Olio di avocado: l'olio da cucina più salutare che non stai ancora usando

di Kelley Herring il 6 dicembre 2012

Che cosa succede se si può ridurre l'infiammazione, ridurre il danno cellulare, aumentare l'assorbimento di antiossidanti del 400%, diminuire il grasso corporeo (anche il grasso della pancia pericoloso) e proteggere il fegato - tutto con una bottiglia di olio da cucina?

Sembra troppo bello per essere vero? Non è.

In effetti, l'olio di avocado è uno degli oli da cucina più salutari disponibili. Ma se sei come la maggior parte delle persone, è un olio culinario che probabilmente non stai usando.

Oggi ti darò otto buoni motivi per cui dovresti aggiungere questo straordinario olio al tuo repertorio di cucina. Ti mostrerò i molti modi in cui vince l'olio d'oliva e perché l'olio di avocado è il "gold standard" degli oli da cucina.

E per quanto riguarda il gusto setoso, ricco e delizioso? Dovrai solo comprare una bottiglia per provarla da te (o semplicemente clicca qui ei nostri amici al Thrive Market ti invieranno una bottiglia gratis). Diamo un'occhiata a ciò che rende l'olio di avocado il sogno di un epicureo e il must-have di uno chef sano.

L'olio di avocado combatte l'infiammazione e protegge il cuore

L'olio di cottura potrebbe non venire in mente quando pensi all'infiammazione, ma dovrebbe. Infatti, i tipi di grassi e oli che usi ogni giorno hanno un grande impatto sul livello di infiammazione nel tuo corpo.

Vedete, molti oli da cucina comuni - come olio vegetale, olio di cartamo, olio di mais e altri cosiddetti oli "sani" - aumentano i fattori infiammatori associati alla maggior parte delle malattie croniche tra cui malattie cardiache, diabete, cancro e Alzheimer.

Se si desidera proteggere la propria salute e ridurre l'invecchiamento fisico, la prima priorità dovrebbe essere quella di ridurre l'infiammazione.

Inserisci l'olio di avocado. Con livelli elevati di acidi grassi monoinsaturi (MUFA) - i grassi associati ai benefici per la salute della dieta mediterranea - l'olio di avocado aiuta a ridurre i livelli nocivi di infiammazione nel corpo.

Ma i MFAE non meritano tutto il merito. L'olio di avocado contiene anche alti livelli di acido oleico, carotenoidi, luteina, vitamina E e fitosteroli che combattono anche l'infiammazione.

E se sei preoccupato per le malattie cardiache e ictus, c'è un altro modo in cui l'olio di avocado può aiutare.

I fitosteroli nell'olio di avocado aiutano a ridurre i livelli di colesterolo totale e LDL. Ma l'olio di avocado non aiuta solo a ridurre il colesterolo, ma protegge anche il colesterolo, che è molto più importante. Vedi, il colesterolo sano non è la causa delle malattie cardiache. È danneggiato o colesterolo ossidato che aumenta il rischio di placche pericolose che portano a infarto e ictus.

E un recente studio su oltre 3.000 uomini e donne ha scoperto che godersi una dieta ricca di MUFA può aiutare a ridurre il colesterolo danneggiato di quasi il 20%!

Ma non è tutto quello che l'olio di avocado può aiutare a ridurre ...

Blast Belly-Fat e combatti il ​​diabete con l'olio di avocado

Il grasso della pancia è la rovina di molti corpi, per non parlare di un grande fattore di rischio per le malattie croniche tra cui diabete, sindrome metabolica, malattie cardiache e tumori.

Ma perché il grasso della pancia è così pericoloso? E come si forma?

Il grasso della pancia è un brutto sintomo di una dieta ricca di carboidrati e zuccheri. Dopo aver mangiato questi alimenti, aumenta lo zucchero nel sangue, innescando la produzione di insulina. Il compito dell'insulina è quello di scortare lo zucchero dal flusso sanguigno e nei muscoli, dove può essere utilizzato per l'energia. Ma una volta che le cellule muscolari si sono riempite, lo zucchero viene immagazzinato da qualche altra parte - nelle tue cellule adipose!

E i risultati non sono belli: top in muffin, maniglie dell'amore e rigonfiamenti del reggiseno. Ma le conseguenze sulla salute - incluso il grasso viscerale pericoloso e l'aumento dei livelli dei fattori infiammatori legati alla malattia - sono ancora meno attraenti.

Ma c'è una soluzione semplice: mangia meno carboidrati e zuccheri e più alimenti ricchi di MUFA come l'olio di avocado. Guarda la tua vita come un soffio e quei marcatori della malattia si dissipano.

Questo è esattamente quello che è successo in uno studio del 2007 pubblicato in Cura del diabete. Quando i partecipanti hanno mangiato una dieta ricca di carboidrati, hanno accumulato grasso della pancia, hanno avuto bassi livelli di un ormone della perdita di peso chiamato adiponectinae erano meno sensibili all'insulina. Tuttavia, quando i partecipanti mangiavano una dieta ricca di MUFA, il loro grasso addominale diminuiva, i livelli di ormone della perdita di peso aumentavano e la sensibilità all'insulina migliorava - e questo era senza alcun esercizio o taglio di una singola caloria!

Altri studi hanno mostrato risultati simili con il diabete e i livelli di insulina. Infatti, uno studio pubblicato nel American Journal of Clinical Nutrition ha riportato un calo del 3% nel glucosio a digiuno, una riduzione del 9,4% nei livelli di insulina e un calo del 12% nella resistenza all'insulina dopo sei mesi con una dieta ricca di MUFA.

È stato inoltre dimostrato che una colazione ricca di acidi grassi monoinsaturi stabilizzava la glicemia e l'insulina e aumentava il colesterolo HDL, rispetto a una colazione ricca di carboidrati.

Quindi, come puoi goderti il ​​brillamento della pancia grassa, gli effetti di bilanciamento dello zucchero nel sangue dei MUFA?

Goditi questi grassi salutari ad ogni pasto. Ad esempio, gustate una manciata di mandorle a colazione, un'insalata irrorata con olio di avocado per pranzo e cena a base di mahi mahi incrostati di macadamia e spinaci saltati all'aglio in olio di avocado per cena.

Quindi ti starai chiedendo: "Non posso usare solo l'olio d'oliva?". Certo che potresti, ma l'olio di avocado ha diversi vantaggi sull'olio d'oliva, incluso un punto di infiammabilità molto più alto.

Combatti i radicali liberi e ferma l'ossidazione

Punto di infiammabilità (o punto di fumo) è la temperatura alla quale un olio si degrada sotto il calore.E se ti preoccupi di prevenire il cancro, l'invecchiamento fisico, le malattie cardiache, l'ictus e il morbo di Alzheimer, dovresti preoccuparti del punto di infiammabilità.

Vedete, quando un olio raggiunge il suo punto di infiammabilità, si chiamano brutti composti chimici prodotti per l'ossidazione dei lipidi (LOP) modulo. Queste particelle microscopiche sono altamente instabili e scatenano una reazione a catena di danno dei radicali liberi che devasta le cellule del corpo.

I prodotti di ossidazione lipidica obliterano le membrane cellulari e abbattono il collagene che mantiene la pelle elastica e giovane e mantiene le articolazioni in movimento senza problemi. I LOP attaccano anche il colesterolo sano nel corpo e lo ossidano, rendendolo appiccicoso e aumentando il rischio per la placca che causa infarto e ictus. I LOP distruggono le delicate lenti dei tuoi occhi nel tempo, creando il film nuvoloso e opaco che conosciamo come cataratta. E i LOP attaccano la più finita delle tue strutture biologiche - il tuo DNA - portando a mutazioni che possono causare il cancro.

Quindi quando si formano questi brutti LOP? QUALSIASI volta in cui mangi un grasso o olio che è stato usato al di fuori del suo intervallo di temperatura sicuro. E se stai cucinando con la maggior parte degli oli, succederà spesso.

Permettimi di farti queste domande:

  • L'olio nella padella fuma mai?
  • Riutilizza gli oli da cucina?
  • Ti friggi?
  • Mangi cibi fritti commercialmente ... mai?

Se hai risposto affermativamente a una di queste domande, stai ingerendo oli ossidati e prendendo LOPs. Quindi qual è la soluzione? Evita gli oli rancidi negli alimenti confezionati e nei ristoranti e utilizza solo oli da cucina a casa nella loro gamma di temperature sicure.

Ed è qui che entra in gioco l'olio di avocado. Fornisce il più alto punto di infiammabilità - un fuoco ardente di 520 gradi F - di qualsiasi olio! Guarda:

Oli per tutti gli usi: alta temperatura Avocado 520 ° F
Mandorla 495 ° F
Kernel albicocca 495 ° F
Olio extravergine di oliva 468 ° F
Canola 460 ° F
Frutto da Palma 450 ° F
cartamo 445 ° F
Sesamo (raffinato) 445 ° F
Cottura e sauté: calore medio-alto Canola 425 ° F
Semi d'uva 425 ° F
Olio extravergine d'oliva 406 ° F
Noce 400 ° F
Cartamo, alto-oleoso 390 ° F
Noce di cocco 365 ° F
Soia 360 ° F
Sautéing leggero e salsa: calore medio Burro 350 ° F
Sesamo (non raffinato) 350 ° F
Arachidi (non raffinati) 350 ° F
Sesamo tostato (non raffinato) 350 ° F
Oliva (non raffinata) 350 ° F
Mais (non raffinato) 350 ° F
Cocco (non raffinato) 350 ° F
Nutrizione e sapore: solo a freddo Borragine (non raffinata) 225 ° F
Enotera (non raffinata) 225 ° F
Olio di lino (non raffinato) 225 ° F
Olio di germe di grano (non raffinato) 225 ° F

Mentre l'alto punto di infiammabilità dell'olio di avocado lo rende la scelta perfetta per la cottura a calore elevato, è anche delizioso per la pioviggina.

E non solo resiste ai danni dei radicali liberi nella tua cucina, ma combatte anche i danni dei radicali liberi nel tuo corpo.

Aumenta gli antiossidanti fino al 400%

Con ogni cellula umana che riceve ogni giorno un attacco di 10.000 attacchi di radicali liberi, chi non vuole impacchettare più cibo contro i radicali liberi e antiossidanti che sfidano l'età?

Io certamente lo faccio! E uno dei modi in cui lo faccio ogni giorno è usando l'olio di avocado.

E non è solo che l'olio di avocado è così ricco di antiossidanti (che è), agisce anche in sinergia con altri alimenti, aumentando anche il loro assorbimento. Guarda:

  • 3Xs More Carotenoidi: l'olio di avocado contiene quasi il triplo dei carotenoidi dell'olio d'oliva. I carotenoidi sono potenti nutrienti antiossidanti liposolubili che aiutano a combattere il cancro, proteggono dalla cataratta e dalla degenerazione maculare e persino a ridurre i segni fisici dell'invecchiamento
  • Aumenta l'assorbimento degli antiossidanti: oltre ai carotenoidi che contiene, l'olio di avocado può effettivamente aiutare il corpo ad assorbire più di questi composti che combattono la malattia. Molto più! Un recente studio pubblicato nel Journal of Nutrition trovato che una tazza di avocado fresco o 1-2 cucchiai. di olio di avocado aggiunto a un'insalata di lattuga romana, spinaci e carote ha aumentato l'assorbimento dei carotenoidi del 200-400%.
  • 25% in più di vitamina E: l'olio di avocado contiene il 25% in più di vitamina E rispetto all'olio di oliva. La vitamina E è un potente antiossidante che intercetta i radicali liberi e impedisce loro di entrare e danneggiare la cellula. È anche noto per la sua capacità di proteggere il colesterolo dall'ossidazione. Sfortunatamente, secondo il American Journal of Epidemiologypiù del 40% della popolazione non ha i requisiti minimi per questo nutriente!
  • 10 volte più clorofilla: contiene il doppio della clorofilla-a e dieci volte il cholorphyll-b dell'olio d'oliva. La clorofilla è un pigmento verde con potenti proprietà detossificanti e antitumorali. Gli studi dimostrano che la clorofilla si lega agli agenti cancerogeni, impedendo loro di danneggiare il DNA. La clorofilla aumenta anche gli enzimi che combattono il cancro del corpo.

E parlando di prevenzione del cancro ...

Guardia contro i tumori

Combattere i danni dei radicali liberi e ridurre l'infiammazione sono due cose che DEVI fare per ridurre il rischio di cancro. Questo perché i radicali liberi attaccano il DNA - il codice finito della vita - portando a mutazioni cellulari che possono trasformarsi in cancerose. E l'infiammazione ha un ruolo poliedrico nel processo del cancro, promuovendo il cancro attraverso una complessa segnalazione molecolare.

Non è importante capire la biologia dell'oncologia. Ma è importante capire che gli alimenti che mangi fanno una grande differenza. E l'olio di avocado - con il suo mix unico di nutrienti anti-infiammatori e antiossidanti - è un supercibo anti-cancro.

Ma l'olio di avocado non aiuta solo a prevenire il cancro. In realtà aiuta il tuo corpo a uccidere le cellule tumorali esistenti, secondo una recente ricerca pubblicata in Nutrizione e Cancro. Nelle cellule sane, l'olio di avocado riduce l'infiammazione e l'ossidazione. Ma nelle cellule tumorali, i composti attivi in ​​avocado innescano effettivamente la morte cellulare programmata (apoptosi), riducendo il numero di cellule tumorali.

Dai uno sguardo a questi studi:

  • I MUFA riducono significativamente il cancro al seno: uno studio pubblicato in Nutrizione della salute pubblica ha rilevato che le donne che ricevono il maggior numero di MUFA hanno un rischio significativamente più basso di cancro al seno rispetto a quelli che ottengono il minimo.
  • Rischio di cancro alla prostata inferiore ai MUFA: uno studio pubblicato in Cause e controllo del cancro ha scoperto che gli uomini che mangiavano una dieta ricca di MUFA avevano meno possibilità di cancro alla prostata. E più grassi nella dieta, maggiore è la riduzione del rischio.
  • L'avocado inibisce il cancro alla prostata: una ricerca pubblicata nel Journal of Nutritional Biochemistry trovato che più sostanze nutritive in avocado lavorano in sinergia per inibire la crescita delle cellule tumorali della prostata. I test di laboratorio dell'UCLA hanno dimostrato che quando l'estratto di avocado è stato aggiunto a due tipi di cellule tumorali della prostata, la crescita cellulare è stata inibita fino al 60%. Tuttavia, la luteina purificata da sola era inefficace. L'autore principale dello studio, il dott. David Heber, ha commentato:

"La cosa davvero entusiasmante di questo studio è che i risultati indicano che i carotenoidi, le vitamine e diversi composti in avocado potrebbero avere effetti additivi o sinergici contro il cancro alla prostata rispetto alla sola luteina pura".

Un altro modo in cui l'olio di avocado può aiutare a prevenire il cancro è proteggere il fegato.

Proteggi il tuo fegato dalle tossine ... con un Drizzle

Il tuo fegato è la tua prima linea di difesa contro le tossine. È anche l'organo che estrae il tuo "maestro antiossidante e disintossicante" - glutatione.

Custodire e sostenere il fegato è una delle cose migliori che puoi fare per rimanere giovane. E questo significa mangiare una dieta a basso indice glicemico, evitare tossine dannose, aggiungere potenti integratori (come il cardo mariano) e gustare i cibi che amano il fegato di cui parliamo nella nostra sezione sulla dieta disintossicante.

E uno degli alimenti più potenti per il fegato è l'avocado.

I ricercatori della Shizuoka University in Giappone hanno somministrato 22 diversi tipi di frutta a un gruppo di ratti con gravi danni al fegato. I ricercatori hanno poi misurato i cambiamenti in specifici enzimi epatici che indicano il danno. Dei 22 frutti, l'avocado aveva la più potente attività di protezione del fegato, vantando cinque composti specifici che riducono il danno epatico. Hirokazu Kawagishi, il leader dello studio dice:

"Oltre ad offrire gusto e nutrizione, gli avocado sembrano migliorare la salute del fegato. Le persone dovrebbero mangiarne di più ".

E qui a Healing Gourmet, siamo assolutamente d'accordo!

Come usare l'olio di avocado

L'olio di avocado è un alimento superfood versatile, delizioso e facile da usare. Aggiunge più sapore ai tuoi piatti e persuade più nutrizione da ogni singolo morso. È ricco di MUFA che fanno saltare la pancia. Ed è disponibile nei negozi gourmet di fascia alta e nei discount (come SuperTarget) nello stesso modo!

È possibile utilizzare l'olio di avocado per quasi tutti gli scopi culinari tra cui: soffriggere, friggere, cuocere, arrostire, scoppiettare, marinare, emulsionare, intingere e piovigginare.

Il marchio che consigliamo è Olivado *.

Non solo fa Olivado spremete a freddo i loro oli di avocado per conservare preziose sostanze nutritive, le loro bottiglie sono colorate per garantire la massima potenza a lungo termine. Infondono anche pratiche commerciali leali. Quindi prova una bottiglia di questo olio culinario "gold standard" oggi. È fantastico per il tuo corpo ... buono per il pianeta ... e facile anche per le tue tasche.

Prendi il coupon qui sotto e inizia a cucinare con l'olio più sano del mondo oggi!

*NOTA: Healing Gourmet è un revisore indipendente e imparziale dei prodotti alimentari. Non abbiamo accordi finanziari con società che promuoviamo. Crediamo che sia così che dovrebbe essere la pubblicazione sulla salute, senza interessi nascosti o programmi segreti.

POTREBBE PIACERTI ANCHE

Circa l'autore

Kelley Herring, fondatrice di Healing Gourmet, è un'appassionata della nutrizione naturale con un background in biochimica. La sua passione è educare su come gli alimenti promuovono la salute e proteggono dalle malattie e creano ricette semplici e deliziose per una salute e un divertimento vibranti.

Kelley Herring - che ha scritto 242 post su Healing Gourmet.


  
Riferimenti

Boileau C, Martel-Pelletier J, Caron J et al. Effetti protettivi della frazione totale di insaponificabili di avocado / soia sui cambiamenti strutturali nell'osteoartrosi del cane sperimentale: inibizione dell'ossido nitrico sintetasi e matrice metalloproteinasi-1. Artrite Res Ther. 2009; 11 (2): R41. Epub 2009, 16 marzo 2009. Ding H, Chin YW, Kinghorn AD et al. Caratteristiche chemiopreventive del frutto di avocado. Semin Cancer Biol. 17 maggio 2007 Ding H, Han C, Guo D et al. Induzione selettiva dell'apoptosi delle linee cellulari di cancro orale umano da estratti di avocado tramite un meccanismo mediato da ROS. Cancro nutrizionale. 2009; 61 (3): 348-56. 2009. Donnarumma G, Paoletti I, Buommino E et al. AV119, uno zucchero naturale da Avocado gratissima, modula la risposta proinfiammatoria indotta da LPS nei cheratinociti umani. Infiammazione. 2010 ott. 9. [Epub ahead of print] 2010. Eser O, Songur A, Yaman M et al. L'effetto protettivo di unsaponifilables di soia di avocado sul cervello ischemia / danno da riperfusione nella corteccia prefrontale di ratto. Br J Neurosurg. 28 settembre 2010. [Epub ahead of print] 2010. Fulgoni V, Dreher M, Davenport A. Consumo di avocado associato ad una migliore assunzione di nutrienti e indici di salute migliori negli adulti degli Stati Uniti (19+ anni): NHANES 2001-2006. # 8514 astratto. Biologia sperimentale, Anaheim, CA. 28 aprile 2010. 2010. Heinecke LF, Grzanna MW, Au AY et al.Inibizione dell'espressione della cicloossigenasi 2 e della produzione di prostaglandine E2 nei condrociti da parte di insaponificabili di soia avocado e gallato di epigallocatechina. Osteoartrosi Cartilagine. 2010 Feb; 18 (2): 220-7. Epub 2009 set 6. 2010. Lippiello L, Nardo JV, Harlan R et al. Effetti metabolici di avocado / soia insaponificabili su condrociti articolari. Evid Based Complement Alternat Med. 2008 Jun; 5 (2): 191-7. Del 2008. Liu X, Sievert J, Arpaia ML et al. Postulato Ruoli fisiologici degli zuccheri a sette carbonio, mannoeptulosio e perseitolo in avocado. J. Amer Soc. Hort Sci. 127 (1): 108-114. 2002. 2002. Lu QY, Arteaga JR, Zhang Q, Huerta S, Go VL, Heber D. Inibizione della crescita delle cellule del cancro alla prostata con un estratto di avocado: ruolo delle sostanze bioattive liposolubili. J Nutr Biochem. 2005 Jan; 16 (1): 23-30. 2005. PMID: 15629237. Lu QY, Zhang Y, Wang Y et al. Avocado California Hass: profilazione di carotenoidi, tocoferolo, acido grasso e contenuto di grassi durante la maturazione e da diverse aree di coltivazione. J Agric Food Chem. 11 novembre 2009; 57 (21): 10408-13. 2009. Meyer MD e Terry LA. Effetto della soppressione dell'etilene sul metabolismo degli zuccheri e sulla maturazione del frutto dell'avena "Haas". ISHS Acta Horticulturae 884: XI International Symposium on Plant Bioregulators in Fruit Production. Ojewole JA, Kamadyaapa DR, Gondwe MM et al. Effetti cardiovascolari dell'estratto acquoso fogliare di Persea americana Mill (Lauraceae) (avocado) negli animali da esperimento. Cardiovasc J Afr. 2007 Mar-Apr; 18 (2): 69-76. Del 2007. Rosenblat G, Meretski S, Segal J et al. Gli alcoli grassi poliossidrilati derivati ​​da avocado sopprimono la risposta infiammatoria e forniscono una protezione antisolare dai danni provocati dagli UV nelle cellule della pelle. Arch Dermatol Res. 27 ottobre 2010. [Epub ahead of print]. 2010. Roth G, Hayek M, Massimino S et al. Mannoheptulosio: inibitore glicolitico e nuova restrizione calorica mimetica. FASEB J. April 2009, 23 (Meeting Abstract Supplement) 553.1. 2009. Unlu NZ, Bohn T, Clinton SK et al. L'assorbimento di carotenoidi da insalata e salsa da parte degli esseri umani è potenziato dall'aggiunta di avocado o olio di avocado. J. Nutr., Marzo 2005; 135: 431 - 436. 2005. Cecilia Requejo, Cynthia Lund, Anne White, Marie Wong, Tony McGhie, Laurence Eyres, Linda Boyd, Allan Woolf. Olio di avocado pressato a freddo: uno sviluppo sano. HortResearch, Mt Albert Research Center, Borsa privata 92 169, Mt Albert, Nueva Zelanda Istituto di alimentazione, nutrizione e salute umana, Massey University, Privt Bag102-904, Auckland, Nuova Zelanda Tachino N, Guo D, Dashwood WM, Yamane S, Larsen R, Dashwood R. Meccanismi dell'azione antimutagenica in vitro della clorofillina contro il benzo [a] pirene: studi di inibizione enzimatica, formazione di complessi molecolari e degradazione dell'ultimo cancerogeno. Mutat Res. 1994; 308 (2): 191-203. Dingley KH, Ubick EA, Chiarappa-Zucca ML, et al. Effetto dei costituenti alimentari con potenziale chemiopreventivo sulla formazione di addotti di una bassa dose di ammine eterocicliche PhIP e IQ e enzimi epatici di fase II. Cancro nutrizionale. 2003; 46 (2): 212-221. American Chemical Society (2000, 20 dicembre). Gli avocado contengono potenti protettori epatici. ScienceDaily. Assies J, Lok A, Bockting CL, Weverling GJ, Lieverse R, Visser I, Abeling NG, Duran M, Schene AH. Acidi grassi e livelli di omocisteina in pazienti con depressione ricorrente: uno studio pilota esplorativo. Acidi grassi essenziali di Leukot delle prostaglandine. 2004 aprile; 70 (4): 349-56 Baer DJ, Judd JT, Clevidence BA, Tracy RP. Gli acidi grassi alimentari influenzano i marcatori plasmatici di infiammazione in uomini sani alimentati con diete controllate: uno studio incrociato randomizzato. Am J Clin Nutr. 2004 Jun; 79 (6): 969-73. Raymond R. Tjandrawinata, PhD, di UCSF, Chai-Fei Li, BA, di SFVAMC, e Sina Sayyah, BA, di SFVAMC e di acidi grassi omega-6 UCSF provocano la crescita delle cellule tumorali della prostata in coltura. Science- Daily. Soriguer F, Rojo-Martinez G, Dobarganes MC, Garcia Almeida JM, Esteva I, Beltran M, Ruiz De Adana MS, Tinahones F, Gomez-Zumaquero JM, Garcia-Fuentes E, Gonzalez-Romero S. L'ipertensione è legata a il degrado degli oli per friggere dietetici. Am J Clin Nutr. 2003 Dec; 78 (6): 1092-7. Jenkins DJ, Kendall CW, Marchie A, Faulkner DA, Josse AR, e altri. Confronto diretto di portafoglio dietetico vs statina su proteina C-reattiva. Eur J Clin Nutr. 2005 18 maggio; [Epub ahead of print] 2005. PMID: 15.900.306. Cortés B et al. "Effetti acuti di pasti ricchi di grassi arricchiti con noci o olio d'oliva sulla funzione endoteliale postprandiale." J Am Coll Cardiol. 2006 17 ottobre; 48 (8): 1666-71. Epub 2006 26 settembre. Perona JS et al. "L'olio di oliva vergine riduce la pressione sanguigna nei soggetti anziani ipertesi". Clin Nutr. 23, 5: 1113-21, 2004. Jerling JC et al. "Una revisione sistematica degli effetti delle noci sui profili lipidici del sangue nell'uomo." J Nutr. 135, 9: 2082-9, 2005. Staprans I, Pan XM, Rapp JH, Feingold KR.Il ruolo del colesterolo dietetico ossidato e degli acidi grassi ossidati nello sviluppo dell'aterosclerosi.Mol Nutr Food Res. 2005 novembre; 49 (11): 1075-82. Fitó M, Cladellas M, de la Torre R, Martí J, Alcántara M, Pujadas-Bastardes M, Marrugat J, Bruguera J, López-Sabater MC, Vila J, Covas MI; membri degli Investigatori SOLOS. Effetto antiossidante dell'olio d'oliva vergine in pazienti con cardiopatia ischemica stabile: uno studio clinico randomizzato, crossover, controllato.Atherosclerosi. 2005 lug; 181 (1): 149-58. Epub 2005 12 febbraio. Pitsavos C, Panagiotakos DB, Tzima N, Chrysohoou C, Economou M, Zampelas A, Stefanadis C. L'adesione alla dieta mediterranea è associata alla capacità antiossidante totale negli adulti sani: lo studio ATTICA.Am J Clin Nutr. 2005 settembre; 82 (3): 694-9. Paniagua JA, Gallego della Sacristana A, Romero I, Vidal-Puig A, Latte JM, Sanchez E, Perez-Martinez P, Lopez-Miranda J, Perez-Jimenez F. Una dieta ricca di grassi monoinsaturi previene la distribuzione e la diminuzione del grasso corporeo centrale espressione adiponectina postprandiale indotta da una dieta ricca di carboidrati in soggetti insulino-resistenti. Cura del diabete Luglio 2007; 30 (7): 1717-23. Epub 2007 23 marzo. Babio N, Bullo M, Salas-Salvado J: dieta mediterranea e sindrome metabolica: le prove. Public Health Nutr 2009; 12 (9A): 1607-17. Giugliano D, Esposito K: dieta mediterranea e malattie metaboliche. Curr Opin Lipidol 2008; 19 (1): 63-8. Giugliano D, Ceriello A, Esposito K: Gli effetti della dieta sull'infiammazione: enfasi sulla sindrome metabolica. J Am Coll Cardiol 2006; 48 (4): 677-85. Ford ES, Sowell A. Siero alfa-tocoferolo nella popolazione degli Stati Uniti: risultati del Terzo sondaggio nazionale sull'indagine sulla salute e la nutrizione. Am J Epidemiol. 1999; 150 (3): 290-300. Seth Rakoff-Nahoum. Perché il cancro e l'infiammazione? Yale J Biol Med. 2006 dicembre; 79 (3-4): 123-130. Hussain SP, Harris CC.Infiammazione e cancro: un legame antico con nuovi potenziali.Int J Cancer. 2007 1 dicembre; 121 (11): 2373-80.

Trackbacks

4.6
5
12
4
2
3
3
2
2
1
1