Le specie di pinguino gigantesco di 60 milioni di anni si ergevano a 5 piedi e 8 pollici

Il pinguino gigante grande come un UMANO: Fossili rivelano 5 piedi 8 in antico uccello che vagava in Nuova Zelanda 60 milioni di anni fa

  • I resti sono stati scoperti a Hampden Beach, sulla costa della Nuova Zelanda
  • Il suo scheletro parziale comprendeva un femore lungo più di 6 pollici
  • Da questo il team ha stimato che era alto 5 piedi e pesava 16 pietre (101kg)
  • La scoperta aggiunge l'evidenza che l'evoluzione dei pinguini è iniziata molto prima di quanto si pensasse in precedenza, durante l'età dei dinosauri

DiShivali Best For Mailonline

11:00 EDT, 12 dicembre 2017 | 11:17 EDT, 12 dicembre 2017

Potresti pensare ai pinguini come a delle piccole creature, ma un nuovo studio rivela che una specie era una volta grande come il maschio medio di oggi.

Gli scienziati hanno scoperto i resti di una specie di pinguino gigante vissuta 60 milioni di anni fa e si ergeva a un'altezza di 1,75 metri.

I resti dell'enorme creatura furono trovati sulla costa della Nuova Zelanda e gettarono nuova luce sull'evoluzione del pinguino.

Scorri verso il basso per il video

Stando a 5ft 8ins (1,77 metri) e pesando 16 stone (101 chilogrammi), il pinguino aveva la stessa altezza di un maschio medio - e molto più pesante del suo 13st 3lb (83,9 chilogrammi)

Stando a 5ft 8ins (1,77 metri) e pesando 16 stone (101 chilogrammi), il pinguino aveva la stessa altezza di un maschio medio - e molto più pesante del suo 13st 3lb (83,9 chilogrammi)

IL PINGUINO GIGANTE

Chiamato Kumimanu biceae, visse nel tardo Paleocene.

Il suo scheletro parziale comprendeva un femore - o femore - che misurava più di 6 pollici (161 mm) di lunghezza.

Da questo il team ha potuto stimare le sue dimensioni - 5ft 8ins (1.77 metri) e peso - 16 stone (101 chilogrammi).

Oltre all'osso coscia, i ricercatori hanno anche trovato tre ossa delle ali, la scapola, l'osso del seno, un osso della gamba, una parte del bacino e tre vertebre.

I resti fossilizzati sono stati scoperti a Hampden Beach, Otago, da ricercatori del Senckenberg Research Institute di Francoforte.

Stando a 5 piedi e 8 pollici (1,77 metri) e pesando 16 pietre (101 chilogrammi), il pinguino aveva la stessa altezza di un maschio medio - e molto più pesante del suo 13 ° £ 3 (83,9 chilogrammi).

Era quasi due volte più alto e più del triplo del peso dell'Imperatore - il più grande pinguino moderno che può crescere fino a 3 piedi e 3 pollici (1 metro) e punta la bilancia a 66 libbre (30 chilogrammi).

Le sue grandi dimensioni gli avrebbero permesso di nuotare ulteriormente e di immergersi più in profondità rispetto alle sue controparti dei giorni nostri, ma si sarebbe ancora fatto strada a terra.

Chiamato Kumimanu biceae, visse nel tardo Paleocene.

Il suo scheletro parziale comprendeva un femore - o femore - che misurava più di sei pollici (161 mm) di lunghezza.

Da questo il team ha potuto stimare le sue dimensioni - che lo collocano tra i più grandi pinguini trovati.

Il suo scheletro parziale comprendeva un femore - o femore - che misurava più di 6 pollici (161 mm) di lunghezza. Da questo il team ha potuto stimare le sue dimensioni - 5ft 8ins (1.77 metri) e peso - 16 stone (101 chilogrammi)

Il suo scheletro parziale comprendeva un femore - o femore - che misurava più di 6 pollici (161 mm) di lunghezza. Da questo il team ha potuto stimare le sue dimensioni - 5ft 8ins (1.77 metri) e peso - 16 stone (101 chilogrammi)

PERCHÉ I DIPINTI GIGANTI SONO STATI FUORI?

La scoperta aggiunge l'evidenza che l'evoluzione dei pinguini è iniziata molto prima di quanto si pensasse in precedenza, durante l'età dei dinosauri.

È stato proposto di nutrire la competizione con i mammiferi marini che hanno avuto un ruolo nell'estinzione dei pinguini giganti e di altri uccelli per le immersioni con ala molto grande, oltre alla competizione con le foche gregarie per una riproduzione sicura.

Il dott. Mayr ha dichiarato: "La scomparsa dei pinguini giganti coincide infatti con l'aumento dei mammiferi marini, cioè balene, delfini, focene e foche, ma le cause e i meccanismi esatti di una sostituzione competitiva rimangono scarsamente comprensibili.

'In ogni caso, l'evoluzione dei pinguini sembra essere stata fortemente influenzata dai vertebrati non-aviaria.'

L'estinzione dei dinosauri e dei più grandi predatori e dinosauri marini avrebbe potuto essere il motore ecologico per la perdita delle capacità di volo nei primissimi pinguini.

Ma l'ascesa dei mammiferi marini sembra aver spazzato via pinguini giganti, ha aggiunto.

Solo due altre specie di pinguini giganti sono conosciute da questo periodo.

Il Dr Gerald Mayr, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: "Il nuovo fossile è uno dei più antichi pinguini giganti finora scoperti, a sostegno delle molteplici origini del gigantismo nei pinguini fossili."

Il gigantismo - un fenomeno in cui le dimensioni di una specie antica hanno superato quella dei più grandi viventi - è una caratteristica nota dell'evoluzione del pinguino.

I pinguini giganti sono ben documentati da 50 a 20 milioni di anni fa - ma quelli più vecchi sono rari.

Alla fine si estinsero in seguito all'emergenza di balene, delfini, focene e foche che li escludevano per le risorse.

Il dott. Mayr disse: "Una delle caratteristiche degne di nota dell'evoluzione del pinguino è il verificarsi di specie molto grandi nel Cenozoico primitivo le cui dimensioni corporee superarono di gran lunga quella dei più grandi pinguini viventi".

Il Cenozoico è di 66 milioni di anni fa - quando i dinosauri furono spazzati via da un asteroide - fino ai giorni nostri.

Il dott. Mayr ha detto: "Qui descriviamo una nuova specie gigante del tardo Paleocene della Nuova Zelanda che documenta la primissima evoluzione di grandi dimensioni corporee nei pinguini.

'Kumimanu biceae è più grande di tutti gli altri pinguini fossili che hanno conservato porzioni scheletriche sostanziali.'

Potresti pensare ai pinguini come a piccole creature, ma un nuovo studio rivela che una specie era grande una volta il maschio medio. Gli scienziati hanno scoperto una specie di pinguino gigante vissuto 60 milioni di anni fa, che si ergeva a un'altezza di 1,75 metri

Potresti pensare ai pinguini come a piccole creature, ma un nuovo studio rivela che una specie era grande una volta il maschio medio. Gli scienziati hanno scoperto una specie di pinguino gigante vissuto 60 milioni di anni fa, che si ergeva a un'altezza di 1,75 metri

L'omero (a sinistra) e un osso dalla cintura della spalla (a destra) del pinguino gigante Paleocene Kumimanu biceae, confrontati con le corrispondenti ossa di uno dei più grandi pinguini fossili finora conosciuti (Pachydyptes ponderosus dell'Eocene in Nuova Zelanda) e quelli di un pinguino imperatore (Aptendodytes forsteri)

L'omero (a sinistra) e un osso dalla cintura della spalla (a destra) del pinguino gigante Paleocene Kumimanu biceae, confrontati con le corrispondenti ossa di uno dei più grandi pinguini fossili finora conosciuti (Pachydyptes ponderosus dell'Eocene in Nuova Zelanda) e quelli di un pinguino imperatore (Aptendodytes forsteri)

Lo studio suggerisce che i pinguini giganti si sono evoluti in modo indipendente e precoce nella loro esistenza, subito dopo la transizione evolutiva dell'uccello dal volo all'immersione.

Il dottor Mayr ha detto: "Che un pinguino che rivaleggia con le più grandi specie precedentemente conosciute esistesse nel Paleocene suggerisce che il gigantismo nei pinguini è sorto poco dopo che questi uccelli sono diventati sub inermi.

Oltre all'osso coscia, i ricercatori hanno anche trovato tre ossa delle ali, la scapola, l'osso del seno, un osso della gamba, una parte del bacino e tre vertebre.

La scoperta aggiunge l'evidenza che l'evoluzione dei pinguini è iniziata molto prima di quanto si pensasse in precedenza, durante l'età dei dinosauri.

È stato proposto di nutrire la competizione con i mammiferi marini che hanno avuto un ruolo nell'estinzione dei pinguini giganti e di altri uccelli per le immersioni con ala molto grande, oltre alla competizione con le foche gregarie per una riproduzione sicura.

Il dott. Mayr ha dichiarato: "La scomparsa dei pinguini giganti coincide infatti con l'aumento dei mammiferi marini, cioè balene, delfini, focene e foche, ma le cause e i meccanismi esatti di una sostituzione competitiva rimangono scarsamente comprensibili.

Era quasi due volte più alto e più del triplo del peso dell'Imperatore (due raffigurati con il loro pulcino) - il più grande pinguino moderno che può crescere fino a 3 piedi e 3 pollici (1 metro) e punta la bilancia a 66 libbre (30 chilogrammi)

Era quasi due volte più alto e più del triplo del peso dell'Imperatore (due raffigurati con il loro pulcino) - il più grande pinguino moderno che può crescere fino a 3 piedi e 3 pollici (1 metro) e punta la bilancia a 66 libbre (30 chilogrammi)

I resti sono stati trovati sulla spiaggia di Hampden, in Nuova Zelanda, non lontano da Dunedin

I resti sono stati trovati sulla spiaggia di Hampden, in Nuova Zelanda, non lontano da Dunedin

'In ogni caso, l'evoluzione dei pinguini sembra essere stata fortemente influenzata dai vertebrati non-aviaria.'

L'estinzione dei dinosauri e dei più grandi predatori e dinosauri marini avrebbe potuto essere il motore ecologico per la perdita delle capacità di volo nei primissimi pinguini.

Ma l'ascesa dei mammiferi marini sembra aver spazzato via pinguini giganti, ha aggiunto.

Annuncio pubblicitario
4.3
5
11
4
2
3
2
2
3
1
0