino tenue per confermare la diagnosi.
Il test è abbastanza semplice e comporta lo screening del sangue del paziente per antigliadina (AGA) e gli anticorpi dell'endomisio (EmA), e / o facendo una biopsia sulle aree dell'intestino sopra menzionate, che è ancora lo standard per una diagnosi formale. Inoltre, è ora possibile testare le persone per la celiachia senza farle concedere prodotti di grano.

BIOPSIA
Fino a poco tempo fa, la conferma bioptica di un test positivo sugli anticorpi per il glutine era il gold standard per la diagnosi celiaca. Lo è ancora, ma le cose stanno cambiando abbastanza rapidamente. Ora i bambini possono essere accuratamente diagnosticati per celiachia senza biopsia. Diagnosi basata sul livello di TGA-IgA 10 volte o più l'ULN, un risultato positivo dai test EMA in un secondo campione di sangue e la presenza di almeno 1 sintomo potrebbe evitare rischi e costi di endoscopia per più della metà dei bambini con celiachia in tutto il mondo.

PERCHÉ UNA DIETA SENZA GLUTINE?
Attualmente l'unico trattamento efficace e clinicamente approvato per la celiachia è una dieta rigorosamente priva di glutine. Seguire una dieta priva di glutine allevia i sintomi, favorisce la guarigione dell'intestino e previene quasi tutte le complicanze legate alla celiachia.
Una dieta priva di glutine significa evitare tutti i prodotti che contengono frumento, segale e orzo o uno qualsiasi dei loro derivati. Questo è un compito difficile in quanto vi sono molte fonti nascoste di glutine che si trovano negli ingredienti di molti alimenti trasformati. Tuttavia, con sforzo, la maggior parte delle persone con malattia celiaca riesce a fare la transizione. La stragrande maggioranza dei pazienti celiaci che seguono una dieta priva di glutine vedono il sollievo dai sintomi e sperimentano la guarigione dell'intestino entro due anni.
Per questi motivi, una dieta priva di glutine rimane l'unico trattamento efficace e clinicamente testato per la celiachia.
COSA RIGUARDANO ENZIMI, VACCINI, ECC.?
Al momento non esiste alcun enzima o vaccino in grado di sostituire una dieta priva di glutine per le persone celiache.
Al momento sono disponibili integratori enzimatici, come AN-PEP, Latiglutetenase, GluteGuard e KumaMax, che possono aiutare a mitigare l'ingestione accidentale di glutine da parte dei celiaci. KumaMax ha dimostrato di sopravvivere allo stomaco e di scomporre il glutine nell'intestino tenue. Latiglutenase, precedentemente nota come ALV003, è una terapia enzimatica progettata per essere assunta con i pasti. GluteGuard ha dimostrato di proteggere in modo significativo i pazienti celiaci dai gravi sintomi che normalmente avvertirebbero dopo l'ingestione di glutine. Esistono altri enzimi, compresi quelli basati sugli enzimi di papaia.

Inoltre, ci sono molti farmaci per la celiachia, enzimi e terapie in varie fasi di sviluppo da parte di aziende farmaceutiche, incluso almeno un vaccino che ha ricevuto un sostegno finanziario. Ad un certo punto in un futuro non troppo lontano ci saranno probabilmente nuovi trattamenti disponibili per coloro che cercano un'alternativa a una dieta senza glutine per tutta la vita.

Per ora però, non ci sono prodotti sul mercato che possano sostituire un'alimentazione priva di glutine. Qualsiasi enzima o altro trattamento per la celiachia è destinato all'uso in associazione con una dieta priva di glutine e non in sostituzione.

MALATTIE ASSOCIATE
I disturbi più comuni associati alla malattia celiaca sono la malattia della tiroide e il diabete di tipo 1, tuttavia la malattia celiaca è associata a molte altre condizioni, incluse ma non limitate alle seguenti condizioni autoimmuni:
Diabete mellito di tipo 1: 2,4-16,4% Sclerosi multipla (SM): 11% Tiroidite di Hashimoto: 4-6% Epatite autoimmune: 6-15% Malattia di Addison: 6% Artrite: 1,5-7,5% Sindrome di Sjögren: 2-15% Cardiomiopatia dilatativa idiopatica: 5,7% Nefropatia IgA (malattia di Berger): 3,6% Altre co-morditanze celiache includono:
Morbo di Crohn; Malattia infiammatoria intestinale Pancreatite cronica Sindrome di Down Sindrome dell'intestino irritabile (IBS) Lupus Sclerosi multipla Cirrosi biliare primitiva Colangite sclerosante primitiva Psoriasi Artrite reumatoide sclerodermia Sindrome di Turner Colite ulcerosa; Malattia infiammatoria intestinale Sindrome di Williams Tumori:
Linfoma non Hodgkin (tipi di cellule T e B intestinali e extra-intestinali) Piccolo adenocarcinoma intestinale Carcinoma esofageo Cancro alla tiroide papillare Melanoma RIFERIMENTI DI MALATTIA DI CELIAC:
Prevalenza globale della malattia celiaca: revisione sistematica e meta-analisi. Clinical Gastroenterology and Hepatology 2018; 16: 823-836 Centro per le malattie celiache, Columbia University Gruppo di intolleranza al glutine Istituto Nazionale della Salute U.S. National Library of Medicine Mayo Clinic Centro per le malattie celiache dell'Università di Chicago

4.2
5
13
4
1
3
2
2
1
1
1