Sovrappeso

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Questo articolo riguarda il termine medico. Per la durata del mercato azionario, vedi sovrappeso (mercato azionario).

Sovrappeso
L'intervallo di sovrappeso in base all'indice di massa corporea (BMI) è l'area sul grafico in cui BMI> 25
Classificazione e risorse esterne
Specialità endocrinologia
ICD-10 E66
ICD-9-CM 278.02
MedlinePlus 003101
Maglia D050177

Essere sovrappeso o grasso sta avendo più grasso corporeo di quanto sia in salute. Essere sovrappeso è particolarmente comune laddove le scorte alimentari sono abbondanti e gli stili di vita sono sedentari.

A partire dal 2003, l'eccesso di peso ha raggiunto proporzioni epidemiche a livello globale, con oltre 1 miliardo di adulti in sovrappeso o obesi.[1] Nel 2013 è aumentato a più di 2 miliardi.[2] Sono stati osservati aumenti in tutte le fasce d'età.

Un corpo sano richiede una quantità minima di grasso per il corretto funzionamento del sistema ormonale, riproduttivo e immunitario, come l'isolamento termico, l'assorbimento degli urti per le aree sensibili e l'energia per un uso futuro. Ma l'accumulo di troppo grasso accumulato può compromettere il movimento, la flessibilità e alterare l'aspetto del corpo.

Classificazione

Vedi anche: percentuale di grasso corporeo

Il grado in cui una persona è in sovrappeso è generalmente descritto dall'indice di massa corporea (BMI). Sovrappeso è definito come un BMI di 25 o più, quindi include pre-obesità definito come un BMI tra 25 e 30 e l'obesità come definito da un BMI di 30 o più.[3][4] Pre-obesi e sovrappeso, tuttavia, sono spesso usati in modo intercambiabile, dando così sovrappeso una definizione comune di un BMI compreso tra 25-30. Ci sono, tuttavia, molti altri modi comuni per misurare la quantità di adiposità o grasso presente nel corpo di un individuo.

  • Indice di massa corporea
L'indice di massa corporea (BMI) è una misura del peso di una persona che tiene conto della loro altezza. È dato dalla seguente formula: l'IMC equivale al peso di una persona (massa) in chilogrammi diviso per il quadrato dell'altezza della persona in metri. Le unità quindi sono kg / m2 ma le misure di BMI sono generalmente utilizzate e scritte senza unità.
BMI fornisce una rappresentazione significativamente più accurata del contenuto di grasso corporeo rispetto alla semplice misurazione del peso di una persona. È solo moderatamente correlato sia con la percentuale di grasso corporeo che con la massa grassa corporea (R2 di 0,68).[5] Non tiene conto di alcuni fattori come la gravidanza o il bodybuilding; tuttavia, il BMI è un riflesso accurato della percentuale di grasso nella maggior parte della popolazione adulta.
  • Indice del volume corporeo
L'indice di volume corporeo (BVI) è stato concepito nel 2000 come misura del corpo umano per l'obesità, piuttosto che manuale, e un'alternativa al BMI
BVI utilizza software 3D per creare un'immagine precisa di una persona in modo che BVI possa distinguere tra persone con lo stesso punteggio BMI, ma che hanno una forma diversa e una diversa distribuzione del peso.
Un uomo obeso su una moto
Ventre di un adolescente sovrappeso
Bambini con diversi livelli di grasso corporeo
La BVI misura il peso e il grasso di una persona sul corpo, piuttosto che il peso totale o il contenuto di grasso totale e pone l'accento sul peso trasportato intorno all'addome, comunemente noto come obesità centrale. Negli ultimi anni è stato accettato che il grasso addominale e il peso attorno all'addome costituiscano un rischio per la salute maggiore.[6]
  • Pesatura semplice
Il peso di una persona viene misurato e confrontato con un peso ideale stimato. Questo è il metodo più semplice e più comune, ma di gran lunga il più accurato, poiché misura solo una quantità (peso) e spesso non tiene conto di molti fattori come l'altezza, il tipo di corpo e la quantità relativa di massa muscolare.
  • Pinze Skinfold o "prova pizzico"
La pelle in diversi punti specifici del corpo viene pizzicata e viene misurato lo spessore della piega risultante. Questo misura lo spessore degli strati di grasso situati sotto la pelle, da cui viene calcolata una misurazione generale della quantità totale di grasso nel corpo. Questo metodo può essere ragionevolmente accurato per molte persone, ma assume particolari schemi di distribuzione del grasso sul corpo, che potrebbero non essere applicabili a tutti gli individui e non tiene conto dei depositi di grasso non direttamente sotto la pelle. Inoltre, poiché la misurazione e l'analisi generalmente richiedono un alto grado di pratica e interpretazione, un risultato accurato richiede che un professionista lo esegua. Generalmente non può essere fatto dai pazienti stessi.
  • Analisi di impedenza bioelettrica
Una piccola corrente elettrica viene fatta passare attraverso il corpo per misurare la sua resistenza elettrica. Poiché il grasso e il muscolo conducono l'elettricità in modo diverso, questo metodo può fornire una misurazione diretta della percentuale di grasso corporeo, in relazione alla massa muscolare. In passato, questa tecnica poteva essere eseguita in modo affidabile solo da professionisti addestrati con attrezzature specializzate, ma ora è possibile acquistare kit di test a casa che consentono alle persone di farlo da soli con un minimo di allenamento. Nonostante la semplicità semplificata di questo processo nel corso degli anni, tuttavia, un numero di fattori può influenzare i risultati, tra cui l'idratazione e la temperatura corporea, pertanto è necessario prestare particolare attenzione durante l'esecuzione del test per garantire che i risultati siano accurati.
  • Pesatura idrostatica
Considerato uno dei metodi più accurati per misurare il grasso corporeo, questa tecnica comporta l'immersione completa di una persona in acqua, con un'attrezzatura speciale per misurare il peso della persona mentre è immersa. Questo peso viene quindi confrontato con "peso secco" come registrato fuori dall'acqua per determinare la densità corporea complessiva. Poiché il grasso è meno denso del muscolo, un'attenta applicazione di questa tecnica può fornire una stima ragionevolmente vicina del contenuto di grasso nel corpo. Questa tecnica, tuttavia, richiede costose attrezzature specializzate e professionisti addestrati per amministrarlo correttamente.
  • Assorbtiometria a raggi X a doppia energia (DEXA)
Originariamente sviluppato per misurare la densità ossea, l'imaging DEXA viene anche utilizzato per determinare con precisione il contenuto di grasso corporeo utilizzando la densità di vari tessuti del corpo per identificare quali parti del corpo sono grasse. Questo test è generalmente considerato molto accurato, ma richiede una grande quantità di costose attrezzature mediche e professionisti addestrati da eseguire.

Il metodo più comune per discutere di questo argomento e quello utilizzato principalmente da ricercatori e istituzioni di consulenza è BMI. Le definizioni di ciò che è considerato sovrappeso variano a seconda dell'etnia. L'attuale definizione proposta dagli Stati Uniti National Institutes of Health (NIH) e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) designa bianchi, ispanici e neri con un BMI di 25 o più in sovrappeso. Per gli asiatici, sovrappeso è un IMC tra 23 e 29,9 e l'obesità per tutti i gruppi è un BMI di 30 o più.

L'IMC, tuttavia, non tiene conto degli estremi della massa muscolare, di alcuni fattori genetici rari, dei giovanissimi e di alcune altre variazioni individuali. Quindi è possibile che un individuo con un BMI inferiore a 25 abbia un eccesso di grasso corporeo, mentre altri possono avere un BMI significativamente più alto senza rientrare in questa categoria.[7] Alcuni dei metodi sopra indicati per determinare il grasso corporeo sono più accurati del BMI, ma sono dotati di una maggiore complessità.

Se un individuo è in sovrappeso e ha un eccesso di grasso corporeo può creare o portare a rischi per la salute. I rapporti stanno emergendo, tuttavia, che essere lievemente sovrappeso o leggermente obeso (il BMI tra 24 e 31,9 anni) potrebbe essere effettivamente vantaggioso e che le persone con un IMC tra 24 e 31,9 potrebbero effettivamente vivere più a lungo del peso normale o delle persone sottopeso.[8][9]

Effetti sulla salute

Mentre gli effetti negativi sulla salute associati all'obesità sono accettati all'interno della comunità medica, le implicazioni sulla salute della categoria sovrappeso sono più controverse. L'opinione generalmente accettata è che l'essere sovrappeso causa problemi di salute simili all'obesità, ma in misura minore. Una revisione del 2016 ha stimato che il rischio di morte aumenta del sette percento tra le persone in sovrappeso con un BMI tra il 25 e il 27,5 e il 20 percento tra le persone in sovrappeso con un BMI di 27,5 a 30.[10] Lo studio del cuore di Framingham ha rilevato che il sovrappeso a 40 anni ha ridotto l'aspettativa di vita di tre anni.[11] Essere sovrappeso aumenta anche il rischio di oligospermia e azoospermia negli uomini.[12]

Katherine Flegal et al., Tuttavia, hanno riscontrato che il tasso di mortalità per le persone classificate in sovrappeso (BMI da 25 a 30) può essere effettivamente inferiore a quello con un peso "ideale" (BMI da 18,5 a 25), osservando che molti studi mostrare che il più basso tasso di mortalità è a un BMI vicino a 25.[13][14]

Il sovrappeso è stato identificato come causa di cancro e si prevede che superi il fumo come causa primaria del cancro nei paesi sviluppati come casi di cancro legati al fumo.[15]

Anche il benessere psicologico è a rischio nell'individuo sovrappeso a causa della discriminazione sociale. Tuttavia, i bambini di età inferiore a otto non sono normalmente interessati.

È stato dimostrato che il sovrappeso non aumenta la mortalità nelle persone anziane: in uno studio condotto tra gli australiani di età compresa tra 70 e 75 anni, la mortalità era più bassa per gli individui "in sovrappeso" (BMI da 25 a 30),[16] mentre uno studio sui coreani ha rilevato che, tra quelli inizialmente di 65 anni o più, un aumento del BMI superiore a 25 non era associato ad un aumento del rischio di morte.[17]

Le cause

Il sovrappeso è generalmente causato dall'assunzione di più calorie (mangiando) di quelle che vengono consumate dal corpo (dall'attività fisica e dall'attività quotidiana). I fattori che possono contribuire a questo squilibrio includono:

  • Alcolismo
  • Disturbi alimentari (come il binge eating)
  • Predisposizione genetica
  • Squilibri ormonali (ad es. Ipotiroidismo)
  • Sonno insufficiente o di scarsa qualità
  • Esercizio fisico limitato e stile di vita sedentario
  • Cattiva alimentazione
  • Disturbi metabolici, che potrebbero essere causati da ripetuti tentativi di dimagrire a peso corporeo
  • Eccesso di cibo
  • Farmaci psicotropi (ad es. Olanzapina)
  • Smettere di fumare e altri ritiri di stimolanti
  • Stress

Le persone che hanno il diabete insulino-dipendente e l'insulina cronica da sovradosaggio possono aumentare di peso, mentre le persone che sono già in sovrappeso possono sviluppare tolleranza all'insulina e, a lungo termine, sviluppare il diabete di tipo II.

Trattamento

Vedi anche: Gestione dell'obesità

I soliti trattamenti per gli individui in sovrappeso sono la dieta e l'esercizio fisico.

I dietisti raccomandano generalmente di mangiare diversi pasti equilibrati dispersi durante il giorno, con una combinazione di esercizio fisico progressivo, principalmente aerobico.

Poiché questi trattamenti generali aiutano la maggior parte dell'obesità, sono comuni a tutti i livelli di individui in sovrappeso.

Epidemiologia

Fino al 64% della popolazione adulta degli Stati Uniti è considerata sovrappeso o obesa e questa percentuale è aumentata negli ultimi quattro decenni.[18]

Guarda anche

  • Immagine del corpo
  • Canadian Obesity Network
  • Grasso movimento di accettazione
  • Attrazione fisica

4.3
5
13
4
5
3
3
2
3
1
1