Categoria: debutta la serie televisiva americana 2016

Salta alla navigazione Salta alla ricerca

Sotto-categorie

Questa categoria ha le seguenti 2 sottocategorie, su 2 totali.

D

  • ► Designated Survivor (serie TV) (4 P, 3 F)

F

  • ► Full Frontal con Samantha Bee (5 P)

Pagine nella categoria "Debutta la serie televisiva americana 2016"

Le seguenti 200 pagine sono in questa categoria, su circa 391 totali. Questo elenco potrebbe non riflettere i cambiamenti recenti (ulteriori informazioni).

(pagina precedente) (pagina successiva)

0–9

  • 11.22.63
  • The 11th Hour (programma di notizie)

UN

  • Avventura capitalisti
  • Dopo i troni
  • Agenti di S.H.I.E.L.D .: Fionda
  • All in con Cam Newton
  • The Amber Rose Show
  • America divisa
  • I più grandi produttori d'America
  • Next Top Model americano
  • American Crime Story
  • American Gothic (serie TV 2016)
  • Grinta americana
  • Casalinga americana
  • L'ovest americano
  • Angelo dall'inferno
  • Angie Tribeca
  • Animal Kingdom (serie TV)
  • Animali (serie TV statunitensi)
  • Ogni dato mercoledì con Bill Simmons
  • Chiedi agli StoryBots
  • Atlanta (serie TV)

B

  • Cattivo internet
  • Bajillion Dollar Propertie $
  • Barbarians Rising
  • Canestri (serie TV)
  • Sotto il ponte Mediterraneo
  • Stazione di Berlino (serie TV)
  • Better Late Than Never (serie TV)
  • Cose migliori (serie TV)
  • Grandi motori facili
  • Acquirente di miliardi di dollari
  • Miliardi (serie TV)
  • Bizaardvark
  • Black Market con Michael K. Williams
  • Bordertown (serie TV 2016)
  • Botched by Nature
  • Brad Neely's Harg Nallin 'Sclopio Peepio
  • Morte cerebrale
  • Brown Nation
  • Bull (serie TV 2016)
  • Bunnicula (serie TV)

C

  • Captive (serie TV 2016)
  • The Catch (serie TV)
  • Chance (serie TV)
  • Channel Zero (serie TV)
  • Inseguendo Cameron
  • Inseguendo il destino
  • Chelsea (serie TV)
  • Chelsea fa
  • El Chema
  • Shores di Chesapeake
  • Chris Harris su Cars
  • The Circus: all'interno del più grande spettacolo politico sulla terra
  • Cleveland Hustles
  • Colonia (serie TV)
  • Comedy Knockout
  • Contenimento (serie TV)
  • Conviction (serie TV 2016)
  • Cooper Barrett's Guide to Surviving Life
  • accoppiato
  • Crashletes
  • Menti criminali: oltre i confini
  • Crisi in sei scene
  • Affollato (serie TV)
  • The Crown (serie TV)

D

  • Daga del bacio
  • Damien (serie TV)
  • Dark Net (serie TV)
  • Dead of Summer (serie TV)
  • Possessioni mortali
  • Guerre di dibattito
  • Decker (serie TV)
  • Designated Survivor (serie TV)
  • Desus e Mero
  • The Detour (serie TV)
  • Dadi (serie TV)
  • Diesel Brothers
  • Dirk Gently's Holistic Detective Agency (serie TV)
  • Divorzio (serie TV)
  • Don Francisco te invita
  • La Doña (serie TV 2016)
  • Donnie After Dark
  • Punto.
  • Douglas Family Gold
  • Dramaworld
  • Dream Corp, LLC
  • The Dude Perfect Show

E

  • Facile (serie TV)
  • Mangia il mondo con Emeril Lagasse
  • The Eighties (miniserie)
  • EJNYC
  • El Vato
  • ELEAGUE
  • Elena di Avalor
  • The Encounter (serie TV)
  • Fuggi la notte
  • Eva la trailera
  • Il male vive qui
  • The Exorcist (serie TV)
  • Testimone oculare (serie TV degli Stati Uniti)

F

  • Di fronte (serie TV)
  • Falling Water (serie TV)
  • The Family (serie TV 2016)
  • Terapia familiare con Dr. Jenn
  • Famoso singolarmente
  • Nutri la bestia
  • Adolescenti Preppy sporchi
  • Trovare il principe azzurro
  • Prime impressioni (serie TV 2016)
  • fiocchi
  • Star della rete alimentare Star
  • Per Peete's Sake
  • Freakish (serie TV)
  • Frequenza (serie TV)
  • Cazzo, è delizioso
  • Full Frontal con Samantha Bee
  • Fuller House (serie TV)
  • Future-Worm!

sol

  • Game of Silence (serie TV degli Stati Uniti)
  • Gay for Play Game Show con protagonista RuPaul
  • Gaycation (serie TV)
  • Sbirciare
  • Genius di Stephen Hawking
  • The Get Down
  • Ghost Brothers
  • Una mamma per amica: un anno nella vita
  • The Girlfriend Experience (serie TV)
  • Uscire dal menu
  • Goliath (serie TV)
  • Buon comportamento (serie TV)
  • Good Bones (serie TV)
  • Buongiorno a calcio
  • Il buon posto
  • Gran Hermano (serie TV degli Stati Uniti)
  • Graves (serie TV)
  • The Great Indoors (serie TV)
  • Grandi menti con Dan Harmon
  • Greatest Hits (serie TV)
  • La più grande storia di party di sempre
  • Greenleaf (serie TV)
  • Hip Hop crescente
  • Guilt (serie TV)

H

  • Halcyon (serie TV)
  • Hap e Leonard (serie TV)
  • Harley e Davidson
  • Harry (talk show)
  • Haters Back Off
  • Heartbeat (serie TV 2016)
  • Here We Go Again (serie TV 2016)
  • Alta manutenzione
  • Home: Avventure con Tip & Oh
  • Houdini e Doyle
  • Il mondo di Huang
  • Cacciatori (serie TV)

io

  • I Love Dick (serie TV)
  • Voglio il mio telefono indietro
  • Ice (serie TV)
  • Idiotsitter
  • Incorporato (serie TV)
  • Insicuro (serie TV)
  • Internet ha rovinato la mia vita
  • Ferro e fuoco
  • Non sei tu, è un uomo

J

  • Mega Life di Jagger Eaton
  • Jo Frost: Nanny On Tour
  • Unisciti o muori con Craig Ferguson
  • JoJoHead
  • Jon Glaser Loves Gear
  • Solo Jillian
  • Justice League Action

K

  • Keeping Score (serie TV)
  • Kevin può aspettare
  • Campionato di barbecue per bambini
  • The Killing Season (serie TV degli Stati Uniti)
  • Kindred Spirits (serie TV)
  • Kitchen Sink (serie TV)
  • Kocktail con Khloé
  • Kong: il re delle scimmie
  • Kulipari: un esercito di rane

L

  • L.A. Clippers Dance Squad
  • Lab Rats: Elite Force
  • Lady Dynamite
  • Ultima possibilità U
  • Ultima squadra in piedi
  • The Last Tycoon (serie TV)
  • Leah Remini: Scientology and the Aftermath
  • Lascia fare a Stevie
  • Dudas leggendario
  • Leggende di Chamberlain Heights
  • Leggende di domani
  • Lego Star Wars: The Freemaker Adventures
  • Lego Star Wars: The Resistance Rises
  • Lethal Weapon (serie TV)
  • La Guardia del Leone
  • Lip Sync Battle Shorties
  • Piccoli grandi colpi
  • Little People (serie TV)
  • Piccole donne: Atlanta
  • Piccole donne: Dallas
(pagina precedente) (pagina successiva)
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Category:2016_American_television_series_debuts&oldid=817501011"

Categoria: debutta la serie televisiva americana 2016

È stato un anno tumultuoso, il che significa che molti di noi si rivolgono ai nostri TV o laptop per un intrattenimento leggero. Ma a differenza della maggior parte delle aree di intrattenimento che spesso riflettono la nostra cultura, la televisione funziona a un ritmo molto più veloce, il che significa che la TV è più probabile che rappresenti, attraverso la commedia e il dramma, il nostro attuale clima culturale con una velocità e precisione accurate.

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Le offerte televisive di quest'anno potrebbero indicare che siamo a "Peak TV", ma sicuramente ci hanno portato alcuni episodi rivoluzionari e provocatori di narrazione narrativa che provano che la forma d'arte è il punto più alto della sua lunga storia. Anche i piatti più leggeri e frizzanti (come la reality più ridicola) riescono ad avere qualcosa da dire sullo stato del mondo di oggi, e le serie fantasy e fantascientifiche più ridicole sono radicate nel realismo come mai prima d'ora.

Ecco i migliori programmi TV del 2016: la serie che abbiamo visto, parlato e ossessionato.

20 migliori episodi TV dell'anno

I 20 migliori episodi TV del 2016


Pubblicità - Continua a leggere sotto

25. The Get Down

Cultura hip-hop + New York negli anni '70 + il tizio australiano che ha realizzato Moulin Rouge!: tutto dovrebbe essere aggiunto al disastro. Ma la sorpresa televisiva più felice di questa estate è stata che il film drammatico su Netflix di Baz Luhrmann sulla nascita dell'hip-hop si è rivelato eccezionale. Combinando elementi di romanticismo d'arrivo, fiction storica, crime drama e musical, The Get Down è sicuramente sopra le righe. Se trovi che le infinite scene di festa di Luhrmann stimolano eccessivamente, potrebbe non essere lo spettacolo per te. Ciò che, di solito, lo salva dalla stupidità, è il modo in cui colloca personaggi simpatici e complessi, interpretati da un giovane gruppo di attori di talento, in un mondo che promuove i loro sogni di celebrità senza sminuire la povertà e il pericolo degli anni '70 Bronx. L'ingresso di leggende hip-hop come Nas e Grandmaster Flash, che ottengono entrambi crediti da produttore, assicura che lo spettacolo sia storicamente accurato e rende giustizia alla grande musica. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


24. Minore

Anche se Sutton Foster non era una delle attrici più affascinanti del pianeta, Minore sarebbe ancora un must-watch. Nella sua seconda stagione, vediamo la quarantenne mamma suburbana di Sutton Foster, Liza, continuare a recitare per diventare una hipster di 20 anni, con la Williamsburg, al fine di andare avanti nella pubblicazione di libri. Gli hijink seguono, come dovrebbero, con un formidabile cast di supporto che mostra come Gen X e Millennials si mescolano e si combinino più di quanto si possa pensare. Punti bonus per la satira tagliente del mondo dell'editoria, tra cui un guest guest David Wain come autore femminista maschio con alcuni problemi del pene, e Richard Masur come Richard LL Moore, un autore fantasy con una barba in stile Babbo Natale e un po 'esigente inclinazioni, sessuali e non. L'unico modo in cui lo spettacolo potrebbe migliorare è se la terza stagione fosse caratterizzata da un'uscita di karaoke di gruppo, permettendo alla leggenda di Broadway Foster e all'ex teen pop e alla serie regolare Hilary Duff di mostrare le loro mosse. -Maris Kreizman

Pubblicità - Continua a leggere sotto


23. Il morto che cammina

Bene, parliamo di quel cliffhanger di fine stagione, in cui il nuovo boss Negan eenie-meenie-miney-moes i nostri eroi prima di ambientarsi su un personaggio principale sconosciuto a randellate. Come circa il 70 percento di ciò che accade nel mondo, ha scatenato un giro di indignazione su Internet. E sì, è stato frustrante. Sì, è stato manipolativo. Ma frustrare e manipolare gli spettatori è anche ciò che è uno spettacolo televisivo dovrebbe fare. Il morto che cammina facemmo contando i giorni fino alla sua prima stagione in ottobre e ringraziando anche i social media di Dio non era indietro quando CBS ci chiese chi aveva sparato a J.R. -Dave Holmes

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


22. London Spy

Quando Danny (Ben Whishaw) incontra Alex (Edward Holcroft), pensa di aver trovato la sua anima gemella. Si trasferiscono insieme, iniziano a costruire una vita ... e poi Alex improvvisamente scompare. Ciò che Danny incontra quando inizia a cercare il suo ragazzo è scioccante per gli spettatori come lo è per lui. Ma nonostante il titolo, la miniserie in cinque parti del romanziere Tom Rob Smith London Spy non è il tuo tipico thriller di spionaggio. L'oscura cospirazione internazionale che spinge la sua trama è, in parte, una metafora dell'esperienza di essere un estraneo in una società che ti odia solo perché sei gay o povero o femmina. E come tanti serial americani, con leggende come Charlotte Rampling e Jim Broadbent che supportano Whishaw, lo spettacolo presenta un cast degno del grande schermo. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto


21. La corona

Il grande budget e l'ambizioso impegno di Netflix per il regno della regina Elisabetta II in Inghilterra possono, a volte, essere un miscuglio. Prodigiosamente prodotto con un occhio incredibile per la precisione storica (ha scritto anche il creatore Peter Morgan La regina così come il gioco Il pubblico, entrambi seguendo il suo soggetto reale preferito durante i momenti vitali durante il suo regno), la serie a volte soffre di una netta mancanza di drammaticità. (Per gli americani, c'è solo tanto scandalo da strizzare da un dipinto di Winston Churchill o le lezioni di volo del principe Phillip.) Eppure è incredibilmente guardabile grazie al suo stile magnifico e ai brillanti reciti di Claire Foy e John Lithgow, insieme alle superbe interpretazioni di Matt Smith e Vanessa Kirby.È lo spettacolo perfetto da guardare con le schede di Wikipedia aperte sul tuo computer portatile o iPad per verificare che gli eventi della serie siano realmente avvenuti. -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


20. La buona moglie

Lo dico sempre alla gente La buona moglie non è solo uno spettacolo per mamme, nonostante ciò che suggerisce il suo titolo. E non è nemmeno il tipico procedimento procedurale del caso della settimana; mentre è iniziato come tale, è diventato un dramma più ambizioso che rivaleggia con quello che si vede tipicamente sulle reti via cavo (e vanta una narrativa serrata considerando le stagioni di 22 episodi). Concludendo la sua corsa di sette stagioni all'inizio di quest'anno, la stagione finale è stata premiata per il fallimento - un fan-favorito aveva lasciato la serie la scorsa stagione, ei suoi produttori hanno ingaggiato due attori (Cush Jumbo e Jeffrey Dean Morgan) per sostituire l'insostituibile Archie Panjabi . La scommessa è stata pagata, portando la protagonista Alicia Florrick un nuovo partner legale e un nuovo partner romantico. Ma, cosa più importante, lo show ha offerto alla rete TV un anti-eroe straordinariamente imperfetto femmina antieroe, a ciò, la cui etica e morale sono state testate ad ogni svolta. -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto


19. Sei il peggiore

Le commedie televisive tendono ad andare in posti oscuri in questi giorni. Nessuno spettacolo va così forte come l'anti-rom-com Sei il peggiore, in cui una manciata di deplorabili Los Angelenos combattono e fottono, bevono e distruggono se stessi (e altri), il tutto mentre ti sfidano a non fare il tifo per loro ad ogni passo del cammino. Mentre la sua seconda stagione ha preso una svolta sorprendente quando ha affinato la depressione clinica di Gretchen (Aya Cash) e le difficoltà del suo fidanzato Jimmy (Chris Geere) di fronte mentre cercava di sostenerla e amarla, la terza stagione ha messo gli stessi sforzi nell'esplorazione di Edgar (Desmin Borges) disturbo da stress post-traumatico. Sei il peggiore parla di, beh, persone terribili, ma persone terribili meritano amore e amicizia, e questa è una commedia che li rende innegabilmente affettuosi e reali. -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


18. Casuale

In una prima stagione che è migliorata con ogni episodio, Jason Reitman di Zander Lehmann ha sostenuto Casuale si è distinto dal recente eccesso di TV delle commedie romantiche di LA (Sei il peggiore, Amore, Solidarieta) concentrandosi sulla famiglia. Valerie Meyers di Michaela Watkins, appena separata dal marito che tradisce, e la sua taciturna figlia adolescente Laura (Tara Lynne Barr) finiscono con il fratello minore di Valerie, Alex (Tommy Dewey). L'idolo, creatore fobico dell'impegno di un sito di appuntamenti, si è arricchito con la ricerca dell'amore da parte di altre persone. E, naturalmente, la riunione dei fratelli rivela che i fantasmi della loro infanzia continuano a tormentare le loro attuali relazioni. Ma lo spettacolo ha raggiunto nuove vette nella seconda stagione. L'ultima serie di episodi trova Valerie, Laura e Alex, tre individui molto diversi che lottano per creare e mantenere gli amici mentre continuano a corteggiare il romanticismo. Triangoli amorosi, crepacuore e vecchie fiamme mantengono la trama in movimento, come Casuale inizia a differenziarsi ulteriormente dai suoi concorrenti, in gran parte etero, con alcuni dei più sottili ritratti di fluidità sessuale della TV. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto


17. Cose più strane

Il breakout show dell'estate è venuto fuori dal nulla, non che avrebbe davvero dovuto sorprendere nessuno. Un omaggio di otto episodi ai thriller soprannaturali degli anni '80? Una salutare miscela di Steven Spielberg e Stephen King? Una colonna sonora ispirata a John Carpenter? Un gruppo di disadattati che rivaleggiano I Goonies? Un personaggio di supporto che avrebbe continuato a conquistare il cuore di Internet nonostante fosse sullo schermo per un certo numero di minuti? IL RITORNO BEATO DI WINONA RYDER? Cose più strane è un capolavoro postmoderno fatto su misura per il nostro tempo, un guazzabuglio di nostalgia e scappatella dell'infanzia che, beh, è ​​molto più divertente di quanto sia intelligente. -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


16. La scorsa settimana stasera con John Oliver

All'inizio di febbraio, prima di dare il via alla sua terza stagione, John Oliver ci ha detto che era finalmente pronto per affrontare Donald Trump. Per la parte migliore del 2015, Oliver ha completamente ignorato l'Orange One La scorsa settimana stasera. Mentre il forte pezzo di frutta secca antropomorfizzato divenne un vero candidato presidenziale repubblicano, Oliver agì di conseguenza, raccogliendo i suoi momenti in modo esilarante e attento analizzando le qualità più pericolose di Trump (e ce ne sono molte!). Ancora più importante, in questa stagione, Oliver, come ci ha detto, avrebbe mantenuto l'autocontrollo per non coprire eccessivamente le elezioni, scegliendo di concentrarsi su argomenti importanti come il giornalismo (!), Le Olimpiadi e la Brexit. -Matt Miller

Pubblicità - Continua a leggere sotto


15. The Night Manager

Questa importazione in UK potrebbe essere stata anche il nastro per audizioni di James Bond di Tom Hiddleston. La miniserie di sei episodi, adattata dal romanzo omonimo di John le Carré, ha lanciato il Loki della Marvel come manager notturno dell'hotel reclutato dall'intelligence britannica per infiltrarsi nella cerchia ristretta di un trafficante d'armi internazionale (Hugh Laurie). Questi soavi avversari e le bellissime località in cui si intrecciano i loro intrighi: Maiorca, Marrakech, le Alpi svizzere The Night Manager uno degli spettacoli più gloriosi sul piccolo schermo. Ma la cineasta danese Susanne Bier (Dopo il matrimonio, In un mondo miglioreestrae anche la sostanza della storia, sottolineandone il sottotesto politico con la sbalorditiva prestazione di Olivia Colman come spia (e incinta!) in lotta contro la corruzione istituzionale. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


14. Broad City

Per due stagioni, Ilana Glazer e Abbi Jacobson si sono accontentati di fare uno dei più divertenti spettacoli in TV su due 20 migliori amici che navigano in una New York leggermente surreale. Ma Broad City ha alzato la sua ambizione nella terza stagione, costringendo il spensierato Ilana ad affrontare finalmente le conseguenze della sua riluttanza a crescere. Scaricata prima dal suo lavoro e poi dal suo non-fidanzato Lincoln (Hannibal Buress) che soffre da lungo tempo, apprende dalla crisi senza sacrificare il gioia di vivere questo la rende così divertente da guardare. Non è che essere seri, o arruolare Hillary Clinton per fare un'apparizione d'ospite, ha impedito a Glazer e Jacobson di creare alcuni dei momenti più esilaranti della serie, da un disastro della galleria d'arte nella premiere della stagione a una ricreazione di Signora DoubtfireLa famosa scena del ristorante che presenta un'apparizione perfetta per gli ospiti di Mara Wilson. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto


13. Silicon Valley

Nessuna industria è più matura per la satira che per la tecnologia, e nessun creatore è più adatto a questo compito di Mike Judge. Per fortuna, non devi capire la compressione dei dati per seguire la saga di tre stagioni di Pied Piper, che è lentamente diventato il caso di studio della TV sul conflitto tra arte (in questo caso, gli sviluppatori che cercano di fare il miglior prodotto che possono ) e il commercio (le società e i finanzieri cercano di incassare le loro innovazioni). La terza stagione vede Richard (Thomas Middleditch) lottare per il controllo della propria invenzione e mette in luce l'assurdità delle industrie casolari che sostengono il mondo della tecnologia, dai media alle fattorie di clic oltreoceano. Ma la sua vera attrazione è un cast la cui chimica aumenta con ogni episodio. Da T.J. Il non-sequestro di Miller e la stravagante noncurità di Zach Woods di Jared, con la violenta ma virtuosa Laurie Beam di Suzanne Cryer ei sempre frenetici Dinesh (Kumail Nanjiani) e Gilfoyle (Martin Starr), è impossibile scegliere un personaggio preferito in uno show in cui tutti sono protagonisti. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


12. Trasparente

La terza stagione della serie pionieristica di Jill Soloway segue lo stile delle sue prime due stagioni: il clan Pfefferman è ancora così confuso e incasinato come sempre, offrendo un brillante mix di highs comici e bassi drammatici. L'ultima stagione ha offerto un passaggio dalla trama di Maura Pfefferman e ci ha permesso di vedere le vite interiori di altri personaggi, che sono altrettanto sfumati quanto la matriarca di famiglia. Sarah (Amy Landecker) è a un bivio emotivo, e Shelly (Judith Light) cerca la sua identità. Ma sono Trace Lysette e Kathryn Hahn che quest'anno hanno davvero brillato interpretando estranei alla famiglia Pfefferman: due donne che sono entrambe bruciate dal figlio Josh (Jay Duplass). -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto


11. Game of Thrones

Ora libero dal ciclo di disperazione che era Game of Thrones'fonte materiale (mi dispiace George R.R. Martin, ma sei deprimente come cazzo), la serie HBO è stata in grado di guarire alcune delle ferite che aveva inflitto nelle sue prime cinque stagioni. Sì, i personaggi amati sono morti (tu stai tenendo quella porta nei nostri cuori, Hodor), ma ha anche creato e rafforzato molte delle donne che sono state brutalizzate in modo imperdonabile durante tutta la serie. Redenzione parziale, premio parziale per i fan che hanno sofferto insieme ai personaggi dello spettacolo, Game of Thrones finalmente consegnato, sia visivamente che concettualmente. -Matt Miller


Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto

10. Alta manutenzione

La notizia che le amate webseries dei co-creatori Katja Blichfeld e Ben Sinclair avrebbero fatto il loro debutto su HBO potrebbe aver lasciato alcuni fan a grattarsi la testa. In che modo le micro-storie del piccolo spettacolo della vita quotidiana dei newyorkesi casuali, che interagiscono in qualche modo con il fattorino di Sinclair, noto solo come "The Guy", si trasformano in una serie di cabaret di 30 minuti? Ha funzionato piuttosto bene, come si è visto, con la versione HBO della serie che cattura il cuore e l'anima del suo predecessore online. Insieme alla corsa ci sono alcuni volti familiari dall'iterazione originale della serie (Dan Stevens, Max Jenkins, Helene York, Greta Lee e Michael Cyril Creighton riprendono tutti i loro ruoli). Ma ancora più importante, ha esposto un pubblico più ampio a Blichfield e Sinclair, il suo sguardo tenero e riverente a una città piena di gente che si frappone, a volte a risultati esilaranti e disastrosi, per connettersi con i volti noti e sconosciuti che li circondano. -Tyler Coates


Pubblicità - Continua a leggere sotto

9. Veep

L'unica satira politica da superare Veep in termini di commedia completamente ridicola è il vero fuoco di spazzatura di un'elezione attualmente in corso in questo paese. Quando sia i democratici che i repubblicani si stanno avvicinando a Julia Louis-Dreyfus e si congratulano con lei per l'eviscerazione dell'altro partito politico, lei sa che sta facendo una critica potente ed equilibrata del nostro governo di batshit. -Matt Miller


8. Meglio chiamare Saul

Breaking Bad non è mai sembrato uno spettacolo che aveva bisogno di uno spinoff, ma dopo due stagioni eccellenti, Meglio chiamare Saul ha fatto più che giustificare la sua esistenza.Il prequel di Vince Gilligan e Peter Gould ci riporta ai giorni in cui l'avvocato storto Saul Goodman (Bob Odenkirk) è ancora Jimmy McGill, un avvocato instancabile e di talento che ha le migliori intenzioni ma non può resistere alle regole. Mentre la storia d'origine straziante di un altro Breaking Bad Il favorito dei fan, Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks), è stato il punto culminante della prima stagione dello show, gli episodi di quest'anno incentrati sui nuovi personaggi. Mettendo il rapporto di Jimmy con il suo fratello minore di successo, Chuck (Michael McKean), al microscopio, Meglio chiamare Saul ha posto domande importanti su cosa significa essere una brava persona. È il loro conflitto che rende Kim Wexler di Rhea Seehorn il personaggio più determinante della stagione, in bilico tra la rigidità morale del suo capo Chuck e il cuore gentile del suo fidanzato di qualche tempo Jimmy. -Judy Berman

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


7. La notte di

Non da Il cavo ha uno spettacolo - con una precisione così sbalorditiva e irrefrenabile - dettagliato gli orrori, i difetti e i fallimenti istituzionalizzati del nostro sistema di giustizia criminale. Una serie limitata di otto episodi, La notte di ha creato un lavoro concentrato che contrappone i monotoni orrori quotidiani del vero crimine con il sistema saturo di tabloid saturo che vediamo sulle nostre stazioni di notizie televisive. -Matt Miller


Pubblicità - Continua a leggere sotto

6. Lady Dynamite

Una sorella spirituale a BoJack Horseman, Lady Dynamite è un po 'come un cartone animato dal vivo che fa risuonare uno stravagante, comico riflettore su un soggetto serio. Come BoJack Horseman, Maria Bamford sullo schermo è una persona difficile che lotta per mantenere la sua carriera nel mondo dello spettacolo. Anche se, in contrasto con BoJack, il suo problema non è tanto il vizio quanto il suo disturbo bipolare, e in realtà non è il difficile - sono tutti gli altri a creare il maggior numero di problemi. Lady Dynamite probabilmente ha fatto di più per la consapevolezza del disturbo bipolare rispetto a qualsiasi altro spettacolo in televisione, compiendo quell'impresa non dimostrando che è una malattia debilitante e schiacciante, ma prendendo leggermente in considerazione le sue complicazioni e dipingendo Bamford come un eroico sopravvissuto in contrasto con una tragica vittima . E in un momento in cui le commedie di meta show biz si concentrano su uomini semi-famosi con depressione, Lady Dynamite è uno spin fresco e brillante con un tocco femminile. -Tyler Coates


Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto

5. Insicuro

L'ascesa di Issa Rae a Hollywood è sembrata una cosa sicura dopo il successo cult delle sue webserie The Misadventures of Awkward Black Girl. La strada per la HBO, tuttavia, è stata difficile, ma InsicuroIl tanto atteso debutto in questa stagione è valso la pena aspettare. Co-creato da Larry Wilmore, Insicuro segue le disavventure simili di Issa Dee, una donna nera di 29 anni a Los Angeles che si sente senza scopo nella sua relazione e nel suo lavoro, e che è testata dalla sua lunga amicizia con Molly (Yvonne Orji). È una visione rinfrescante dell'esperienza femminile nera contemporanea, raramente vista su schermi grandi o piccoli con onestà, umorismo e gioia. -Tyler Coates


4. Full Frontal con Samantha Bee

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Ricordi quando a tarda notte il commento politico era presumibilmente condannato perché alcune persone lasciavano i loro banchi della Comedy Central? Ha. Full Frontal ha smentito questa teoria per circa due minuti nel suo primo episodio. Samantha Bee e il suo team di sceneggiatori sono incredibilmente intelligenti e terrificanti. Le loro battute ti picchiano sul culo. Sono senza paura nel coprire le questioni delle donne, la religione, la violenza armata, qualsiasi cosa. I loro sinonimi per Ted Cruz sono i più magri del settore. Full Frontal prende la sua unica possibilità a settimana - e su TBS, non meno - e lo inchioda. Il commento politico è in buone mani. -Sarah Rense


3. BoJack Horseman

Grazie a Louis C.K., le commedie sulle tristi e patetiche lotte dei ragazzi bianchi scontrosi sono una dozzina di dozzine e con ogni Louie imitatore, i confini della "commedia" si sono certamente spostati. accedere BoJack Horsemanche, secondo tutti i racconti, è un'altra meta-commedia dai forti toni drammatici che sarebbe quasi inguardabile se non fosse per il fatto che si tratta di un fumetto su un cavallo antropomorfo. Bilanciare perfettamente l'assurdo e l'atrocemente reale, Bojack va nei luoghi psicologici che la maggior parte degli spettacoli televisivi evita - e funziona, perché tra ogni orribile azione il nostro amato cavallo anti-eroe commette è in qualche modo perdonabile perché, beh, è ​​solo un cavallo. Questa stagione ha continuato il lavoro sbalorditivo, offrendo un'altra trama straziante con un numero sufficiente di batticuori che ti permetteranno di vedere una seconda (e possibilmente terza) visione. -Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto

Pubblicità - Continua a leggere sotto


2. Atlanta

Donald Glover è noto per la sua stranezza e il suo distacco - il personaggio che lo ha reso famoso in diverse stagioni di Comunità apparentemente non assomiglia alla figura lontana che è nella vita reale. Ma una cosa è certa: è un uomo divertente, anche se riesce a farti fermare e pensare a cosa finirai per ridere. La sua gloria Atlanta, nel quale è il creatore e lo showrunner oltre alla sua stella, è uno sguardo beatamente bizzarro sulla vita nera contemporanea nella città meridionale nel 2016, con un commento sufficiente sui temi caldi che potrebbero rendere lo spettacolo un sentimento di predicazione e di eccitazione.Attraverso esibizioni stellari e umorismo surrealista, tuttavia, Glover attira ciò che la maggior parte degli spettacoli fallisce: tenere uno specchio per il nostro tempo e prendersene gioco, mentre fornisce anche alcuni dei commenti più riflessivi e provocatori del mondo in cui viviamo.-Tyler Coates

Pubblicità - Continua a leggere sotto


1. The People v. O.J. Simpson: American Crime Story

Il modo in cui Ryan Murphy trattava il razzismo, il sessismo, lo sfruttamento dei tabloid e il più famoso processo criminale del XX secolo avrebbe potuto essere un disastro. Ma la prima stagione della sua ultima stagione antologica è stata un capolavoro quasi perfetto, una combinazione brillante di soggetti alti e bassi, perfettamente abbinati a performance stellari come Sarah Paulson, Courtney B. Vance e Sterling K. Brown (più campy , apparizioni esagerate di Nathan Lane, John Travolta e Connie Britton). Ed era perfettamente a tempo, dimostrando nel corso delle conversazioni nazionali in corso sulla razza e il sessismo che le questioni che abbiamo incontrato due decenni fa incombono ancora pesantemente sulla nostra cultura di oggi. -Tyler Coates

4.6
5
13
4
2
3
3
2
1
1
0