Solo mangiare

Salta alla navigazione Salta alla ricerca

Just Eat plc
genere
Società per azioni
Scambiato come LSE: JE.
Industria Ordinamento alimentare online
Fondato 2001
Fondatore Jesper Buch, Per Meldgaard e Henrik Østergaard
Quartier generale Londra, Regno Unito
Persone chiave
Andrew Griffith, (Presidente provvisorio non esecutivo)
Reddito £ 546,3 milioni (2017)[1]
Reddito operativo
£ (72,5) milioni (2017)[1]
Reddito netto
£ (103,5) milioni (2017)[1]
Società controllate Menulog, SkipTheDishes
Sito web www.justeatplc.com

Just Eat plc è un ordine alimentare online e un servizio di consegna. Funge da intermediario tra punti vendita e clienti indipendenti. Ha sede nel Regno Unito e opera in 13 paesi in Europa, Asia, Oceania e Americhe. La piattaforma consente ai clienti di cercare ristoranti take-away locali per effettuare ordini online e di scegliere tra opzioni di ritiro o consegna.

È quotato alla Borsa di Londra ed è un componente dell'indice FTSE 100.

Storia

Cinque imprenditori danesi, tra cui Jesper Buch, hanno fondato Just Eat in Danimarca nel 2000[2] e ha lanciato il servizio nell'agosto 2001.[3] Nel 2005 l'imprenditore della tecnologia Bo Bendtsen ha acquisito tutti i fondatori e gli investitori iniziali, oltre a Jesper Buch, trasferendo la società nel Regno Unito. Jesper Buch si è trasferito nel Regno Unito come parte del buyout nel 2006 e ha ingaggiato David Buttress per il lancio di Just Eat UK a marzo.[4] L'espansione internazionale dal quartier generale del Regno Unito è iniziata con l'avvio dei Paesi Bassi nel luglio 2007, seguita dall'Irlanda nell'aprile 2008.[5]

Nel gennaio 2011, Just Eat ha costituito una joint venture in India. A febbraio, il Gruppo ha raccolto £ 30 ($ 48) milioni dal proprio investimento in serie B,[6] consentendogli di effettuare 7 acquisizioni nel prossimo anno:

  • 4 partnership per lanciare nuovi paesi con operatori locali: eat.ch in Svizzera ad aprile,[7] ClickEat in Italia a maggio,[8] RestauranteWeb in Brasile a giugno[9] e Alloresto in Francia a dicembre;[10]
  • 3 acquisizioni per consolidare la sua presenza nel Regno Unito (Urbanbite per entrare nel mercato aziendale[11]) e Canada (YummyWeb acquistato ad aprile per coprire la regione di Vancouver[12] e GrubCanada in ottobre per i mercati dell'Ontario e della Columbia Britannica[13]).

Nell'aprile 2012, Just Eat ha consolidato la propria posizione nel Regno Unito acquisendo fillmybelly.com.[14] Una settimana dopo, Just Eat ha annunciato il suo round di finanziamento della Serie C da £ 40 ($ 64) milioni.[15] I fondi sono stati parzialmente utilizzati per avviare la campagna di rebranding di Do not Cook nel Regno Unito e per acquisire in ottobre il suo principale concorrente in Spagna, SinDelantal.[16] Dopo quasi cinque anni al timone di Just Eat, il CEO del gruppo Klaus Nyengaard si è dimesso nel febbraio 2013[17] ed è stato sostituito a maggio dall'ex MD del Regno Unito, David Buttress.[18]

Il 3 aprile 2014, Just Eat è arrivato alla borsa di Londra.[19] A luglio, Just Eat ha aumentato fino all'80% la propria partecipazione in Alloresto.[20] A settembre, Just Eat ha unito la propria attività brasiliana, RestauranteWeb, con uno dei suoi concorrenti, iFood, per formare la joint venture IF-JE in cui Just Eat aveva una partecipazione del 25%.[21] Nel febbraio 2015, Just Eat ha venduto a FoodPanda i suoi investimenti nella loro JV indiana,[22] e ha continuato la sua espansione nelle Americhe lanciando il Messico, attraverso un'acquisizione del 100% di SinDelantal, e aumentato la sua partecipazione in IF-JE, la JV brasiliana con iFood.[23]

Nel maggio 2015, Just Eat ha annunciato che avrebbe acquistato Menulog, una società australiana di ordinazione di cibo per $ 855 milioni di dollari australiani, e avrebbe finanziato l'operazione emettendo nuove azioni.[24] Nel luglio 2015, Just Eat ha acquisito Orderit.ca, una società di ordinazione di cibo online canadese, consolidando ulteriormente la sua presenza in Canada.[25] Nell'agosto 2016, Just Eat ha venduto le sue attività nel Benelux (Paesi Bassi e Belgio) al suo concorrente olandese Takeaway.com per € 22,5 milioni di euro.[26] Nel dicembre 2016, Just Eat ha annunciato che stava acquistando hungryhouse da Delivery Hero per 200 milioni di sterline (con la possibilità di ulteriori 40 milioni se l'azienda raggiunge gli obiettivi di performance), questo accordo deve ancora essere approvato dall'Autorità per la concorrenza e i mercati.[27] Il 12 ottobre 2017, CMA ha dato l'approvazione preliminare per Just Eat per acquisire il suo rivale più piccolo.[28]

Irlanda

Just Eat Ireland è stata lanciata nell'aprile 2008. A novembre, Just Eat ha acquisito 250 ristoranti da Eatcity.ie.[29] Just Eat Ireland ha recentemente commissionato ai consulenti economici DKM di svolgere ricerche sull'industria dei ristoranti irlandesi e ha scoperto che circa € 1,5 miliardi sono stati spesi per cibo da asporto / consegnato dai consumatori irlandesi nel 2015. DKM ha affermato che i servizi da asporto rappresentano attualmente il 57% delle vendite dei ristoranti e il settore dovrebbe crescere del 17% nei prossimi quattro anni.[30]

Nord America

Just Eat è entrata nel mercato nordamericano nel luglio 2009, rafforzando le sue attività canadesi con l'acquisizione di YummyWeb (Vancouver) nell'aprile 2011, GrubCanada (Ontario) nell'ottobre 2011 e OrderIt.ca nel luglio 2015. A dicembre 2016, Just Eat ha acquisito SkipTheDishes per un iniziale, C $ 110 milioni. Un ulteriore importo in contanti fino a 90 milioni di dollari può anche essere dovuto, subordinatamente al raggiungimento di determinati obiettivi finanziari nel 2018 e 2019. SkipTheDishes gestisce un servizio di consegna di cibo che consente ai clienti di ordinare da una varietà di ristoranti locali e nazionali utilizzando SkipTheDishes sito web o app per telefoni cellulari. Il servizio è ampiamente disponibile nei centri più grandi dell'Ontario e nelle province occidentali del Canada, ma è presente solo in un numero limitato di città americane tra cui St. Louis, Omaha, Buffalo, Cleveland, Columbus e Cincinnati. SkipTheDishes ha sede a Winnipeg, in Canada.[31][32]

India

Just Eat India è stata fondata il 26 luglio 2006, come HungryBangalore,[33] di Ritesh Dwivedy.[34] Nell'agosto del 2008, HungryBangalore è stato rinominato HungryZone.[35] HungryZone ha ricevuto un primo round di finanziamenti raccolti dall'Indian Angel Network. Il 17 gennaio 2011, HungryZone ha annunciato una partnership con Just Eat.[36] Just-Eat ha acquistato una partecipazione del 60% in HungryZone. Just Eat ha ceduto le sue quote nel suo business in India a gennaio 2015.[37]

Investimento

Nel luglio 2009 Just Eat ha ricevuto la sua prima serie A[38] finanziamento di investimento. Index Ventures e Venrex Capital hanno investito £ 10,5 milioni[39] in Just Eat Holdings Ltd. Il nuovo capitale di investimento ha permesso a Just Eat di aumentare la propria espansione in altri mercati e sviluppare ulteriormente il business. Nel marzo 2011 un secondo round di investimento[40] ha visto due principali venture capitalist statunitensi, Greylock Partners e Redpoint Ventures investire £ 30 milioni.[41] I partner di Greylock hanno precedentemente investito in Facebook, LinkedIn e

4.4
5
10
4
1
3
2
2
2
1
1