Grassi buoni contro grassi cattivi: prendi il magro su grasso

Grasso, grasso, grasso! Tutti i nostri problemi di perdita di peso sarebbero risolti se eliminassimo semplicemente il grasso dalle nostre diete? Sfortunatamente, non è così semplice. In realtà abbiamo bisogno di grassi, in effetti non possiamo vivere senza di loro. I grassi sono una parte importante di una dieta sana: forniscono acidi grassi essenziali, mantengono la pelle morbida, apportano vitamine liposolubili e sono una grande fonte di carburante energizzante. Ma è facile confondersi tra grassi buoni e grassi cattivi, quanto grasso dobbiamo mangiare, come evitare i grassi trans intasatori di arterie e il ruolo degli acidi grassi omega-3 nella salute del cuore.

Le linee guida dietetiche del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti del 2005 raccomandano che gli adulti ricevano il 20% -35% delle loro calorie dai grassi. Come minimo, abbiamo bisogno che almeno il 10% delle nostre calorie provenga da grassi.

Il problema è che la tipica dieta americana è più ricca di grassi: all'incirca dal 34% al 40% delle nostre calorie derivano dal grasso. Perché? Perché hanno un sapore così buono e sono ampiamente disponibili nella nostra offerta di cibo. I grassi esaltano i sapori dei cibi e danno alle nostre bocche quella sensazione meravigliosa che è così soddisfacente.

Il grasso dietetico fa ingrassare?

Quindi si potrebbe presumere che il grasso sia la causa dell'epidemia di obesità che affligge ora la nostra nazione. In realtà, il grasso è solo una parte del problema. L'obesità è molto più complicata del semplice eccesso di un singolo nutriente. Mangiare più calorie - da grassi, carboidrati, proteine ​​e alcol - di quanto si consuma porta ad un aumento di peso. In poche parole, le persone che ottengono poca attività fisica e assumono una dieta ad alto contenuto calorico stanno per aumentare di peso. Anche la genetica, l'età, il sesso e lo stile di vita pesano sulla formula del guadagno di peso.

Detto questo, il grasso alimentare svolge un ruolo significativo nell'obesità. Il grasso è calorico-denso, a 9 calorie per grammo, mentre i carboidrati e le proteine ​​hanno solo 4 calorie per grammo e l'alcol ha 7 calorie per grammo. È facile mangiare i grassi perché si nascondono in tanti cibi che amiamo: patatine fritte, cibi lavorati, torte, biscotti, cioccolato, gelato, bistecche e formaggio.

E mangiare troppo grasso fa più che espandere le nostre linee di cintura. La nostra relazione amorosa con il grasso ha contribuito a innescare un aumento dei tassi di diabete di tipo 2, alcuni tipi di cancro e malattie cardiache.

Continua

"La scelta dei giusti tipi di grassi alimentari da consumare è uno dei fattori più importanti per ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiache", afferma la ricercatrice dell'Università di Tufts, Alice Lichtenstein. DSC.

Ma mentre scegliere i grassi più sani è meglio per il tuo cuore, quando si tratta della tua vita, tutti i grassi hanno lo stesso numero di calorie. E tagliare il grasso totale nella tua dieta non solo ti aiuta a perdere peso, ma può anche aiutarti a vivere più a lungo e in salute.

"Esiste una forte associazione tra sovrappeso e molti tipi di cancro, in particolare il cancro al seno tra le donne in postmenopausa e il cancro del colon", afferma Colleen Doyle, MS, RD, direttore dell'attività alimentare e dell'alimentazione per l'American Cancer Society.

"Mangiare meno grasso totale non diminuirà direttamente il rischio di cancro, ma ti aiuterà a controllare il tuo peso - che a sua volta può ridurre il rischio di cancro".

Grassi buoni contro grassi cattivi

Fondamentalmente, ci sono due gruppi di grassi: saturi e insaturi. All'interno di ogni gruppo ci sono molti altri tipi di grassi.

Iniziamo con i bravi ragazzi: i grassi insaturi. I grassi insaturi includono acidi grassi polinsaturi e grassi monoinsaturi. Sia i grassi mono che i grassi polinsaturi, se consumati con moderazione e usati per sostituire i grassi saturi o trans, possono aiutare a ridurre i livelli di colesterolo e ridurre il rischio di malattie cardiache.

I grassi polinsaturi, che si trovano principalmente negli oli vegetali, aiutano a ridurre sia i livelli di colesterolo nel sangue sia i livelli di trigliceridi, specialmente quando li si sostituisce con grassi saturi. Un tipo di grasso polinsaturo è costituito da acidi grassi omega-3, i cui potenziali benefici per la salute del cuore hanno ricevuto molta attenzione.

Gli Omega-3 si trovano nei pesci grassi (salmone, trota, pesce gatto, sgombro), così come semi di lino e noci. Ed è il pesce che contiene il tipo più efficace di "omega-3" a "catena lunga". L'American Heart Association raccomanda di consumare 2 porzioni di pesce grasso ogni settimana.

"Le fonti vegetali sono un buon sostituto dei grassi saturi o trans, ma non sono così efficaci come il pesce grasso nella riduzione delle malattie cardiovascolari", osserva Lichtenstein. Tieni presente che il tuo pesce bisettimanale non dovrebbe essere fritto in grasso!

È meglio ottenere gli omega-3 dal cibo, non dagli integratori, Lichtenstein dice: "Ad eccezione delle persone con malattie cardiache accertate, non ci sono dati che suggeriscano che gli integratori di omega 3 possano ridurre il rischio di malattie cardiache".

Continua

Gli altri grassi insaturi "buoni" sono grassi monoinsaturi, pensati per ridurre il rischio di malattie cardiache. I paesi mediterranei ne consumano molti - principalmente sotto forma di olio d'oliva - e questa componente alimentare è accreditata con i bassi livelli di malattie cardiache in quei paesi.

I grassi monoinsaturi sono tipicamente liquidi a temperatura ambiente ma si solidificano se refrigerati. Questi grassi salutari sono in genere una buona fonte di vitamina E antiossidante, un nutriente spesso carente nelle diete americane. Possono essere trovati nelle olive; avocado; Nocciole; mandorle; Noci brasiliane; anacardi; semi di sesamo; semi di zucca; e oli di oliva, colza e arachidi.

I grassi "cattivi" nella dieta

Adesso dai cattivi. Ci sono due tipi di grassi che dovrebbero essere consumati con parsimonia: acidi grassi saturi e trans. Entrambi possono aumentare i livelli di colesterolo, ostruire le arterie e aumentare il rischio di malattie cardiache.

I grassi saturi si trovano nei prodotti di origine animale (carne, pelle di pollo, latticini ad alto contenuto di grassi e uova) e nei grassi vegetali che sono liquidi a temperatura ambiente, come gli oli di cocco e di palma. Le linee guida dietetiche del 2005 raccomandano di limitare i grassi saturi al 10% o meno delle calorie totali, mentre l'American Heart Association raccomanda di mantenerli a solo il 7% delle calorie totali.

Lichtenstein raccomanda l'uso di oli vegetali liquidi al posto di grassi animali o parzialmente idrogenati.

"Esistono prove che i grassi saturi hanno un effetto sull'aumentare del rischio di tumore del colon e della prostata, quindi raccomandiamo ogni volta che è possibile scegliere grassi sani insaturi e ci sforziamo sempre di avere un peso sano", spiega Doyle.

Stiamo anche ascoltando molto in questi giorni su acidi grassi trans, o grassi trans. Esistono due tipi di grassi trans: il tipo naturale, che si trova in piccole quantità in latticini e carne; e il tipo artificiale che si verifica quando gli oli liquidi vengono induriti in grassi "parzialmente idrogenati".

I grassi trans naturali non sono il tipo di preoccupazione, soprattutto se si scelgono prodotti caseari magri e carni magre. La vera preoccupazione nella dieta americana sono i grassi trans artificiali. Sono ampiamente utilizzati in frittura, prodotti da forno, biscotti, glasse, cracker, snack confezionati, popcorn a microonde e alcune margarine.

Continua

Alcuni esperti pensano che questi grassi siano ancora più pericolosi dei grassi saturi.

"I grassi trans sono peggiori di qualsiasi altro grasso, compreso il burro o il lardo", afferma Michael Jacobson, direttore esecutivo del Centro per la scienza nell'interesse pubblico, un gruppo di sostegno senza fini di lucro.

La ricerca ha dimostrato che anche piccole quantità di grassi trans artificiali possono aumentare il rischio di malattie cardiache aumentando il colesterolo "cattivo" LDL e diminuendo il colesterolo "buono" HDL. L'American Heart Association (AHA) raccomanda di limitare i grassi trans a meno di 2 grammi al giorno, compresi i trans grassi presenti in natura. Le linee guida alimentari statunitensi raccomandano semplicemente di mantenere il consumo di grassi trans il più basso possibile.

Tuttavia, eliminare gli acidi grassi trans non è una bacchetta magica, dicono gli esperti.

"I grassi trans stanno ricevendo un sacco di cattiva stampa, ma è importante tenere a mente il 'quadro grande grasso', che include la riduzione del grasso totale, la riduzione del grasso saturo e l'impegno per uno stile di vita sano in generale", ha affermato il cardiologo Robert Eckel, MD, dice WebMD.

Quale grasso è quale?

La maggior parte degli alimenti contiene una combinazione di grassi ma sono classificati in base al grasso dominante. Questo grafico elenca le fonti dei grassi insaturi buoni per voi e alcuni esempi di grassi che si desidera evitare.

Grassi saturi o acidi grassi trans

Grassi polinsaturi

Grassi monoinsaturi

Burro

Olio di mais

Olio di colza

Lardo

Oli di pesce

Olio di mandorle

Carne, pranzo al sacco

Olio di semi di soia

olio di noci

Pollame, pelle di pollame

Olio di cartamo

Olio d'oliva

Prodotti di cocco

olio di sesamo

Olio di arachidi

Olio di palma, olio di palmisti e prodotti

Olio di semi di cotone

Avocado

Alimenti lattiero-caseari (diversi da skim)

Olio di semi di girasole

Olive

Oli parzialmente idrogenati

Noci e semi

Burro di arachidi

Leggi etichette e fai scelte migliori

Il modo migliore per mantenere i grassi nella dieta è diventare un lettore di etichette. Nel pannello dei dati nutrizionali, troverai tutte le informazioni necessarie per fare scelte salutari. Cerca cibi a basso contenuto di grassi totali e di grassi saturi e trans. Tieni presente che un prodotto di cui l'etichetta si vanta è "senza grassi trans" può effettivamente contenere fino a 0,5 grammi di grassi trans per porzione - e questi possono sommarsi rapidamente.

Ecco altri suggerimenti per aiutarti a ridurre la quantità totale di grassi nella tua dieta e assicurarti che i grassi che consumi siano quelli sani:

  • Scegli una dieta ricca di cereali integrali, frutta e verdura.
  • Prova un pasto vegetariano, con un sacco di fagioli, una volta alla settimana.
  • Seleziona i prodotti caseari che sono scremati o a basso contenuto di grassi.
  • Sperimenta con condimenti per insalata leggeri e grassi.
  • Sostituisci le salse più grasse con aceti, mostarde e succo di limone.
  • Quando usi i grassi, fallo con parsimonia. Prova a usare oli liquidi insaturi, come la colza o l'oliva, invece del burro o della margarina parzialmente idrogenata.
  • Limita il consumo di cibi ricchi di grassi, come cibi lavorati, cibi fritti, dolci e dessert.
  • Quando si cucina, sostituire l'alternativa a basso contenuto di grassi (ad esempio, panna acida a basso contenuto di grassi o crema di formaggio magro) quando possibile
La funzione di dimagrimento del peso WebMD recensita da Louise Chang, MD il 1 novembre 2007

fonti

FONTI: colonna di esperti di perdita di peso di WebMD: "il magro sui grassi". Caratteristica della perdita di peso WebMD: "Cibo senza grassi trans: qual è la verità?" Alice H. Lichtenstein, DSc, Gershoff Professore di Scienza della nutrizione e politica, direttore e scienziato senior, Cardiovascular Nutrition Laboratory, Jean Mayer Centro di ricerca sulla nutrizione umana USDA sull'invecchiamento, Tufts University. Robert Eckel, MD, past presidente, American Heart Association. Michael Jacobson, PhD, direttore esecutivo, Centro per la scienza nell'interesse pubblico. Colleen Doyle, MS, RD, direttore di nutrizione e attività fisica, American Cancer Society.

© 2007 WebMD, Inc. Tutti i diritti riservati.
4.4
5
15
4
5
3
2
2
3
1
0