Brad Pitt

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Questo articolo parla dell'attore americano. Per il pugile australiano, vedi Brad Pitt (pugile).

Brad Pitt
Pitt alla premiere di Furia a Washington, D.C., ottobre 2014
Nato William Bradley Pitt
18 dicembre 1963
Shawnee, Oklahoma, U.S.
Nazionalità americano
Alma mater Kickapoo High School
Università del Missouri
Occupazione Attore • Produttore
anni attivi 1987-presente
Lavori Filmografia
Città natale Springfield, Missouri, Stati Uniti
Valore netto $ 240 milioni
Sposo (s) Jennifer Aniston (m. 2000; div. 2005)
Angelina Jolie (m. 2014; Settembre 2016)
Bambini 6
Parenti Douglas Pitt (fratello)

William Bradley "Brad" Pitt (nato il 18 dicembre 1963) è un attore e produttore cinematografico americano. Ha ricevuto numerosi premi e nomination tra cui un Oscar come produttore sotto la sua compagnia Plan B Entertainment.

Pitt è diventato famoso come autista di un cowboy nel road movie Thelma & Louise (1991). I suoi primi ruoli da protagonista nelle produzioni di grandi budget arrivarono con i film drammatici Un fiume scorre attraverso di esso (1992) e Leggende della caduta (1994) e film horror Intervista con il vampiro (1994). Ha dato esecuzioni acclamate dalla critica nel thriller del crimine Sette e il film di fantascienza 12 scimmie (entrambi nel 1995), quest'ultimo gli è valso un Golden Globe Award come miglior attore non protagonista e una nomination all'Oscar.

Pitt ha recitato nel film cult Fight Club (1999) e il film di rapina Ocean's Eleven (2001) e i suoi sequel, Ocean's Twelve (2004) e Ocean's Tredici (2007). I suoi più grandi successi commerciali sono stati Troy (2004), Mr. & Mrs. Smith (2005), e World War Z (2013). Pitt ha ricevuto la sua seconda e terza nomination all'Oscar per le sue prime interpretazioni il curioso caso di Benjamin Button (2008) e L'arte di vincere (2011). Ha prodotto La partenza (2006) e 12 anni schiavo (2013), entrambi i quali hanno vinto l'Oscar come miglior film, e anche L'albero della vita, L'arte di vincere, e The Big Short (2015), i quali hanno ottenuto le nomination ai Best Picture.

Come personaggio pubblico, Pitt è stato citato come una delle persone più influenti e potenti nel settore dell'intrattenimento americano. Per un certo numero di anni, è stato citato come l'uomo più attraente del mondo da vari media, e la sua vita personale è oggetto di ampia pubblicità. Divorziato dall'attrice Jennifer Aniston dopo cinque anni di matrimonio, ha sposato l'attrice Angelina Jolie nel 2014. Hanno sei figli insieme, tre dei quali sono stati adottati a livello internazionale. Nel 2016, Jolie ha chiesto il divorzio da Pitt, che è attualmente in sospeso.[1]

Primi anni di vita

William Bradley Pitt è nato a Shawnee, in Oklahoma, da William Alvin Pitt, che gestiva un'azienda di autotrasporti, e Jane Etta (nata Hillhouse), una consulente scolastica.[2][3] La famiglia si trasferì presto a Springfield, nel Missouri, dove visse insieme ai suoi fratelli più piccoli, Douglas (nato nel 1966) e Julie Neal (nato nel 1969).[4] Nato in una famiglia conservatrice,[5] è cresciuto come Battista del Sud, ma da allora ha affermato di non "avere un ottimo rapporto con la religione" e di "oscillare tra agnosticismo e ateismo".[6] Pitt ha descritto Springfield come "Mark Twain country, Jesse James country", essendo cresciuto con "un sacco di colline, molti laghi".[7]

Pitt frequentò la Kickapoo High School, dove era membro delle squadre di golf, nuoto e tennis.[8] Ha partecipato ai club Key and Forensics della scuola, ai dibattiti scolastici e ai musical.[9] Dopo essersi diplomato al liceo, Pitt si è iscritto all'Università del Missouri nel 1982, laureandosi in giornalismo con particolare attenzione alla pubblicità.[9] All'avvicinarsi della laurea, Pitt non si sentiva pronto a sistemarsi. Amava i film - "un portale in mondi diversi per me" - e, dal momento che i film non sono stati realizzati nel Missouri, ha deciso di andare dove sono stati fatti.[10][11] Due settimane prima di conseguire la laurea, Pitt lasciò l'università e si trasferì a Los Angeles, dove prese lezioni di recitazione e svolse lavori saltuari.[10] Ha nominato i suoi primi eroi di recitazione come Gary Oldman, Sean Penn e Mickey Rourke.[12]

carriera

1987-1993: primi lavori

Mentre si sforzava di stabilirsi a Los Angeles, Pitt prese lezioni dal professore di recitazione Roy London.[9][13] La carriera di attrice di Pitt iniziò nel 1987, con parti non accreditate nei film Nessuna via d'uscita (1987), Terra di nessuno (1987) e Meno di zero (1987).[9][14] Nel maggio 1987, il suo debutto televisivo arrivò con un ruolo di due episodi sulla soap opera della NBC Un altro mondo.[15] Nel novembre dello stesso anno, Pitt fece una comparsa nella sitcom della ABC Dolori crescenti.[16] È apparso in quattro episodi della serie in prima serata CBS Dallas tra dicembre 1987 e febbraio 1988 come Randy, il fidanzato di Charlie Wade (interpretato da Shalane McCall).[17] Più tardi nel 1988, Pitt fece un'apparizione nel dramma poliziesco della Fox 21 Jump Street.[18] Nello stesso anno, la Yugoslavia-U.S. coproduzione Il lato oscuro del sole (1988) diede a Pitt il suo primo ruolo da protagonista nel cinema, come un giovane americano portato dalla sua famiglia nell'Adriatico per trovare un rimedio per una condizione della pelle. Il film è stato archiviato allo scoppio della Guerra d'indipendenza croata e non è stato rilasciato fino al 1997.[9] Pitt ha fatto due apparizioni cinematografiche nel 1989: il primo in un ruolo secondario nella commedia Felici insieme; il secondo è un ruolo principale nel film dell'orrore Classe di taglio, il primo dei film di Pitt per raggiungere i teatri.[16] Ha fatto apparizioni ospiti in serie televisive Capo della classe, Gli incubi di Freddy, Trenta e qualcosae (per la seconda volta) Dolori crescenti.[19]

Pitt è stato scelto per il ruolo di Billy Canton, un tossicodipendente che si avvale di una giovane fuggiasca (interpretata da Juliette Lewis) nel film televisivo della NBC del 1990 Troppo giovane per morire?, la storia di un adolescente abusato condannato a morte per omicidio.[20] Ken Tucker, recensore televisivo per Intrattenimento settimanale ha scritto: "Pitt è un magnifico slimeball come il suo ragazzo con il cappuccio, dall'aspetto e dal suono malevolo di John Cougar Mellencamp, è davvero spaventoso."[20] Lo stesso anno, Pitt ha recitato in sei episodi del breve film Fox Giorni di gloria e ha assunto un ruolo di supporto nel film televisivo HBO L'immagine.[21] La sua prossima apparizione venne nel film del 1991 Attraverso le tracce; Pitt ha interpretato Joe Maloney, un corridore delle superiori con un fratello criminale, interpretato da Rick Schroder.[22] Dopo anni di ruoli secondari in film e frequenti apparizioni in televisione, Pitt ha ottenuto un riconoscimento più ampio nel suo ruolo di supporto nel film su strada di Ridley Scott del 1991 Thelma & Louise.[21] Ha interpretato il ruolo di J.D., un piccolo criminale che fa amicizia con Thelma (Geena Davis). La sua scena d'amore con Davis è stata citata come l'evento che ha definito Pitt un sex symbol.[16][23] Dopo Thelma & Louise, Pitt ha recitato nel film del 1991 Johnny Suede, una foto a basso budget su un'aspirante rockstar,[24] e il film di fantascienza dal vivo animato del 1992 Mondo fantastico,[16] anche se né ha promosso la sua carriera, avendo recensioni negative e performance al botteghino.[25][26]

Pitt interpretò Paul Maclean nel film biografico del 1992 Un fiume scorre attraverso di esso, diretto da Robert Redford.[27] Il suo ritratto del personaggio è stato descritto da PersoneJanet Mock è una performance che fa carriera,[28] dimostrando che Pitt poteva essere più di un "pezzo di cowboy".[29] Ha ammesso di sentirsi sotto pressione durante la realizzazione del film[4] e ho pensato che fosse una delle sue "esibizioni più deboli ... È così strano che è diventato quello per cui ho ricevuto più attenzione".[4] Pitt credeva di aver beneficiato del lavoro con un cast e una troupe così talentuosi. Ha paragonato il lavoro con Redford a giocare a tennis con un giocatore superiore, dicendo "quando giochi con qualcuno migliore di te, il tuo gioco migliora".[28][29] Nel 1993, Pitt si è riunito con Juliette Lewis per il road movie Kalifornia. Ha interpretato Early Grayce, un serial killer e il fidanzato del personaggio di Lewis in una performance descritta da Peter Travers di Rolling Stone come "eccezionale, tutto il fascino fanciullesco e poi uno sbuffo che emana pura minaccia".[30] Anche Pitt attirò l'attenzione per una breve apparizione nel film cult Vero romanzo come un sassofono di nome Floyd, che fornisce molto utile rilievo comico al film d'azione.[31] Ha chiuso l'anno vincendo uno ShoWest Award per Male Star of Tomorrow.[32]

1994-1998: svolta

Pitt al 2007 Palm Springs International Film Festival

Il 1994 segnò una svolta significativa nella carriera di Pitt. Protagonista nel ruolo del vampiro Louis de Pointe du Lac nel film horror Intervista con il vampiro: The Vampire Chronicles, basato sull'omonimo romanzo di Anne Rice del 1976,[33] faceva parte di un cast d'ensemble che comprendeva Tom Cruise, Kirsten Dunst, Christian Slater e Antonio Banderas.[33] Nonostante abbia vinto due MTV Movie Awards alla cerimonia del 1995,[34] la sua esibizione è stata ricevuta male. Secondo il Dallas Observer"Brad Pitt [...] è una grande parte del problema [nel film] .Quando i registi giocano il suo lato arrogante, hunkish e popolare [...] è una gioia da guardare, ma non c'è niente in lui che suggerisce il tormento interiore o anche l'auto-consapevolezza, il che lo rende un Louis noioso. "[35] A seguito del rilascio di Intervista con il vampiro, Recitò Pitt Leggende della caduta (1994),[36] basato su un romanzo con lo stesso nome di Jim Harrison, ambientato nell'occidente americano durante i primi quattro decenni del ventesimo secolo. Ritraendo Tristan Ludlow, figlio del colonnello William Ludlow (Anthony Hopkins) un immigrato della Cornovaglia,[37] Pitt ha ricevuto la sua prima nomination al Golden Globe, nella categoria Miglior attore.[38]Aidan Quinn e Henry Thomas hanno recitato nel ruolo di fratelli di Pitt. Anche se la ricezione del film è stata mista,[39] molti critici cinematografici hanno elogiato la performance di Pitt. Janet Maslin di Il New York Times Disse: "Il diffidente mix tra la recitazione e l'attitudine di Pitt è così perfetto che è una vergogna che la superficialità del film gli ostacoli".[40] Il Deseret News lo ha predetto Leggende della caduta consoliderebbe la reputazione di Pitt come attore principale.[41]

Nel 1995, Pitt recita accanto a Morgan Freeman e Gwyneth Paltrow nel thriller del crimine Sette, interpretando un detective sulle tracce di un serial killer.[42] Pitt l'ha definito un grande film e ha dichiarato che la parte avrebbe ampliato i suoi orizzonti di recitazione.[43] Ha espresso la sua intenzione di passare da "questa" cosa carina da ragazzo "[...] e interpretare qualcuno con difetti".[44] La sua performance è stata accolta criticamente, con Varietà dicendo che si trattava dello schermo che agiva al meglio, osservando ulteriormente la capacità di Pitt di trasformare un "lavoro determinato, energico e credibile" come detective.[45]Sette ha guadagnato $ 327 milioni al botteghino internazionale.[25] Seguendo il successo di Sette, Pitt ha interpretato il ruolo di Jeffrey Goines nel film di fantascienza del 1995 di Terry Gilliam 12 scimmie. Il film ha ricevuto recensioni prevalentemente positive, con Pitt in particolare. Janet Maslin del New York Times chiamato Dodici scimmie "feroce e inquietante" e ha commentato la "performance incredibilmente frenetica di Pitt", concludendo che "elettrizza Jeffrey con uno strano magnetismo che diventa importante più avanti nel film".[46] Ha vinto un Golden Globe Award come miglior attore non protagonista per il film[38] e ha ricevuto la sua prima nomination agli Academy Award come miglior attore non protagonista.[47]

L'anno seguente ha avuto un ruolo nel dramma legale Sleepers (1996), basato sul romanzo di Lorenzo Carcaterra con lo stesso nome.[48] Il film ha ricevuto recensioni contrastanti.[49] Nel film del 1997 The Devil's Own Pitt ha recitato, al fianco di Harrison Ford, nei panni del terrorista irlandese dell'Esercito Repubblicano Rory Devany,[50] un ruolo per il quale è stato richiesto di imparare un accento irlandese.[51] L'opinione critica era divisa sul suo accento; "Pitt trova il giusto tono di ambiguità morale, ma a volte il suo accento irlandese è troppo convincente - è difficile capire quello che sta dicendo", ha scritto il San Francisco Chronicle.[52]La gazzetta di Charleston opinò che aveva favorito l'accento di Pitt sul film.[53]The Devil's Own incassato $ 140 milioni in tutto il mondo,[25] ma è stato un fallimento critico. Nello stesso anno ha guidato come alpinista austriaco Heinrich Harrer nel film Jean-Jacques Annaud Sette anni in Tibet.[54] Pitt si è allenato per mesi per il ruolo, che ha richiesto significative attività di alpinismo e trekking, tra cui l'arrampicata su roccia in California e nelle Alpi europee con il suo co-protagonista David Thewlis.[55] Il film ha ricevuto recensioni per lo più negative ed è stato generalmente considerato una delusione.[56] Pitt ha avuto il ruolo principale nel film fantasy fantasy del 1998 Ti presento Joe Black. Ha interpretato una personificazione della morte che abita il corpo di un giovane uomo per imparare cosa vuol dire essere umani.[57] Il film ha ricevuto recensioni contrastanti e molti hanno criticato la performance di Pitt. Secondo Mick LaSalle del San Francisco Chronicle, Pitt non è stato in grado di "far credere a un pubblico che conosce tutti i misteri della morte e dell'eternità".[58]Roger Ebert ha dichiarato: "Pitt è un bravo attore, ma questa performance è un errore di calcolo".[59]

1999–2003

Nel 1999, Pitt ha interpretato Tyler Durden in Fight Club,[60][61] un adattamento cinematografico del romanzo di Chuck Palahniuk con lo stesso titolo, diretto da David Fincher.[62] Pitt preparò la parte con lezioni di boxe, taekwondo e prese.[63] Per guardare la parte, Pitt ha acconsentito alla rimozione dei pezzi dei suoi denti anteriori che sono stati ripristinati al termine delle riprese.[64] Durante la promozione Fight Club, Pitt ha detto che il film ha esplorato non prendendo le proprie aggressioni su qualcun altro ma per "avere un'esperienza, prendere un pugno di più e vedere come esci dall'altra parte".[65]Fight Club presentato in anteprima al Festival Internazionale del Cinema di Venezia del 1999.[66] Nonostante l'opinione critica divisa sul film nel suo insieme,[67][68] La performance di Pitt è stata ampiamente elogiata. Paul Clinton della CNN ha notato la natura rischiosa ma di successo del film,[69] mentre Varietà ha sottolineato la capacità di Pitt di essere "fresco, carismatico e più dinamico dal punto di vista fisico, forse [...] del suo ruolo rivoluzionario in Thelma e Louise".[70] Nonostante una performance al botteghino peggiore del previsto, Fight Club è diventato un classico di culto dopo la sua uscita in DVD nel 2000.[71]

Pitt nel dicembre 2001

Pitt è stato scritturato come un pugile irlandese zingaro con un accento appena intelligibile nel film di gangster di Guy Ritchie del 2000 Strappare.[72] Diversi revisori erano critici Strappare; tuttavia, la maggior parte ha elogiato Pitt.[73] Mick LaSalle del San Francisco Chronicle Disse che Pitt era "idealmente scelto come un irlandese il cui accento è così forte che persino gli inglesi non riescono a capirlo", continuando a dirlo, prima StrapparePitt era stato "incatenato da ruoli che richiedevano un'introspezione meditabonda, ma di recente ha trovato la sua vocazione in un'ironia comica nera e in appariscente estroversione";[74] mentre Amy Taubin di The Village Voice ha affermato che "Pitt ottiene il massimo chilometraggio comico da un ruolo da una battuta".[75] L'anno seguente, Pitt ha recitato al fianco di Julia Roberts nella commedia romantica Il messicano,[76] un film che ha raccolto una serie di recensioni[77] ma goduto il successo al botteghino.[25] Il prossimo ruolo di Pitt, nel 2001 ha incassato il thriller della Guerra Fredda da 143 milioni di dollari Spy Game,[25] era come Tom Bishop, un agente della Divisione Attività speciali della CIA, guidato dal personaggio di Robert Redford.[78] Mark Holcomb di Salon.com ha apprezzato il film, anche se ha notato che né Pitt né Redford hanno fornito "molto di una connessione emotiva per il pubblico".[79]

Il 22 novembre 2001, Pitt fece un'apparizione nell'ottava stagione della serie televisiva Amici, interpretando un uomo con rancore nei confronti di Rachel Green, interpretato da Jennifer Aniston, a cui Pitt era sposato in quel momento.[80] Per questa performance è stato nominato per un Emmy Award nella categoria degli Outstanding Guest Actor in una serie comica.[81] Nel dicembre 2001, Pitt ha interpretato Rusty Ryan nel film di rapina Ocean's Eleven, un remake del 1960 Rat Pack originale. Si è unito a un cast d'ensemble tra cui George Clooney, Matt Damon, Andy García e Julia Roberts.[82] Ben accolto dalla critica, Ocean's Eleven ha avuto un grande successo al botteghino, guadagnando 450 milioni di dollari in tutto il mondo.[25] Pitt è apparso in due episodi della serie di MTV asino nel febbraio 2002, per la prima volta nelle strade di Los Angeles con diversi membri del cast in abiti da gorilla,[83] e partecipando al suo rapimento messo in scena in un altro episodio.[84] Nello stesso anno, Pitt ha avuto un ruolo cameo nel debutto alla regia di George Clooney Confessioni di una mente pericolosa.[85] Ha assunto i suoi primi ruoli recitativi nel 2003, parlando come personaggio principale del film d'animazione DreamWorks Sinbad: Legend of the Seven Seas[86] e nel ruolo del fratello di Boomhauer, Patch, in un episodio della serie televisiva animata re della Collina.[87]

2004–2013

Pitt ha avuto due ruoli cinematografici importanti nel 2004, interpretando Achilles in Troye riprendendo il suo ruolo, Rusty Ryan, nel sequel Ocean's Twelve. Ha trascorso sei mesi di allenamento con la spada prima delle riprese di Troy, basato sul Iliade.[88] Una lesione sul set del suo tendine di Achille ha ritardato la produzione dell'immagine per diverse settimane.[89]Stephen Hunter di The Washington Times affermò che Pitt eccelleva in un ruolo così impegnativo.[90]Troy è stato il primo film prodotto da Plan B Entertainment, una società di produzione cinematografica che aveva fondato due anni prima con Jennifer Aniston e Brad Gray, CEO della Paramount Pictures.[91]Ocean's Twelve guadagnato $ 362 milioni in tutto il mondo,[25] e la dinamica di Pitt e Clooney è stata descritta da Paul Clinton della CNN come "la migliore chimica maschile da Paul Newman e Robert Redford".[92] Nel 2005, Pitt ha recitato nella commedia d'azione diretta da Doug Liman Mr. & Mrs. Smith, in cui una coppia sposata annoiata scopre che ognuno è un assassino inviato per uccidere l'altro. Il film ha ricevuto recensioni ragionevoli, ma è stato generalmente lodato per la chimica tra Pitt e Angelina Jolie, che ha interpretato la moglie del suo personaggio, Jane Smith. Il Star Tribune ha osservato che "mentre la storia sembra a casaccio, il film passa attraverso il fascino gregario, l'energia galoppante e la chimica dello schermo termonucleare delle stelle".[93]Mr. & Mrs. Smith ha guadagnato $ 478 milioni in tutto il mondo, rendendolo uno dei più grandi successi del 2005.[94]

Pitt al Brucia dopo aver letto premiere nell'agosto 2008

Per il suo prossimo film, Pitt ha recitato al fianco di Cate Blanchett nel dramma multireddistico di Alejandro González Iñárritu Babele (2006).[95] La performance di Pitt è stata accolta criticamente e il Seattle Post-Intelligencer ha detto che era credibile e ha dato visibilità al film.[96] Più tardi Pitt disse che considerava la parte come una delle migliori decisioni della sua carriera.[97] Il film è stato proiettato in una presentazione speciale al Festival di Cannes del 2006[98] e successivamente è stato presentato al Toronto International Film Festival del 2006.[99]Babele ha ricevuto sette nomination agli Oscar e ai Golden Globe, ha vinto il Golden Globe Drama Best e ha ottenuto a Pitt una nomination come miglior attore non protagonista Golden Globe.[38] Quello stesso anno, l'azienda di Pitt, l'azienda Plan B Entertainment, produsse La partenza, che ha vinto l'Oscar per il miglior film. Pitt è stato accreditato sullo schermo come produttore; tuttavia, solo Graham King è stato dichiarato eleggibile per la vittoria dell'Oscar.[100]

Ripresentando il suo ruolo di Rusty Ryan in una terza foto, Pitt ha recitato nel 2007 Ocean's Tredici.[101] Sebbene sia meno redditizio rispetto ai primi due film, questo sequel ha guadagnato $ 311 milioni al botteghino internazionale.[25] Il prossimo film di Pitt è stato il fuorilegge americano Jesse James nel dramma occidentale del 2007 L'assassinio di Jesse James del codardo Robert Ford, adattato dal romanzo del 1983 di Ron Hansen con lo stesso nome.[102] Diretto da Andrew Dominik e prodotto dalla compagnia Plan B Entertainment di Pitt, il film è stato presentato in anteprima al Festival di Venezia del 2007,[103] con Pitt che interpreta un ruolo "spaventoso e carismatico", secondo Lewis Beale di Film Journal International,[104] e ha ottenuto il premio Pitt the Volpi Cup come miglior attore al 64 ° Festival Internazionale del Cinema di Venezia.[105] Alla fine ha ritirato il premio un anno dopo al festival del 2008.[106]

La sua prossima apparizione fu nella commedia nera del 2008 Brucia dopo aver letto, la sua prima collaborazione con i fratelli Coen. Il film ha ricevuto un'accoglienza positiva dalla critica, con Il guardiano chiamandolo "una commedia di spionaggio ben fatta, disegnata in modo sdolcinato",[107] sottolineando che la performance di Pitt è stata una delle più divertenti.[107] In seguito è stato scelto come Benjamin Button, il protagonista del film di David Fincher nel 2008 il curioso caso di Benjamin Button, una versione poco adattata di un racconto del 1921 di F. Scott Fitzgerald. La storia segue un uomo che è nato ottuagenario e invecchia al contrario,[108] con la performance "sensibile" di Pitt Benjamin Button un "capolavoro senza tempo", secondo Michael Sragow di The Baltimore Sun.[109] La performance ha fruttato a Pitt la sua prima nomination agli Screen Actors Guild Award,[110] così come una quarta candidatura al Golden Globe e al secondo premio Oscar,[38][111] tutto nella categoria per il miglior attore. Il film ha ricevuto in totale tredici nomination all'Oscar e incassato $ 329 milioni al botteghino mondiale.[25]

Pitt al 65 ° British Academy Film Awards nel 2012.

Il prossimo ruolo principale di Pitt è arrivato nel 2009 con il film di guerra diretto da Quentin Tarantino Bastardi senza gloria, presentato in anteprima al Festival di Cannes 2009.[112] Pitt interpretava il tenente Aldo Raine, un combattente della resistenza americana che combatteva i nazisti nella Francia occupata dalla Germania.[113] Il film è stato un successo al botteghino, portando 311 milioni di dollari in tutto il mondo,[25] e ha ottenuto recensioni generalmente favorevoli.[114] Il film ha ricevuto numerosi premi e nomination, tra cui otto nomination all'Oscar e sette nomination agli MTV Movie Award, tra cui Best Male Performance per Pitt.[115][116] Ha poi espresso il personaggio supereroe Metro Man nel film d'animazione del 2010 Megamind.[117] Pitt ha prodotto ed è apparso nel dramma sperimentale di Terrence Malick L'albero della vita, con Sean Penn, che ha vinto la Palma d'Oro al Festival di Cannes 2011.[118] In uno spettacolo che ha suscitato forti consensi, ha interpretato il direttore generale di Oakland Athletics Billy Beane nel dramma L'arte di vincere, che si basa sul libro del 2003 con lo stesso nome scritto da Michael Lewis.[119]L'arte di vincere ha ricevuto sei nomination all'Oscar, tra cui miglior film e miglior attore per Pitt.[120]

Il suo prossimo ruolo è stato il sicario della mafia Jackie Cogan nel 2012 di Andrew Dominik Uccidili dolcemente, basato sul romanzo Cogan's Trade di George V. Higgins.[121] Nel 2013, ha recitato in Pitt World War Z, un thriller su un'apocalisse di zombi, basato sul romanzo di Max Brooks con lo stesso nome. Pitt ha anche prodotto il film.[122]World War Z incassò $ 540 milioni al botteghino mondiale,[25] diventare il più alto quadro d'incassi di Pitt.[123] Nel 2013, ha prodotto e interpretato un piccolo ruolo in 12 anni schiavo, un dramma storico basato sull'autobiografia di Solomon Northup.[124] Il film ha ricevuto il plauso della critica[125] ed è stato nominato per nove Academy Awards, vincendo tre, tra cui quello per il miglior film.[126] Sempre nel 2013, Pitt ha avuto un ruolo di supporto in Ridley Scott il consigliere.[127] Plan B Entertainment ha lanciato la sua prima serie televisiva nel programma 2013-2014, come joint venture con ABC Studios, il film di fantascienza / fantasy Risurrezione, è stato prelevato dalla ABC.[128]

2014-presente

Pitt alla premiere di Macchina da guerra in Giappone a maggio 2017

Pitt ha recitato Furia, un film della seconda guerra mondiale diretto e scritto da David Ayer e co-interpretato da Shia LaBeouf, Logan Lerman, Jon Bernthal e Michael Peña.[129][130][131] Il film è stato rilasciato il 17 ottobre 2014.[129] Alla fine della sua corsa, Furia si è dimostrato un successo commerciale e critico; ha incassato oltre 211 milioni di dollari in tutto il mondo[25] e ha ricevuto recensioni molto positive da parte della critica.[132] Nel 2015, Pitt ha recitato al fianco di sua moglie, Jolie, nel suo terzo lavoro da regista, Dal mare, un dramma romantico su un matrimonio in crisi, basato sulla sua sceneggiatura. Il film è stato la loro prima collaborazione dal 2005 Mr. & Mrs. Smith. Il prossimo ruolo di Pitt arrivò con la commedia drammatica biografica The Big Short, che ha anche prodotto. Il film è stato un successo commerciale e critico. Ha incassato oltre 102 milioni di dollari in tutto il mondo[133] e ha ricevuto recensioni positive da parte della critica.[134][135] Il film è stato candidato a cinque Oscar, tra cui Migliore immaginee ha ottenuto a Pitt la sua terza nomination all'Oscar come produttore. Nel 2016, Pitt ha recitato nel thriller romantico di Robert Zemeckis alleato, in cui interpreta un assassino spia che si innamora di una spia francese (interpretata da Marion Cotillard) durante una missione per uccidere un ufficiale tedesco nella seconda guerra mondiale.[136][137] Nel 2017, ha recitato nella commedia di guerra satirica di Netflix Macchina da guerra,[138] che ha anche prodotto.[139] Pitt ha svolto un ruolo ricorrente come meteorologo nel talk show a tarda notte The Jim Jefferies Show per tutto il 2017.[140]

Nel 2016 è stato annunciato che Pitt sarà il protagonista del prossimo sequel di World War Z,[141] con data di uscita ufficiale stabilita il 9 giugno 2017.[142] Tuttavia, all'inizio del 2017, la data di rilascio è stata annunciata per essere indefinitamente ritardata.[143] A giugno, David Fincher è stato confermato a dirigere il World War Z seguito,[144] segnando la quarta collaborazione di Pitt e Fincher. Successivamente, Pitt interpreterà l'epopea dello spazio profondo di James Gray Ad Astra, in cui interpreterà l'ingegnere spaziale leggermente autistico Roy McBride che cerca attraverso la galassia per suo padre, interpretato da Tommy Lee Jones.[145] Nel febbraio 2018, è stato annunciato che Pitt reciterà accanto a Leonardo DiCaprio nel ruolo di Cliff Booth, una controfigura, nel prossimo film di Quentin Tarantino C'era una volta a Hollywood sugli omicidi della famiglia Manson.[146]

Cause umanitarie e politiche

Pitt ha visitato il campus dell'Università del Missouri nell'ottobre 2004 per incoraggiare gli studenti a votare nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2004,[147]