Trans Fat

La maggior parte del trans il grasso nei cibi che mangiamo si forma attraverso un processo di produzione che aggiunge idrogeno all'olio vegetale, che converte il liquido in un grasso solido a temperatura ambiente. Questo processo è chiamato idrogenazione. Trans il grasso si trova naturalmente anche nei prodotti alimentari di animali ruminanti (ad esempio latte, burro, formaggio, prodotti a base di carne, ecc.).

Mangiare trans il grasso aumenta il livello di colesterolo LDL ("cattivo") nel sangue. Un livello elevato di colesterolo LDL nel sangue aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiache, la principale causa di morte negli uomini e nelle donne negli Stati Uniti. Rimuovere le PHO dagli alimenti trasformati potrebbe prevenire migliaia di attacchi cardiaci e morti ogni anno.

La FDA ha provveduto a rimuovere artificiali trans grassi negli alimenti trasformati. Nel 2015, la FDA ha determinato che le PHO, la principale fonte di artificiale trans grasso nell'approvvigionamento alimentare, non sono più "Generalmente riconosciuti come sicuri" o GRAS. Per la maggior parte degli usi delle PHO, il 18 giugno 2018, rimane la data dopo la quale i produttori non possono aggiungere le PHO agli alimenti. Tuttavia, per consentire una transizione ordinata sul mercato, la FDA sta permettendo più tempo per i prodotti prodotti prima del 18 giugno 2018 per farsi strada attraverso la distribuzione. L'FDA sta estendendo la data di conformità per questi alimenti al 1 ° gennaio 2020. Questa azione bilancia i benefici per la salute derivanti dalla rimozione delle PHO dall'approvvigionamento alimentare con la necessità di fornire una transizione ordinata sul mercato.

Trans Fat

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Per altri usi, vedi Lardo (disambiguazione).

Lardo
Lardo umido, dal grasso del maiale.
Composizione grassa
Grassi saturi
Totale saturo 38–43%:
Acido palmitico: 25-28%
Acido stearico: 12-14%
Acido miristico: 1%
Grassi insaturi
Totale insaturo 56–62%
monoinsaturi 47–50%:
Acido oleico: 44-47%
Acido palmitoleico: 3%
polinsaturi Acido linoleico: 6-10%[1][2]
Proprietà
Energia alimentare per 100 g (3,5 once) 3.770 kJ (900 kcal)
Punto di fusione dorso: 30-40 ° C (86-104 ° F)
grasso fogliare: 43-48 ° C (109-118 ° F)
grasso misto: 36-45 ° C (97-113 ° F)
Punto di fumo 121-218 ° C (250-424 ° F)
Gravità specifica a 20 ° C (68 ° F) 0.917–0.938
Valore di iodio 45–75
Valore acido 3.4
Valore di saponificazione 190–205
insaponificabile 0.8%[2]

Lo strutto è grasso di maiale in entrambe le sue forme rese e non rese. È ottenuto da qualsiasi parte del maiale dove c'è un'alta percentuale di tessuto adiposo. Può essere reso vaporizzandolo o bollendolo in acqua e poi separando il grasso insolubile dall'acqua o mediante l'uso di calore secco. È un grasso bianco semi-morbido con un alto contenuto di acidi grassi saturi e senza grassi trans. Il lardo raffinato viene solitamente venduto come blocchetto di carta.

Il lardo è comunemente usato in molte cucine di tutto il mondo come grasso da cucina o accorciamento, o come spalmabile simile al burro. È un ingrediente in vari piatti salati come salsicce, paté e ripieni, ed è particolarmente apprezzato per la preparazione di pasticceria a causa della "falla" che porta al prodotto. Il suo uso nella cucina occidentale contemporanea è diminuito con l'aumento della popolarità degli oli vegetali, ma molti cuochi e fornai contemporanei continuano a preferirlo rispetto ad altri grassi per determinati usi. Le qualità culinarie dello strutto variano a seconda della parte del maiale da cui è stato prelevato il grasso e di come viene lavorato il lardo.

Produzione di lardo

Il lardo può essere ottenuto da qualsiasi parte del maiale dove vi è un'alta concentrazione di tessuto adiposo. Il più alto grado di lardo, noto come lardo delle foglie, è ottenuto dal deposito di grasso viscerale "a zampa" che circonda i reni e all'interno del lombo. Il lardo delle foglie ha poco sapore di carne di maiale, che lo rende ideale per l'uso in prodotti da forno, dove è apprezzato per la sua capacità di produrre croste di torta friabile. Il grado successivo più alto si ottiene dal fatback, il grasso sottocutaneo duro tra la pelle posteriore e il muscolo del maiale. Il grado più basso (ai fini della trasformazione in lardo) è ottenuto dal grasso morbido del caul che circonda gli organi digestivi, come l'intestino tenue, sebbene il grasso di caul sia spesso usato direttamente come involucro per arrostire carni magre o nella fabbricazione di paté.[3][4][5]

Il lardo può essere reso da uno di due processi: bagnato o secco. Nella resa umida, il grasso di maiale viene bollito in acqua o cotto a vapore ad alta temperatura e il lardo, che è insolubile in acqua, viene scremato dalla superficie della miscela o separato in una centrifuga industriale. Nella resa a secco, il grasso viene esposto a calore elevato in una padella o in un forno senza la presenza di acqua (processo simile alla pancetta). I due processi producono prodotti un po 'diversi. Lo strutto reso bagnato ha un sapore più neutro, un colore più chiaro e un punto di fumo elevato. Lo strutto a secco è un po 'più colorato di colore e sapore e ha un punto di fumo più basso.[6][7] Lo strutto reso produce un odore sgradevole se mescolato con l'ossigeno.[8]

Lo strutto prodotto industrialmente, compresa la maggior parte del lardo venduto nei supermercati, è ottenuto da una miscela di grasso di alta e bassa qualità proveniente da tutto il maiale.[9] Il lardo viene spesso idrogenato per migliorare la sua stabilità a temperatura ambiente. Il lardo idrogenato venduto ai consumatori contiene in genere meno di 0,5 g di transfat per porzione da 13 g.[10] Il lardo viene anche spesso trattato con agenti sbiancanti e deodoranti, emulsionanti e antiossidanti come il BHT.[4][11] Questi trattamenti rendono più consistente e prevengono il deterioramento. (Il lardo non trattato deve essere refrigerato o congelato per prevenire l'irrancidimento).[12][13]

I consumatori che desiderano una fonte di lardo di qualità superiore, in genere, cercano i produttori artigianali del prodotto o lo trasformano da lardo o grasso.[9][13][14][15][16]

Un sottoprodotto di lardo che rende asciutto è carne fritta, pelle e tessuto della membrana noti come ciccioli.[4]

Composizione

Una molecola di trigliceridi, il costituente principale del lardo.

Il lardo consiste principalmente di grassi, che nel linguaggio della chimica sono noti come trigliceridi. Questi trigliceridi sono composti da tre acidi grassi e la distribuzione degli acidi grassi varia da olio a petrolio. In generale il lardo è simile al sego nella sua composizione.[17] I maiali che sono stati alimentati con diete diverse avranno il lardo con un contenuto di acidi grassi significativamente diverso e un valore di iodio. I maiali alimentati con arachidi oi maiali alimentati con ghiande allevati per Jamón ibérico producono quindi un tipo di lardo in qualche modo diverso rispetto ai maiali allevati nelle fattorie nordamericane che vengono nutriti con mais.[2][18]

Storia e uso culturale

Grasso crudo a cubetti per preparare il tourtière.

Il lardo è sempre stato un importante punto di riferimento per cucinare e cuocere in culture dove la carne suina è un importante elemento dietetico, il grasso dei maiali spesso è un prodotto prezioso quanto la loro carne.[4]

Durante il XIX secolo il lardo era usato in modo simile al burro in Nord America e in molte nazioni europee.[17] Lardo è rimasto popolare tanto quanto il burro all'inizio del 20 ° secolo, ed è stato ampiamente usato come sostituto del burro durante la seconda guerra mondiale. Come sottoprodotto facilmente disponibile della moderna produzione di maiale, il lardo era stato più economico della maggior parte degli oli vegetali, ed era comune nella dieta di molte persone fino a quando la rivoluzione industriale rendeva gli oli vegetali più comuni e più convenienti.Gli accorciamenti vegetali furono sviluppati all'inizio del 1900, il che rese possibile l'uso di grassi a base di verdure nella cottura e in altri usi in cui venivano richiesti grassi solidi. La pubblicità negativa è stata generata dal romanzo di Upton Sinclair La giungla che, anche se immaginario, raffigurava uomini che cadevano in vasche e venivano venduti come lardo.

Verso la fine del XX secolo il lardo cominciava a essere considerato meno salutare degli oli vegetali (come l'olio di oliva e di girasole) a causa del suo alto contenuto di acidi grassi saturi e colesterolo. Tuttavia, nonostante la sua reputazione, il lardo ha meno grassi saturi, più grassi insaturi e meno colesterolo di una uguale quantità di burro in peso.[2] Lo strutto non idrogenato non contiene grassi trans. È stato anche considerato un "cibo povero".[4]

Molti ristoranti nelle nazioni occidentali hanno eliminato l'uso del lardo nelle loro cucine a causa delle restrizioni dietetiche legate alla salute di molti dei loro clienti, e le restrizioni alimentari basate sulla carne di maiale come Kashrut e Halal significano che alcuni panettieri sostituiranno il sego di manzo per lardo.

Tuttavia, negli anni '90 e nei primi anni 2000 le proprietà culinarie uniche del lardo sono state riscoperte da cuochi e fornai, portando ad una parziale riabilitazione di questo grasso tra i "buongustai". Questa tendenza è stata parzialmente guidata da una pubblicità negativa sul contenuto di transfat degli oli vegetali parzialmente idrogenati nella riduzione delle verdure. Lo chef e food writer Rick Bayless è un importante sostenitore delle virtù del lardo per certi tipi di cucina.[14][15][16][19]

Anche nel Regno Unito sta diventando popolare tra gli appassionati della cucina tradizionale britannica. Ciò ha portato a una "crisi di lardo" alla fine del 2004.[20][21]

Uso culinario

Il lardo è uno dei pochi oli commestibili con un punto di fumo relativamente alto, attribuibile al suo alto contenuto di acidi grassi saturi. Lo strutto puro è particolarmente utile per cucinare poiché produce poco fumo quando riscaldato e ha un sapore distinto se combinato con altri alimenti. Molti cuochi e fornai sono più ricchi di altri tipi di accorciamenti a causa del loro sapore e della gamma di applicazioni.[22]

Lardo
Valore nutrizionale per 100 g (3,5 once)
Energia 3.765,6 kJ (900,0 kcal)
carboidrati
0 g
Grasso
100 grammi
Saturato 39 g
monoinsaturi 45 g
polinsaturi 11 g
Proteina
0 g
Altri costituenti Quantità
Colesterolo 95 mg
Zinco 0,1 mg
Selenio 0,2 mg

La percentuale di grasso può variare.
  • unità
  • μg = microgrammi • mg = milligrammi
  • UI = unità internazionali
Le percentuali sono approssimativamente approssimative usando le raccomandazioni statunitensi per gli adulti.
Fonte: Database di nutrienti dell'USDA
Proprietà comparative dei grassi di cottura comuni (per 100 g)
Tipo di grasso Grasso totale (g) Grasso saturo (g) Grasso monoinsaturo (g) Grasso polinsaturo (g) Punto di fumo
Olio di semi di girasole 100 11 20 69 225 ° C (437 ° F)[23]
Olio di girasole (alto oleico) 100 12 84 [24] 4 [24]
Olio di semi di soia 100 16 23 58 257 ° C (495 ° F)[23]
Olio di colza 100 7 63 28 205 ° C (401 ° F)[24][25]
Olio d'oliva 100 14 73 11 190 ° C (374 ° F)[23]
Olio di mais 100 15 30 55 230 ° C (446 ° F)[23]
Olio di arachidi 100 17 46 32 225 ° C (437 ° F)[23]
Olio di crusca di riso 100 25 38 37 250 ° C (482 ° F)[26]
Accorciamento vegetale (idrogenato) 71 23 8 37 165 ° C (329 ° F)[23]
Lardo 100 39 45 11 190 ° C (374 ° F)[23]
suet 94 52 32 3 200 ° C (392 ° F)
Burro 81 51 21 3 150 ° C (302 ° F)[23]
Olio di cocco 100 86 6 2 177 ° C (351 ° F)

A causa dei cristalli di grasso relativamente grandi trovati nello strutto, è estremamente efficace come un accorciamento nella cottura al forno. Le croste di torta fatte con lardo tendono ad essere più screziate di quelle fatte con il burro. Molti cuochi usano entrambi i tipi di grasso nei loro dolci per combinare le proprietà di accorciamento del lardo con il sapore del burro.[4][27][28]

Un tempo il lardo veniva ampiamente utilizzato nelle cucine di Europa, Cina e Nuovo Mondo e svolge ancora un ruolo significativo nelle cucine britannica, centroeuropea, messicana e cinese. Nella cucina britannica, il lardo è un ingrediente tradizionale in mince pie e budini natalizi, torta lardy e per friggere pesce e patatine e molti altri usi. In effetti, in Inghilterra ci sono persone che mangiano il lardo, specialmente ai Lard Championships che si tengono ogni anno nel Dorset, con 5000 persone che partecipano all'estate del 2007.[20][21]

Il lardo è tradizionalmente uno degli ingredienti principali del pâté leverpostej scandinavo.

1916 pubblicità per lardo prodotto da Swift & Company.

In Spagna, una delle versioni più popolari della colazione andalusa comprende diversi tipi di mantecas variamente condito, consumato spalmato su pane tostato. Tra le altre varianti, manteca colorá (lardo con paprika)[29] e zurrapa de lomo (lardo con scaglie di maiale)[30] sono i preferiti Nella cucina catalana il lardo viene usato per preparare l'impasto per la pasticceria nota come coca. In particolare nelle Baleari, l'impasto di ensaimades contiene anche strutto.

Una fetta di pane spalmata con lardo era un alimento tipico della cucina rurale tradizionale di molti paesi.

Il lardo consumato come pane spalmabile era una volta molto diffuso in Europa e in Nord America, specialmente in quelle zone dove i grassi e gli oli vegetali da latte erano rari.[4]

Mentre la domanda di lardo cresce nell'industria dei ristoranti di alta gamma, i piccoli agricoltori hanno iniziato a specializzarsi nelle razze di maiale con contenuto di grasso corporeo più elevato rispetto al maiale più magro e moderno. Razze come il maiale Mangalitsa dell'Ungheria o il Grande maiale nero della Gran Bretagna stanno vivendo un'enorme ripresa, al punto che gli allevatori non sono in grado di tenere il passo con la domanda.[31]

Quando usato senza qualifica la parola "lardo" in inglese si riferisce generalmente al lardo reso bagnato, che ha un sapore molto delicato e neutro rispetto al lardo più secco dal sapore asciutto, o al gocciolamento.I panini gocciolanti sono ancora popolari in diversi paesi europei, l'ungherese zsíroskenyér ("pane lardo") o zsírosdeszka ("lardy plan") e tedesco "Fettbemme", grasso di maiale stagionato. A volte spuntini simili vengono serviti con birra in Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Sono generalmente conditi con cipolle, serviti con sale e paprika e consumati come contorno con la birra. Tutti questi sono comunemente tradotti nei menu come sandwich "al lardo", forse a causa della mancanza di familiarità della maggior parte dei madrelingua inglesi contemporanei con il gocciolamento. Tenta di usare ungherese zsír o polacco smalec (entrambi significano "grasso / lardo") quando le ricette inglesi che richiedono lo strutto rivelano la differenza tra il lardo umido e il gocciolamento.[32][33] A Taiwan, Hong Kong e Macao, così come in molte parti della Cina, il lardo veniva spesso consumato in riso cotto insieme alla salsa di soia per produrre il "riso al lardo" (豬油 拌飯 o 豬油 撈飯). E in Giappone, il lardo di ritorno (grasso) è spesso usato per il ramen, creando un piatto denso, ricco di noci, leggermente dolce e molto saporito.

Tradizionalmente, insieme con l'olio di arachidi, il lardo viene ampiamente utilizzato nella cucina asiatica come olio da cucina per uso generale, in particolare mescolare e friggere in profondità.

Schweineschmalz, Lardo tedesco
Griebenschmalz, Lardo tedesco con pezzi di carne di maiale croccanti

In Germania viene chiamato lardo Schweineschmalz (letteralmente, "reso grasso dai maiali") ed è stato un favorito di lunga data come diffusione. Può essere servito al naturale o mescolato con condimenti: il grasso di maiale può essere arricchito con piccoli pezzi di pelle di maiale, chiamati Grieben (cfr griben yiddish) da creare Griebenschmalz. Altre ricette richiedono piccoli pezzi di mela o cipolla. In inglese, tuttavia, sdolcinatezza di solito si riferisce al grasso kosher reso da pollo, anatra o oca.

Schmalzbrot ("pane con sdolcinatezza") può essere trovato nel menu di ristoranti o pub birreria a terra. Schmalzbrot è spesso servito come Griebenschmalz sul pane di segale accompagnato con cetriolo sottaceto.

Vegetariano Grieben da cipolle o mele, che ha iniziato come un mezzo di diluizione improvvisato sdolcinatezza nel momento del bisogno, è diventato piuttosto popolare per conto proprio perché consentono un gusto specifico e un contenuto di grassi inferiore. Completamente vegetariano sdolcinatezza-come gli spread a base di grassi vegetali usano anche questi ingredienti. In Germania è vietato usare il termine sdolcinatezza per prodotti non di lardo.

In Polonia il lardo è spesso servito come antipasto. Si mescola con la frutta, di solito la mela tritata, e si spande su fette di pane spesse.

Altri usi

Il lardo reso può essere utilizzato per produrre biocarburanti[34] e sapone Il lardo è anche utile come fluido da taglio nella lavorazione. Il suo uso nelle lavorazioni meccaniche è diminuito dalla metà del 20 ° secolo, quando altri fluidi da taglio appositamente progettati sono diventati importanti. Tuttavia è ancora un'opzione praticabile. Lo strutto e altri grassi animali venivano precedentemente utilizzati come agenti anti-schiuma nei processi di fermentazione industriale come la birra; lì, i grassi animali sono stati sostituiti da polieteri.[35]

Guarda anche

  • Lardy cake, un pane inglese con un pesante contenuto di lardo
  • Suet, come il lardo delle foglie
  • Grasso di balena

Riferimenti

  1. ^ Consiglio nazionale delle ricerche. (1976). Contenuto di grassi e composizione di prodotti di origine animale; p. 203. Washington, DC: ufficio stampa ed editoria, National Academy of Science. ISBN 0-309-02440-4
  2. ^ a b c d Ockerman, Herbert W. (1991). Libro di origine per scienziati del settore alimentare (seconda edizione). Westport, CN: AVI Publishing Company.
  3. ^ Davidson, Alan. (2002). The Penguin Companion to Food. New York: Penguin Books. "Caul"; p 176-177. ISBN 0-14-200163-5
  4. ^ a b c d e f g Davidson, Alan. (2002). The Penguin Companion to Food. New York: Penguin Books. "Lardo"; p 530-531. ISBN 0-14-200163-5
  5. ^ Ockerman, Herbert W. e Basu, Lopa. (2006). Rendering commestibile - prodotti resi per uso umano. In: Meeker DL (ed). Rendering essenziale: tutto sul settore dei sottoprodotti animali. Arlington, VA: National Renderers Association. p 95-110. ISBN 0-9654660-3-5 (Avviso: documento di grandi dimensioni).
  6. ^ Moustafa, Ahmad e Stauffer, Clyde. (1997). Grassi da forno. Bruxelles: American Soybean Association. Archiviato il 2 febbraio 2007, sulla Wayback Machine.
  7. ^ Rombaur, Irma S, et al. (1997). Gioia di cucinare (revisionato ed). New York: Scribner. "A proposito di lardo e altri grassi animali"; p 1069. ISBN 0-684-81870-1
  8. ^ Vauhini Vara, Oggi, è il bacon, non i maiali, che ha Haight-Ashbury agitato, Wall Street Journal A-Hed (10 luglio 2013, 22:31 ET).
  9. ^ a b "Chiede Cook: Il lardo è un accorciamento accettabile? ", Cook's Illustrated, Novembre 2004.
  10. ^ "Armatura: lardo, 64 once: cottura". Walmart.com. Estratto 2012-08-13.
  11. ^ "Metti il ​​lardo nella tua dispensa" di Linda Joyce Forristal, L'Olde World Cafe e l'emporio di viaggio di Mother Linda.
  12. ^ Matz, Samuel A. (1991). Tecnologia e ingegneria per panifici. New York: Springer. "Lardo"; p 81. ISBN 0-442-30855-8
  13. ^ a b "Crea il tuo lardo: credici o no, fa bene a te" Archiviato 2007-10-13 alla Wayback Machine. di Lynn Siprelle, The New Homemaker, Inverno 2006.
  14. ^ a b "The Real Thing: niente batte lardo per sapore vecchio stile" di Matthew Amster-Burton, Il Seattle Times, 10 settembre 2006.
  15. ^ a b "Non lasciare che il lardo ti getti in un tizzy" di Jacqueline Higuera-McMahan, San Francisco Chronicle12 marzo 2003.
  16. ^ a b "Light, Fluffy - Believe It, It's Not Butter" di Matt Lee e Ted Lee, New York Times, 11 ottobre 2000.
  17. ^ a b Alfred Thomas (2002). "Grassi e oli grassi". Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry. Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry. Weinheim: Wiley-VCH. doi: 10.1002 / 14356007.a10_173. ISBN 3-527-30673-0.
  18. ^ Kaminsky, Peter. (2005). Maiale perfetto: incontri con suini notevoli e alcuni modi per cucinarli. Hyperion. 304 p. ISBN 1-4013-0036-7
  19. ^ "Momento da cardiopalma per i dottori come ci innamoriamo di nuovo del lardo" di Sally Williams, Posta occidentale, 5 gennaio 2006.
  20. ^ a b Helen Carter. "Crisi del lardo: mince torte minacciate mentre le scorte diminuiscono". il guardiano.
  21. ^ a b "Gli chef lo apprezzano, i francesi lo adorano, i polacchi lo fanno a pezzi e ora la Gran Bretagna sta finendo." di Christopher Hirst, L'indipendente, 20 novembre 2004.
  22. ^ Julie R. Thomson, "10 motivi per cui dovresti cucinare con lo strutto" HuffPost Gusto, 28 aprile 2014 (ritirato il 5 ottobre 2014).
  23. ^ a b c d e f g h The Culinary Institute of America (2011). Lo chef professionista (Nono ed.). Hoboken, New Jersey: John Wiley & Sons. ISBN 978-0-470-42135-2. OCLC 707248142.
  24. ^ a b c "Database dei nutrienti, versione 25". Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti.
  25. ^ Katragadda, H. R .; Fullana, A. S .; Sidhu, S .; Carbonell-Barrachina, Á. A. (2010). "Emissioni di aldeidi volatili da oli di cottura riscaldati". Chimica degli alimenti. 120: 59. doi: 10.1016 / j.foodchem.2009.09.070.
  26. ^ [1]
  27. ^ "Heaven in a Pie Pan - The Perfect Crust" di Melissa Clark, New York Times, 15 novembre 2006.
  28. ^ Farina di Re Artù. (2003). King Arthur Flour Baker's Companion: il ricettario di cottura per tutti gli usi. Woodstock, VT: Countryman Press. "Lardo"; p. 550. ISBN 0-88150-581-1
  29. ^ "Manteca" Colorá ", tarrina 400g - fabricantes de embutidos, chacinas, venta de embutidos" (in spagnolo). Angellopezsanz.es. 2009-01-18. Archiviato dall'originale in data 2012-04-26. Estratto 2012-08-13.
  30. ^ "ZURRAPA DE LOMO TARRINA 400 G - fabricantes de embutidos, chacinas, venta de embutidos" (in spagnolo). Angellopezsanz.es. 2009-01-18. Archiviato dall'originale in data 2012-04-26. Estratto 2012-08-13.
  31. ^ Sanders, Michael S. (29 marzo 2009). "Una vecchia razza di maiale ungherese è tornata a favore". Il New York Times.
  32. ^ IMG_2116 di chrys, Flickr.com, 16 settembre 2006.
  33. ^ "Guida dei ristoranti austriaci" di Keith Waclena, 18 febbraio 2000.
  34. ^ "La bibbia del biodiesel" di Keith Addison, Crea il tuo biodiesel (sito web).
  35. ^ Randal M. Hill, Steven P. Christiano, "agenti antischiuma", in Joseph C. Salamone, ed., Enciclopedia dei materiali polimerici, CRC Press, 1996, 1: 294

link esterno

Ascolta questo articolo (info / dl)


Questo file audio è stato creato da una revisione dell'articolo "Lard" datato 2011-04-30 e non riflette le modifiche successive all'articolo. (Aiuto audio)
Più articoli parlati

Consultare lardo in Wikizionario, il dizionario gratuito.
Wikimedia Commons ha media correlati a Lardo.
  • "High on the Hog" di Corby Kummer, New York Times, 12 agosto 2005.
  • "Rendering Lard 2.0" di Derrick Schneider, Un'ossessione con il cibo (blog), 12 gennaio 2006.
  • "Lardo", Risorse alimentari, College of Health e Human Sciences, Oregon State University, 20 febbraio 2007. - Bibliografia di articoli di scienze alimentari su lardo.
  • "10 motivi per cui dovresti cucinare con il lardo" di Julie R. Thomson, HuffPost Gusto, 28 aprile 2014.
  • v
  • t
  • e
Pigs
  • Regno Animalia
  • Phylum Chordata
  • Classe Mammalia
  • Ordina Artiodactyla
  • Sottordine Suina
  • Suidi di famiglia
  • Sottofamiglia Suinae
  • Genere Sus
Domestico
Allevamento
Spettacoli
agricoltura
Agricoltura intensiva
porcile
Pannage
Gabinetto
Oliatore
Cassa di gestazione
Cross-promozione
porcaro
Come cibo
Bacon
prosciutto
Lardo
Maiale
scalder
macello
Lattante
Sangue
Restrizioni religiose
Tabù scozzese di maiale
tagli
Bacon indietro
Culo di Boston
fatback
Ham hock
Zampone di maiale
Pancetta di maiale
Braciola di maiale
Guanciale di maiale
lombo
filetto di manzo
Costolette
Costine
Cotiche
Bistecca di maiale
Orecchio
Coda
Altri usi
Vescica
Da corsa
Guerra
lotta
da tartufi
Selvaggio e Feral
  • Cinghiale
    • Araldica
    • A caccia
  • Nelle Filippine
  • Razorback
Maiali in cultura
  • Maiale dell'età del ferro
  • Flitch of bacon custom
  • Miss Piggy
    • Maiali nello spazio
  • Maiale di maiale
  • maialino
  • "I tre porcellini"
  • Fattoria di animali
    • Vecchio maggiore
    • Napoleone
    • Palla di neve
    • piagnone
  • bambino
  • Modella: Pig in the City
  • Maialini cattivi
  • Mio fratello il maiale
  • Charlotte's Web
  • Il maiale-pecora
  • Peppa Pig
  • Super maiale
  • Fiera, poi Parzialmente Piggy
  • Jakers! Le avventure di Piggley Winks
  • Olivia (personaggio
  • Serie TV)
  • Maiali Floyd rosa
  • Pinky e Perky
  • Preston Pig
  • fettina di pancetta
  • Porco Rosso
  • Spider-Ham
  • Porco ragno
  • La storia di Little Pig Robinson
  • La storia di Pigling Bland
  • "Questo piccolo porcellino"
  • Toot & Puddle
  • Huxley Pig
  • Wibbly Pig
  • Zhu Bajie
Altro
  • Elenco dei maiali
  • Elenco dei maiali immaginari
  • Piganino
  • Pigasus (politica)
  • "Quando i maiali volano"
  • v
  • t
  • e
Grassi e oli commestibili
grassi
Grassi di maiale
  • Grasso di pancetta
  • fatback
    • lardo
    • Salo
    • Maiale salato
    • Szalonna
  • Lardo
  • pezzo di lardo
  • Pancetta di maiale
    • Pancetta
    • tocino
  • granello
Grassi di manzo / montone
  • Gocciolante
  • suet
  • Sego
  • Coda grasso
Grassi lattiero-caseari
  • Burro
  • Burro chiarificato
    • ghee
    • Niter kibbeh
    • Smen
Grassi di pollame
  • Grasso di pollo
  • Grasso d'anatra
  • sdolcinatezza
Altri grassi animali
  • grasso di balena
    • Muktuk
Grassi vegetali
  • Burro di cacao
  • Margarina
  • Burro di karitè
  • Accorciamento vegetale
oli
Oli di pesce
  • olio di fegato di merluzzo
  • Olio di fegato di squalo
Oli vegetali
Oli importanti
  • Olio di cocco
  • Olio di mais
  • Olio di semi di cotone
  • Olio d'oliva
  • olio di palma
    • olio di palma
  • Olio di arachidi
  • Olio di colza
    • Olio di colza e olio di colza (sindrome da olio tossico)
  • Olio di cartamo
  • Olio di semi di soia
  • Olio di semi di girasole
Olii di noci
  • Olio di mandorle
  • olio di Argan
  • Olio di anacardi
  • Olio di nocciola
  • Olio di macadamia
  • Olio di marula
  • Olio di noce Mongongo
  • Olio di pecan
  • Olio di pinoli
  • Olio di pistacchio
  • olio di noci
Frutta e
oli di semi
  • Olio di semi di Ambadi
  • Olio di avocado
  • Olio di ricino
  • Olio di semi d'uva
  • Olio di canapa
  • Olio di lino (olio di semi di lino)
  • Olio di mostarda
  • Olio d'oliva
  • Olio di perilla
  • Olio di papavero
  • Olio di semi di zucca
  • Olio di crusca di riso
  • olio di sesamo
  • Olio di semi di tè
  • Olio di semi di anguria
Guarda anche
Elenco degli oli vegetali
Olio da cucina
Olio essenziale
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Lard&oldid=851811293"
4.7
5
13
4
1
3
3
2
1
1
1