Cellulite non responsiva agli antibiotici

Una donna bianca di 36 anni ha cercato assistenza presso la nostra clinica ambulatoriale per 2 giorni di avambraccio destro e arrossamento delle mani, gonfiore e dolore severo in un precedente sito di catetere per via endovenosa (IV). Il paziente aveva ricevuto antibiotici per via intramuscolare per faringite streptococcica positiva alla coltura 2 settimane prima, e quindi fluidi e steroidi IV a causa di una scarsa assunzione orale dall'odoreo.

Ha indicato che dal momento della diagnosi della faringite, aveva avuto una febbre persistente. Nella nostra clinica, le fu diagnosticata una cellulite e iniziò un ciclo di cefalexina orale.

Tre giorni dopo, è tornata. Aveva una temperatura di 100 ° F e il suo avambraccio destro e il polso erano squisitamente sensibili al tocco su un'eruzione violacea calda e indurita con pseudovescichiglie sulle parti più edematose (FIGURA 1). Questo eritema si estese sulla sua mano destra e sulle falangi prossimali. Le dita le fanno male quando le muove; la sensazione e gli impulsi erano intatti.

Il suo polso sinistro era ora leggermente gonfio, con associato calore ed eritema, ma senza vescicole. Anche la caviglia sinistra era calda, eritematosa e moderatamente gonfia con significativa sensibilità alla palpazione. Aveva alcune lesioni nodulari e eritematose sparse sul braccio e sul petto in alto a destra.

Noi (RW e VK) abbiamo ammesso la paziente e l'ho iniziata con la vancomicina e la clindamicina per trattare la presunta cellulite refrattaria. Il giorno 2 non era migliorata, quindi abbiamo aggiunto la gatifloxacina per la copertura gram-negativa. Il giorno 3, le sue lesioni sono peggiorate, quindi l'abbiamo trasferita in una struttura di livello superiore.

FIGURA 1
Peggioramento delle lesioni


L'avambraccio e il polso destro del paziente erano squisitamente sensibili al contatto con l'eruzione cutanea, con gli pseudoveicoli. I contrassegni di inchiostro denotano i confini originali della lesione.
4.8
5
12
4
1
3
1
2
2
1
1