Colesterolo, grasso e attacco di cuore ?? -

Che cosa causa effettivamente la malattia del cuore e dei vasi sanguigni?

Dagli anni '60 il governo e la comunità medica degli Stati Uniti hanno fortemente sostenuto la convinzione che alti livelli di colesterolo possano portare a malattie cardiache e dei vasi sanguigni. Da dove nasce questa idea?

Torniamo a poco prima della seconda guerra mondiale. Ancel Keys, un ricercatore nutrizionale ed epidemiologo che lavora per la Mayo Foundation in Minnesota, è stato contattato dal governo americano per sviluppare ciò che sarebbe diventato K-rations, per le forze armate. Dopo la guerra, Keys e altri ricercatori hanno notato che c'era un calo significativo delle malattie cardiovascolari in Europa. Ciò avveniva in aree in cui il cibo scarseggiava. Keys sospettava che fosse collegato a una riduzione dell'apporto di grassi saturi e di colesterolo.

Seven Country Study

Keys e un team di ricercatori hanno istituito uno studio multinazionale per valutare l'impatto della dieta sugli effetti delle malattie cardiovascolari. Le chiavi hanno ristretto singolarmente lo studio originario di 22 paesi ad un rapporto di sette paesi, che ha dimostrato la sua ipotesi, che un'elevata assunzione di grassi saturi aumentava il rischio di malattie cardiovascolari. Questo tipo di studio "cherry picking" non sarebbe tollerato nei rapporti di ricerca di oggi. Alla fine Keys divenne un consulente nutrizionale per l'American Heart Association.chiavi

Un gruppo di 22 ricercatori di studi di paese originali ha affrontato Keys nel 1954 al vertice dell'Organizzazione Mondiale della Sanità con i suoi risultati ridimensionati. Ritenevano che la limitazione (cherry picking) dello studio a risultati di soli 7 paesi rendesse i risultati esatti dello studio. Altri ricercatori sono stati in grado di scegliere altri paesi dal gruppo di studio originale e hanno mostrato quanto l'assunzione di grassi e colesterolo saturi in modo elevato riducesse il rischio di malattie cardiache. Il dott. John Yudkin, un ricercatore della U di Londra, ha fatto un'analisi più dettagliata di tutti i paesi nello studio ed è giunto alla conclusione che il grasso saturo e il colesterolo non hanno mostrato alcun impatto significativo sull'aumento delle malattie cardiovascolari. Ha trovato una sostanza di assunzione alimentare che ha mostrato significato per l'aumento delle malattie cardiache .... ZUCCHERO.

Pensiero corrente

Quindi il governo. e la comunità medica che ha aderito a Keys riferisce che dobbiamo ridurre il consumo di grassi saturi e di colesterolo per ridurre le malattie cardiovascolari. Questa decisione ha avuto un impatto sull'industria della carne e dei latticini. Dovremmo mangiare meno cibi grassi, come carne di manzo, maiale e uova.

Crescita in alimenti a basso contenuto di grassi e farmaci per il colesterolo

Il governo e la comunità medica spingono ad abbassare l'assunzione di grassi saturi e hanno generato una crescita enorme negli alimenti a basso contenuto di grassi (rimozione dei grassi e sostituzione di zuccheri e sale per sostituire la perdita di sapore). Ha anche generato uno sviluppo di farmaci per aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Le statine (alcune comuni sono Lipitor, Zocor, Crestor), che abbassano effettivamente i nostri livelli di colesterolo nel sangue e LDL (lipidemia a bassa densità), sono oggi il farmaco numero uno nel paese. Una nuova raccomandazione nel 2014 supporta l'approccio al doppio dell'uso di statine in persone senza malattie cardiache e livelli elevati di colesterolo e LDL. Quindi, l'uso delle statine, che sono in uso dagli anni '90, e la riduzione dell'apporto di colesterolo ha ridotto in modo efficace il nostro rischio complessivo di malattie cardiache? La risposta sembra essere no. Mentre studi hanno supportato l'uso efficace di statine con pazienti con malattie cardiache note, numerosi studi che dimostrano gli effetti della riduzione del colesterolo e delle LDL su tutte le persone non hanno mostrato alcun beneficio significativo.1 

La dimensione delle particelle LDL conta !!!

Iniziamo con il colesterolo totale. Già nel 2000, i livelli di colesterolo totale erano destinati ad essere inferiori a 240 mg / dl. Poi, alcuni anni dopo, l'obiettivo è stato ridotto a meno di 200 mg / dl e oggi, nel 2014, è inferiore a 180 mg / dl. Maggiori informazioni sui livelli di colesterolo e il suo impatto più tardi ...

Cosa sono LDL e HDL? La maggior parte delle persone pensa che sia il colesterolo cattivo (LDL) e quello buono (HDL). Non è quello che sono ... Sono le lipoproteine ​​"taxi" per il colesterolo e i trigliceridi, spostandole da e verso il fegato e le cellule nei nostri corpi (vedi Fig. 1).

Concetti attuali di colesterolo "buono" - HDL e colesterolo "cattivo" - LDL

Fig 1. LDL trasporta il colesterolo dal fegato, dove è fatto, alle cellule del corpo. L'HDL trasporta il colesterolo nel fegato dalle cellule.

LDL prende il colesterolo nelle cellule del nostro corpo, mentre l'HDL riporta il colesterolo nel fegato, dove il colesterolo viene convertito in bile (usato per digerire il cibo), o ormoni sessuali (testosterone, estrogeno ..). Vedi Fig 2.

Fig 2. I lipoprotieni, HDL e LDL, racchiudono colesterolo e trigliceridi per trasportarli da e verso il fegato e le cellule del corpo.

HDL e LDL racchiudono il colesterolo, oltre ai trigliceridi. Vedi Fig. 2. Il colesterolo non può muoversi efficacemente intorno al sangue da solo, poiché è solubile solo nei grassi (lipidi). Il livello sicuro di LDL nel sangue è considerato inferiore a 100 mg / dl e inferiore a 70 se si soffre di malattie cardiache. Livelli di HDL sicuri ed efficaci sono considerati superiori a 40 mg / dl, con oltre 60 che sono ottimali. Livelli anormali di LDL e HDL possono comportare un aumento del rischio di malattie cardiache? Terrò la mia risposta finché non condividerò alcune informazioni aggiuntive. Esistono altre lipoproteine, note come VLDL (lipidi a densità molto bassa) e IDL (lipidi a densità intermedia), che non discuterò in questa newsletter.

Fig 3. Con livelli di colesterolo normali e una LDL normale di 80, maggiore è il numero di piccole particelle di LDL, maggiore è il rischio di malattie cardiache.http://www.functionalwellness.com/keeping-up-with-cholesterol-thanks-chris-kresser/

Analizziamo LDL per dimensione delle particelle. LDL, così come HDL, sono disponibili in più di una dimensione. Nel caso di LDL, le dimensioni contano. Vedi Fig 3

Come puoi vedere, più grande è la particella LDL, meno è probabile che faccia parte di una placca arteriosa in un vaso sanguigno. Sono le piccole particelle LDL di dimensioni BB che sono presenti nelle placche arteriose. Pertanto, se si dispone di un gran numero di particelle LDL piccole e dense di dimensioni BB, si ha un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Che ne dici delle dimensioni delle particelle di HDL? Fa anche la differenza sulle dimensioni delle particelle di HDL.

Fig. 4. Poiché la particella HDL raccoglie il colesterolo dalle cellule, cresce di dimensioni. http://www.bostonheartdiagnostics.com/science_portfolio_map_test.php

Proprio come la dimensione delle particelle LDL, le particelle HDL più grandi sono più protettive per le malattie cardiovascolari. Le particelle di HDL iniziano piccole quando vengono create nel fegato, quindi lavorano per assumere il colesterolo mentre lavorano con le cellule del corpo per rimuovere il colesterolo inutilizzato. Crescono in dimensioni mentre raccolgono il colesterolo dalle cellule. Vedere la Fig 4. Pertanto, l'analisi delle dimensioni delle particelle di LDL e HDL è una misura chiave per conoscere il rischio nelle malattie cardiovascolari. Solo perché il colesterolo totale e l'LDL sono anormalmente alti, NON significa che sei a rischio di malattie cardiovascolari. Devi anche conoscere la dimensione delle tue particelle LDL. Questo non è un test che la maggior parte dei medici include nel test del profilo lipidico (grasso).

Test delle dimensioni delle particelle LDL

Quindi quale test puoi chiedere al tuo medico di fare? NMR LipoProfile® test. Questo test suddivide le dimensioni delle particelle LDL e ti dà un'indicazione del conteggio delle dimensioni delle particelle.

Fig 5. Le particelle di LDL più grandi mostrano un rischio inferiore per le malattie cardiache rispetto alle piccole particelle LDL. http://www.liposcience.com/nmr-lipoprofile-test/health-care-professionals/nmr-lipoprofile-test-patient-selection-and-treatment

La Fig. 5 sopra mostra il LDL-C (mostra la quantità di colesterolo trasportato nella particella LDL) e il LDL-P le particelle più piccole. Mostra gli intervalli considerati salutari o a rischio.

In Fig 6, si vede il crescente rischio di eventi di malattia cardiovascolare con il conteggio delle particelle LDL = P e LDL-C più alto. Si può vedere che il conteggio delle particelle LDL-P è un indicatore più accurato degli eventi cardiovascolari con il passare del tempo rispetto ai livelli elevati di LDL-C.2

Fig 6. Le piccole parti LDL (LDL-P) creano il rischio più significativo per eventi di malattia cardiovascolare.

Altri test delle particelle LDL:

Altri due test sulle dimensioni delle particelle LDL includono:

Test del profilo automatico verticale (VAP) (ulteriori informazioni su www.atherotech.com)

Test delle particelle di lipoproteina (LPP) (ulteriori informazioni su www.spectracell.com)

In tutti questi test sulle dimensioni delle particelle, è la combinazione di una piccola dimensione delle particelle LDL con un conteggio delle particelle LDL elevato che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Questo è dove l'uso di statine può dare un'indicazione fuorviante di rischio. Mentre il conteggio delle LDL-C sarà ridotto dall'uso di statine, le statine non sembrano influenzare il conteggio delle particelle piccole LDL-P che creano la placca aterosclerotica nelle arterie.

Quindi cosa si può fare per ridurre le piccole particelle LDL-P? Incorporare cose come niacina, omega 3, esercizio fisico, mediterraneo, Paleo e altre diete a basso contenuto di carboidrati sani.

Se hai un alto livello di trigliceridi e un basso conteggio delle LDL-C, probabilmente hai un alto conteggio delle particelle LDL-P, che ti pone ad un rischio maggiore di malattie cardiovascolari. Discuterò dell'impatto degli alti trigliceridi e di ciò che si può fare da soli nella seconda parte di questa serie di newsletter "Inflammation Nation".

Assunzione di grassi e impatto sull'obesità e rischio cardiovascolare

A partire dagli anni '60, il governo e la comunità medica hanno sostenuto il concetto di una dieta povera di grassi per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. L'unica cosa che questo approccio ha fatto è aumentare i tassi di obesità, portando a più malattie cardiovascolari. Quindi, come è che evitare cibi grassi ha portato a più obesità?

Cosa mangiare ... Cosa mangiare ...

Come risultato delle raccomandazioni dell'industria federale e della medicina per ridurre l'assunzione di grassi, l'industria alimentare si intensificò e iniziò a sviluppare metodi per ridurre il grasso nei cibi trasformati. La produzione di grassi a basso contenuto di grassi è cresciuta davvero negli anni '80. Il grasso svolge un ruolo importante nel sapore. Prendi il grasso, perdi un po 'del sapore ... quindi devi sostituire qualcos'altro per il grasso. Quindi aumentano lo zucchero e / o il sale insieme ad altri ingredienti artificiali per aiutare a mantenere o migliorare il sapore.

Meglio mangiare attraverso la chimica ??

I coloranti alimentari sono sostanze chimiche aggiunte agli alimenti per aumentare il loro impatto visivo.

Si è sviluppata una notevole industria della chimica alimentare per aiutare a determinare i modi migliori per migliorare il sapore, la consistenza e l'attrattiva del cibo. Lo fanno usando sia additivi naturali che artificiali. Quando si tratta di prodotti alimentari trasformati, i chimici del produttore alimentare lavorano costantemente per apprendere il "punto culminante" ideale di un prodotto alimentare. Questo è un termine usato dai chimici del cibo che si riferisce alla giusta quantità di dolcezza che crea il massimo divertimento quando consumato. Ci sono oltre 3000 additivi alimentari che sono stati sviluppati dagli anni '50 per migliorare l'appeal dei cibi trasformati. Si stima che solo il 5% circa sia stato testato per la sicurezza a lungo termine negli esseri umani.

          

Fig. 7. Piramide alimentare del governo statunitense del 2005

Fig. 8 Linee guida alimentari Govt MyPlate USA

Grasso saturato ... intasamento delle mie arterie?

Il "mantra grasso", stare lontano dai grassi animali, non mangiare burro, non mangiare grassi vegetali saturi come l'olio di cocco, è in circolazione da oltre 40 anni. La Piramide Alimentare USDA del 2005 ha messo i grassi e gli oli in cima alla piramide, indicando di usarli con parsimonia. L'attuale "MyPlate" del governo degli Stati Uniti dovrebbe essere una versione più sana della piramide alimentare, eliminando completamente l'assunzione di grassi.

Diamo un'occhiata alle attuali conoscenze sull'assunzione di grassi saturi e sul suo effetto sul colesterolo e le malattie cardiache. Una rassegna di più studi (noti come una meta-analisi) nell'American Journal of Clinical Nutrition nel 20101, ha dimostrato che un'assunzione maggiore di grassi saturi non ha avuto effetti significativi sulle malattie cardiovascolari. Quindi perché i medici continuano a raccomandare di ridurre al minimo i grassi saturi e di assumere statine per ridurre i livelli normali di colesterolo totale? Buona domanda…. Difficile da rispondere.

Le statine riducono il rischio di malattie cardiache?

L'assunzione di grassi saturi aumenta i livelli di colesterolo totale e LDL (il colesterolo cattivo?). Nessuna discussione lì. Le statine fanno un buon lavoro nel ridurre i livelli di colesterolo totale e LDL. Quindi questo farmaco funziona come viene commercializzato. Come accennato in precedenza, l'abbassamento dei livelli di LDL sembra aiutare solo quelli con alti livelli delle particelle LDL "piccole" di dimensioni BB. Non è il numero del tuo LDL che è importante, ma la dimensione della maggior parte delle tue particelle LDL. Il gruppo principale che beneficia della riduzione dei livelli di LDL sono gli uomini che hanno conosciuto malattie cardiovascolari. Questi uomini sono quelli che possono beneficiare dell'uso di statine.3 

Statine: cosa fanno ...

Quindi, se prendi una statina e abbassi i livelli di colesterolo totale e LDL, abbassa quelle piccole particelle di LDL che sembrano causare più problemi nelle malattie cardiovascolari? Non per la maggior parte delle persone che usano statine. Tendono ad abbassare le particelle di LDL più grandi e soffici che non influenzano le malattie cardiache e hanno un effetto minimo sulle piccole particelle LDL (a meno che questo non sia quello che si ha maggiormente).

Vediamo quali effetti collaterali si osservano con l'uso di statine:

Dolori muscolari

Perdita di memoria o nebbia del cervello

Riduzione dei livelli di Cq10

Cambiamenti digestivi, che comportano una riduzione della produzione di bile

Disfunzione erettile negli uomini

Importanza del colesterolo:

Gli effetti collaterali delle statine sono tutti dovuti alla riduzione del colesterolo totale, una componente chiave in tante diverse funzioni nel vostro corpo. Il colesterolo gioca un ruolo strutturale fondamentale in ogni cellula del tuo corpo. È necessario per convertire la vitamina D dalla luce solare nella pelle. È fondamentale nella funzione cerebrale e nella trasmissione degli impulsi nervosi in tutto il cervello e il corpo. Viene convertito in bile per aiutare a digerire il cibo per i nutrienti. Viene convertito in ormoni sessuali, come estrogeni e testosterone. Riducendo i livelli di colesterolo totale al di sotto di ciò che richiede il tuo corpo, potresti avere un impatto su un gran numero di funzioni vitali nel tuo corpo.

Vediamo come funzionano le statine:

Fig. 10. Gli effetti naturali dell'invecchiamento sui livelli di CoQ10.

Fig 9. Le statine che bloccano la produzione di colesterolo da parte del fegato bloccano anche la produzione di Co-enzima Q10.

STATINE E CoQ10

Le statine riducono la produzione di colesterolo da parte dei corpi. Allo stesso tempo, come si vede in Fig 9, riduce anche la produzione di CoQ10. Quindi cosa c'è di così importante in CoQ10? Gioca un ruolo chiave nei nostri mitocondri, la centrale elettrica delle nostre cellule. È una chiave antiossidante che inibisce l'ossidazione e protegge le membrane cellulari e i tessuti arteriosi dallo stress ossidativo e dal danno infiammatorio. Con l'avanzare dell'età, la nostra produzione di livelli di CoQ10 diminuisce significativamente. Quindi usare un farmaco statine che riduce i nostri livelli di CoQ10 come effetto collaterale è un doppio problema quando invecchiamo. Vedi Fig. 10

È l'ossidazione delle piccole particelle di LDL che alla fine creano blocchi nelle arterie. (Maggiori informazioni su ossidazione e infiammazione nella seconda parte - Nazione di infiammazione). Non posso sottolineare abbastanza questo punto ... non è l'aumento del colesterolo totale e del conteggio delle particelle LDL che guida la malattia cardiovascolare. Dobbiamo valutare e trattare noi stessi in modo diverso per aiutare ad evitare attacchi di cuore, ictus e danni ai vasi sanguigni in generale. Abbiamo preso di mira gli alimenti sbagliati e gli esami del sangue sbagliati per aiutarci a evitare le malattie cardiache.

 

Discuterò in dettaglio nella seconda parte di questa serie di newsletter, INFLAMMATION NATION, quali sono i veri colpevoli non solo delle malattie cardiache, ma in molte delle nostre malattie del nostro stile di vita. Rimanete sintonizzati…

  1. Meta-analisi di studi prospettici di coorte che valutano l'associazione di grassi saturi con malattie cardiovascolari. Patty W Siri-Tarino, Qi Sun, Frank B Hu e Ronald M Krauss. Am J Clin Nutr 2010; 91: 535-46.
  1. Numero di particelle LDL e rischio di malattie cardiovascolari future nello studio di Framingham Offspring - Implicazioni per la gestione delle LDL, William C. Cromwell, MD1,2, James D. Otvos, PhD3, Michelle J. Keyes, PhD4,5, Michael J. Pencina, PhD5, Lisa Sullivan, PhD6, Ram. J Clin Lipidol. 1 dicembre 2007; 1 (6): 583-592. doi: 10.1016 / j.jacl.2007.10.001.
  1. Il lato brutto di Statins. Valutazione sistemica degli sconosciuti contemporanei non conosciuti. Sherif Sultan, Niamh Hynes.Open Journal of Endocrine and Metabolic Diseases, 2013, 3, 179-185. http://dx.doi.org/10.4236/ojemd.2013.33025

 

4.6
5
13
4
2
3
2
2
1
1
0