Independence Day (Stati Uniti)

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
"Fourth of July" e "4th of July" reindirizza qui. Per la data, vedere il 4 luglio. Per altri usi, vedere Independence Day (disambiguazione). Per altro materiale correlato, vedere il 4 luglio (disambiguazione).

Giorno dell'Indipendenza
Esposizioni di fuochi d'artificio, come queste sul Monumento a Washington nel 1986, hanno luogo negli Stati Uniti il ​​Giorno dell'Indipendenza.
Chiamato anche Il quattro di luglio
Osservato da stati Uniti
genere Nazionale
Significato Il giorno del 1776, la Dichiarazione di Indipendenza fu adottata dal Congresso Continentale
celebrazioni Fuochi d'artificio, riunioni di famiglia, concerti, barbecue, picnic, sfilate, partite di baseball
Data 4 luglio
La prossima volta 4 luglio 2019
Frequenza annuale

Independence Day (colloquiale: il 4 luglio, il 4 luglio, il quarto) è una festa federale negli Stati Uniti che commemora l'adozione della Dichiarazione d'indipendenza il 4 luglio 1776. Il Congresso continentale dichiarò che le tredici colonie americane si consideravano stati liberi e indipendenti, gli Stati Uniti d'America, e non erano più collegati alla Corona britannica.[1] Il Congresso ha effettivamente votato per dichiarare l'indipendenza due giorni prima, il 2 luglio.[1]

Il Giorno dell'Indipendenza è comunemente associato a fuochi d'artificio, parate, barbecue, carnevali, fiere, picnic, concerti, partite di baseball, riunioni familiari, discorsi politici e cerimonie, oltre a vari altri eventi pubblici e privati ​​che celebrano la storia, il governo e le tradizioni di gli Stati Uniti. Independence Day è il National Day degli Stati Uniti.[2][3][4]

sfondo

Durante la rivoluzione americana, la separazione legale delle tredici colonie dalla Gran Bretagna nel 1776 avvenne in realtà il 2 luglio, quando il secondo congresso continentale votò per approvare una risoluzione di indipendenza che era stata proposta a giugno da Richard Henry Lee della Virginia che dichiarava gli Stati Uniti Stati indipendenti dal dominio della Gran Bretagna.[5][6] Dopo aver votato per l'indipendenza, il Congresso ha rivolto la sua attenzione alla Dichiarazione di Indipendenza, una dichiarazione che spiega questa decisione, che era stata preparata da un Comitato dei Cinque, con Thomas Jefferson come suo principale autore. Il Congresso ha discusso e rivisto la formulazione della Dichiarazione, approvandola definitivamente due giorni dopo, il 4 luglio. Un giorno prima, John Adams aveva scritto a sua moglie Abigail:

Il secondo giorno di luglio 1776 sarà l'epoca più memorabile della storia d'America. Sono propenso a credere che sarà celebrato dalle generazioni successive come il grande festival dell'anniversario. Dovrebbe essere ricordato come il giorno della liberazione, con atti solenni di devozione a Dio Onnipotente. Dovrebbe essere solennizzato con pompa e sfilata, con spettacoli, giochi, sport, pistole, campane, falò e luminarie, da un capo all'altro del continente, da questo momento in avanti per sempre.[7]

Il pronostico di Adams era scaduto di due giorni. Fin dall'inizio, gli americani hanno celebrato l'indipendenza il 4 luglio, data indicata nella tanto pubblicizzata Dichiarazione di Indipendenza, piuttosto che il 2 luglio, data in cui la risoluzione dell'indipendenza è stata approvata in una sessione chiusa del Congresso.[8]

Gli storici hanno a lungo discusso se i membri del Congresso hanno firmato la Dichiarazione di indipendenza il 4 luglio, anche se Thomas Jefferson, John Adams e Benjamin Franklin hanno scritto in seguito che avevano firmato per quel giorno. La maggior parte degli storici ha concluso che la Dichiarazione è stata firmata circa un mese dopo la sua adozione, il 2 agosto 1776, e non il 4 luglio come comunemente si crede.[9][10][11][12][13]

Per coincidenza, sia John Adams che Thomas Jefferson, gli unici firmatari della Dichiarazione di Indipendenza in seguito a servire come presidenti degli Stati Uniti, morirono lo stesso giorno: il 4 luglio 1826, che era il 50 ° anniversario della Dichiarazione.[14] Sebbene non fosse un firmatario della Dichiarazione di Indipendenza, James Monroe, un altro Padre Fondatore che fu eletto come Presidente, morì anche il 4 luglio 1831. Fu il terzo Presidente che morì nell'anniversario dell'indipendenza.[15]Calvin Coolidge, il 30 ° Presidente, nacque il 4 luglio 1872; finora è l'unico Presidente degli Stati Uniti ad essere nato nel Giorno dell'Indipendenza.[16]

Osservanza

  • Nel 1777, furono sparati tredici colpi di arma da fuoco in segno di saluto, una volta al mattino e ancora una volta al calare della sera, il 4 luglio a Bristol, nel Rhode Island. Un articolo nel numero del 18 luglio 1777 di The Virginia Gazette notò una celebrazione a Filadelfia in un modo che un americano moderno avrebbe trovato familiare: una cena ufficiale per il Congresso Continentale, brindisi, saluti a 13 cannoni, discorsi, preghiere, musica, sfilate, recensioni di truppe e fuochi d'artificio. Le navi in ​​porto erano rivestite con stamina rossa, bianca e blu.[17]
  • Nel 1778, dal suo quartier generale a Ross Hall, vicino a New Brunswick, New Jersey, il generale George Washington segnò il 4 luglio con una doppia razione di rum per i suoi soldati e un saluto di artiglieria (feu de joie). Dall'altra parte dell'Oceano Atlantico, gli ambasciatori John Adams e Benjamin Franklin hanno organizzato una cena per i loro concittadini americani a Parigi, in Francia.[18]
I bambini americani di molte etnie celebrano rumorosamente nel 1902 Disco cartone animato
  • Nel 1779, il 4 luglio cadde di domenica. La festa è stata celebrata lunedì 5 luglio.[18]
  • Nel 1781, il Tribunale del Massachusetts divenne la prima legislatura statale a riconoscere il 4 luglio come una celebrazione di stato.[18]
  • Nel 1783, Salem, nel North Carolina, organizzò una celebrazione con un impegnativo programma musicale assemblato da Johann Friedrich Peter intitolato Il salmo della gioia. La città sostiene di essere il primo evento pubblico del 4 luglio, come è stato accuratamente documentato dalla Chiesa della Moravia, e non ci sono registrazioni governative di precedenti celebrazioni.[19]
  • Nel 1870, il Congresso degli Stati Uniti rese il Giorno dell'Indipendenza una festa non retribuita per impiegati federali.[20]
  • Nel 1938, il Congresso cambiò il Giorno dell'Indipendenza con una festa federale pagata.[21]

dogana

Un invito del 1825 a una celebrazione del Giorno dell'Indipendenza
Fuochi d'artificio il giorno dell'indipendenza a Goleta, in California

L'Independence Day è una festa nazionale contrassegnata da esposizioni patriottiche. Simile ad altri eventi a tema estivo, le celebrazioni del Giorno dell'Indipendenza si svolgono spesso all'aperto. Secondo 5 U.S.C. § 6103, il Giorno dell'Indipendenza è una festa federale, quindi tutte le istituzioni federali non essenziali (come il servizio postale e le corti federali) sono chiuse quel giorno. Molti politici fanno un punto in questo giorno per apparire in un evento pubblico per lodare il patrimonio, le leggi, la storia, la società e le persone della nazione.

Le famiglie celebrano spesso il Giorno dell'Indipendenza organizzando o frequentando un picnic o un barbecue; molti approfittano del giorno libero e, in alcuni anni, un lungo weekend per riunirsi con parenti o amici. Decorazioni (per esempio., stelle filanti, palloncini e vestiti) sono generalmente colorati di rosso, bianco e blu, i colori della bandiera americana. Le sfilate si svolgono spesso al mattino, prima delle riunioni di famiglia, mentre i fuochi artificiali si svolgono di sera al calar della notte in luoghi come parchi, aree fieristiche o piazze cittadine.

La notte prima della Quarta era una volta il punto focale delle celebrazioni, segnate da rauche assemblee che spesso incorporavano falò come loro fulcro. Nel New England, le città gareggiarono per costruire piramidi imponenti, assemblate da barili e botti. Erano illuminati al calar della notte per inaugurare la celebrazione. I più alti erano a Salem, nel Massachusetts, con piramidi composte da ben quaranta file di barili. Questi hanno fatto registrare i falò più alti mai registrati. L'usanza è fiorita nei secoli XIX e XX ed è ancora praticata in alcune città della Nuova Inghilterra.[22]

I fuochi d'artificio dell'Indipendence Day sono spesso accompagnati da canzoni patriottiche come l'inno nazionale, "The Star-Spangled Banner"; "Dio benedica l'America"; "America the Beautiful"; "My Country, 'Tis of Thee"; "Questa terra è la tua terra"; "Stars and Stripes Forever"; e, regionalmente, "Yankee Doodle" negli stati nord-orientali e "Dixie" negli stati meridionali. Alcuni dei testi richiamano le immagini della guerra rivoluzionaria o della guerra del 1812.

Independence Day Parade a Washington, D.C.

Spettacoli di fuochi d'artificio si svolgono in molti stati, e molti fuochi d'artificio sono venduti per uso personale o in alternativa a uno spettacolo pubblico. I problemi di sicurezza hanno portato alcuni stati a vietare i fuochi d'artificio oa limitare le dimensioni e i tipi consentiti. Inoltre, le condizioni meteorologiche locali e regionali possono determinare se sarà consentita la vendita o l'uso di fuochi d'artificio in un'area. Alcune vendite di fuochi d'artificio locali o regionali sono limitate o vietate a causa del clima secco o di altre preoccupazioni specifiche. In tali occasioni al pubblico potrebbe essere vietato l'acquisto o lo scarico di fuochi d'artificio, ma le esposizioni professionali (come quelle in occasione di eventi sportivi) potrebbero comunque aver luogo, se sono state adottate alcune precauzioni di sicurezza.

Un saluto di una pistola per ogni stato negli Stati Uniti, chiamato "saluto all'unione", viene sparato il giorno dell'Indipendenza a mezzogiorno da qualsiasi base militare capace.[23]

New York City ha il più grande spettacolo pirotecnico nel paese, con oltre 22 tonnellate di articoli pirotecnici esplosi nel 2009.[24] In genere tiene espositori nell'East River. Altre esposizioni importanti sono a Seattle on Lake Union; a San Diego oltre Mission Bay; a Boston sul fiume Charles; a Filadelfia sul Philadelphia Museum of Art; a San Francisco sulla baia di San Francisco; e sul National Mall di Washington, D.C.[25]

Durante l'annuale Detroit-Detroit International Freedom Festival, Detroit, Michigan ospita uno dei più grandi fuochi d'artificio in Nord America, sul fiume Detroit, per celebrare il Giorno dell'Indipendenza in concomitanza con Windsor, la celebrazione dell'Ontario del Canada Day.[26]

La prima settimana di luglio è in genere uno dei periodi di viaggio negli Stati Uniti più frequentati dell'anno, poiché molte persone usano quello che è spesso un fine settimana di vacanza di tre giorni per viaggi di vacanza prolungati.[27]

Galleria di celebrazioni

  • File: Independence Day, 1940 Promotion.ogvRiproduci contenuti multimediali

    Rimorchio patriottico mostrato nei teatri che celebra il 4 luglio 1940

  • Oltre a uno spettacolo di fuochi d'artificio, Miami, in Florida, illumina uno dei suoi edifici più alti con lo schema patriottico rosso, bianco e blu in occasione dell'Indipendence Day.

4.3
5
14
4
3
3
1
2
1
1
1