Logistica per fast food: averla a modo tuo

1 agosto 2008 | Di Joseph O'Reilly

Nessun tag disponibile

Varietà e freschezza sono fondamentali per mantenere i clienti fast food affamati di più e fornire linee e inventario pronti e pronti per il cambiamento. Le catene di fast food guardano ai fornitori di servizi logistici con un desiderio simile di selettività, qualità e servizio su ordinazione, il tutto a un costo accessibile.

Offrire pasti veloci a prezzi ragionevoli in un mercato in continua evoluzione non è una piccola fatturazione, soprattutto perché le catene si preparano ad aumentare i costi del carburante, i problemi di qualità dei prodotti e i requisiti nutrizionali. Inoltre, i consumatori di Joe medio sono incostanti su ciò che piace e come gli piace.

I ristoranti cucinano abitualmente nuove voci di menu e espedienti di marketing, quindi collaborano con distributori e fornitori di servizi per portare nuovi ingredienti alla porta sul retro, articoli per il menu e pasti al tavolo, con flessibilità e rapidità che non troverai in bumper- corsie drive-through paraurti.

"Sia le esigenze di rapidità di mercato che quelle di uscita dal mercato rendono l'industria dei servizi alimentari unica", osserva Scott Deibert, vice presidente della catena di approvvigionamento di Steak 'n Shake, una catena con sede a Indianapolis.

"Un flusso continuo di offerte a tempo limitato (LTO) richiede la pianificazione di promozioni e la gestione di variabili all'interno di un sistema di fornitura flessibile. Scorte obsolete significa che hai troppo, i clienti insoddisfatti significa che hai troppo poco".

Negli ultimi anni, le richieste della catena di approvvigionamento delle promozioni LTO hanno contraddistinto il settore, ponendo un premio alla riduzione delle scorte, all'inventario e alla consegna di spedizioni deperibili con urgenza e cura just in time.

"La durata di conservazione del cibo richiede una strategia di gestione che altre industrie non hanno. Dobbiamo guidare più frequenti cambi di inventario da fornitore a operatore di catena", afferma David Cox, presidente di ARCOP, una cooperativa di acquisto e distribuzione per Arby di Atlanta.

Oltre alla velocità e all'affidabilità, i ristoranti con servizio rapido sono tutti di valore, preparando i pasti al minor costo possibile. Questa sensibilità al costo permea il segmento e solleva la posta in gioco per ridurre i costi di trasporto e di inventario lungo tutta la catena di approvvigionamento.

"Dato dove si trovano oggi i mercati delle materie prime, dal combustibile ai cereali, è uno dei momenti più difficili in cui si è confrontato il settore dei fast food." Ritiriamo ogni strato di cipolla per identificare i costi totali nascosti e nascosti ", afferma Cox.

Quella cipolla diventa sempre più piccola, quindi è prevedibile che l'impegno del settore e la dipendenza da partenariati strategici di outsourcing continuino a crescere rapidamente.

"Dentro e fuori. Ecco cos'è il fast food"

Quando ARCOP ha collaborato per la prima volta con ArrowStream, un fornitore di soluzioni per la logistica delle merci e della logistica di Chicago, la cooperativa di Arby era principalmente un'organizzazione di acquisti di dadi e bulloni.

"Avevamo bisogno di evolvere in un'organizzazione di filiera di livello mondiale", afferma Cox.

ARCOP, che serve 3.600 ristoranti aziendali e franchising individuali in tutto il paese, ha riconosciuto che il potenziamento della visibilità della supply chain potrebbe contribuire a preservare e accrescere la fedeltà al marchio, rafforzando nel contempo i rapporti commerciali.

"Prima di collaborare con ArrowStream tre anni fa abbiamo avuto poca visibilità, la nostra mentalità era" visiera verde, mazza di gomma ": battezzato il fornitore in modo da ottenere il prezzo giusto", riconosce Cox.

"Ma ci siamo resi conto che dovevamo sviluppare relazioni più forti con fornitori e distributori e aumentare la visibilità per gestire la supply chain, aumentare la connettività tra i nostri 17 DC e ottenere una visione più approfondita degli ordini di acquisto e dei livelli di inventario".

I ristoranti tradizionalmente hanno una visione negativa delle loro catene di approvvigionamento, in gran parte perché lavorano con più distributori indipendenti, osserva Rodger Mullen, presidente e direttore operativo di ArrowStream. Spesso le reti non sono dedicate, ma piuttosto un mosaico di sistemi disparati, quindi manca la visibilità del flusso di merci dal produttore al ristorante.

L'aumento delle pressioni sui prezzi e la domanda dei consumatori per standard e controlli di qualità più stringenti, tuttavia, stanno spingendo gli operatori della catena e i distributori ad aggregare un maggiore controllo sull'inventario e sulle spedizioni.

Per colmare questa lacuna e fungere da canale per una migliore connettività, ArrowStream fornisce un sistema operativo ad ombrello con applicazioni plug-in che aiutano le aziende di servizi alimentari a gestire meglio le loro catene di approvvigionamento.

Utilizzando la suite OnDemand di soluzioni di supply chain di 3PL, ARCOP ora può accertare la visibilità completa del magazzino, monitorare le eccezioni, valutare le esigenze di inventario e tenere traccia del movimento dei prodotti dal fornitore alla catena ogni giorno.

"La maggior parte degli operatori ordina elettronicamente dal distributore, quindi stabiliamo i costi logistici per i distributori e le catene di ristoranti ordinano il prodotto direttamente dalla DC", spiega Cox.

Avere questo livello dettagliato di dati consente ad Arby e ARCOP di acquisire segnali di domanda e posizionare l'inventario per un'efficienza ottimale durante l'espansione o la contrazione di promozioni speciali. La trasparenza della catena di fornitura è un accordo "make-or-break" quando si servono gli LTO.

"La visibilità che abbiamo nel movimento del prodotto ci consente di gestire in modo efficace ed efficiente la fornitura durante gli LTO. La visibilità istantanea ci consente di ridimensionare o aumentare la produzione o di spostare prodotti tra DC per minimizzare interruzioni o inventario obsoleto", osserva Cox.

Di conseguenza, Arby's ha riscosso notevole successo nell'esplorazione e nell'esecuzione di nuovi LTO e voci di menu. Quando ha iniziato a lavorare con ArrowStream, ha gestito 19 promozioni diverse e 41 nuovi SKU ogni anno. Ora quei numeri sono saliti a 51 promozioni e 124 nuovi SKU.

La complessità della pianificazione di nuove offerte e l'allineamento delle linee di distribuzione e fornitura all'interno di parametri di tempo ristretto, e con poco spazio per errori, garantisce visibilità e flessibilità.

"Le aziende in grado di gestire correttamente i LTO e più frequentemente ottengono un netto vantaggio rispetto ai concorrenti", afferma Cox.

"Ingredienti migliori, migliore outsourcing"

Catene e distributori di ristoranti hanno riscontrato un successo simile sfruttando la rete di ottimizzazione delle merci di ArrowStream per migliorare la visibilità dei costi di trasporto e quindi creare carichi e rotte più efficienti.

Prima di esternalizzare la gestione delle merci nel 2006, Steak 'n Shake era limitato nel modo in cui poteva efficientemente ed economicamente abbinare la domanda con le risorse disponibili, quindi ottimizzare i percorsi e ottimizzare l'utilizzo della capacità tra i suoi 503 ristoranti negli Stati Uniti. Di conseguenza, spesso utilizzava più costose spedizioni di carichi inferiori al carico (LTL) per soddisfare le esigenze di rifornimento.

A cavallo tra il pranzo informale e il fast-food con un sistema di produzione orientato sia ai pasti su ordinazione che al business drive-through, il modello di business di Steak 'n Shake e la flessibilità della catena di approvvigionamento - il tipo che può raggruppare le spedizioni e consolidare i trasporti ridurre i costi.

La rete di trasporti di ArrowStream fornisce proprio questo: sfruttando il volume di oltre 200 centri di distribuzione e 61.000 corsie di autotrasporto per creare carichi di camion completi ed efficienti e un routing ottimale.

Poichè ArrowStream porta nuovi clienti, DC e fornitori online, ottimizza il miglioramento continuo della rete che Deibert apprezza mentre ottimizza la supply chain di Steak'n Shake. L'altruismo creato tra catene, distributori e fornitori rende la rete di ArrowStream unica. Il 3PL ottimizza la sua rete come collettivo in modo che tutti condividano quel guadagno.

Piccole catene come Steak 'n Shake assicurano l'accesso a una rete di trasporto più grande che include ristoranti più grandi e possono sfruttare la massa critica per raggruppare le spedizioni e consolidare i carichi per ridurre i costi di trasporto. "Persino reti di grandi dimensioni possono guadagnare efficienza aggiungendo quelle più piccole", afferma Mullen.

Questa ampiezza di risorse e visibilità consente alle catene di rompere i costi di trasporto e identificare dove si trovano le inefficienze, piuttosto che semplicemente negoziare con i corrieri solo sul prezzo.

"ArrowStream rimuove i paraocchi a monte ea valle per identificare le opportunità di guadagno", spiega Deibert. "Invece di utilizzare solo il mio volume di merci a catena singola e ottenere quotazioni di trasporto inefficienti limitate al punto A al punto B, ora sono in grado di raggruppare le mie spedizioni con tutti i percorsi e il volume di merci nella rete ArrowStream, dai punti da A a B a C e ritorno ad A. "

La scala 3PL offre valore in picche. "Venti lavoratori interni non potrebbero mai realizzare ciò che ArrowStream realizza a causa di questa ricchezza di informazioni", aggiunge.

Di conseguenza, utilizzando ArrowStream, Steak 'n Shake ha tagliato il 25% dai costi di trasporto, e Deibert prevede che le efficienze e il risparmio continueranno.

ARCOP, che inizialmente aveva collaborato con ArrowStream per aumentare la propria larghezza di banda IT, ha anche trovato che la rete di trasporto merci fosse gravosa, afferma Cox.

"ArrowStream ha visibilità sulla sua intera rete di trasporti, che ci dà la possibilità di associare i movimenti a clienti diversi in luoghi simili", afferma. "Ci aiuta a spostare le merci ad un costo inferiore, ed è qui che entrano in gioco le efficienze."

La scelta di una più ampia rete di carrier e corsie offre a ARCOP un maggiore controllo sulle mosse in entrata e la flessibilità di specificare il trasporto dai fornitori, se giustificato. "Le nostre efficienze nel trasporto merci derivano dal miglioramento di come i nostri fornitori trasferiscono i prodotti nei nostri centri di distribuzione", osserva Cox.

"Quando sei qui, sei una famiglia"

Questo impulso basato sulla domanda sta battendo in tutta l'industria dei fast-food e ha influenzato The SYGMA Network, Dublin, Ohio, per esternalizzare la sua gestione merci a ArrowStream.

Distribuendo i prodotti alimentari esclusivamente agli operatori della catena, SYGMA, una consociata interamente controllata di Sysco Corporation, ha realizzato che, poiché i clienti richiedevano un maggiore controllo sulle proprie mosse in entrata, i margini per migliorare la gestione dei trasporti all'interno dell'azienda si stavano riducendo.

Invece di competere contro le catene per spremere e recuperare i costi, nel 2002 SYGMA ha adottato un approccio più pragmatico. Ha collaborato con ArrowStream per coordinare il trasporto dai fornitori e utilizzare la sua rete per ottimizzare le operazioni della supply chain.

I benefici sono stati chiari. Dal lato outbound, il distributore ha ridotto le frequenze di consegna, razionalizzato l'inventario rispetto alle miglia, ha individuato più scorte in più DC e ha ridotto le distanze di distribuzione.

Per le mosse in entrata, "si tratta di creare efficienze, rendendole vincenti per noi e per i nostri clienti: in passato, i nostri obiettivi collettivi non erano allineati", afferma Steve Deasey, presidente e direttore operativo di The SYGMA Network.

Le spedizioni nella rete ArrowStream sono progettate per creare più anelli continui, in modo che i carichi camionici siano caricati in modo ottimale quando entrano e escono dalle strutture del magazzino.

Per i distributori basati su asset che gestiscono una propria flotta di camion, come SYGMA, le capacità di ottimizzazione e modellazione delle merci di 3PL consentono loro di riempire i volumi di backhaul e analizzare l'utilizzo delle risorse.

Questo livello di controllo si estende ai fornitori di SYGMA, dove ArrowStream sta aiutando a gestire i movimenti in entrata.

"L'80% delle spedizioni in entrata in un distributore viene consegnato dal produttore, il che significa che la gamba non è stata ottimizzata per l'efficienza all'interno della rete", afferma Mullen. "Il produttore impone il trasporto di terze parti e il trasporto di pacchi nel costo complessivo."

ArrowStream sta convertendo alcuni volumi in entrata in percorsi gestiti da 3PL.I costi di trasporto rimangono gli stessi, ma distributori e ristoranti realizzano entrate aggiuntive.

Mullen ha anche visto un crescente interesse da parte dei produttori che cercano di separarsi completamente dall'aspetto merci del business.

Soprattutto, una maggiore rete tra i partner crea una catena di approvvigionamento più stretta.

"Non solo offriamo ai nostri clienti un maggiore risparmio di merci in entrata, ma agiamo come un partner a lungo termine", afferma Deasey. "Questo impegno nella condivisione dei dati nel sistema crea un vincolo di catena distributiva più forte, difficile da rompere e rende meno probabile che un cliente passi a un altro distributore".

"Ora che i tuoi gusti sono cresciuti"

Come nel caso di una relazione di outsourcing di successo, la cessione delle responsabilità di gestione delle merci non core consente a Steak 'n Shake il tempo e la larghezza di banda operativa di concentrarsi sulla scoperta di efficienze altrove nella catena di approvvigionamento.

"Con i prezzi delle materie prime così come sono, possiamo concentrarci sulle strutture di costo sottostanti nella produzione di prodotti, analizzando le inefficienze nella parte posteriore della catena di approvvigionamento", afferma Deibert.

Ciò solleva altre domande: i distributori operano nel modo più efficiente possibile? I fornitori sono nelle posizioni giuste?

I dati di Steak 'n Shake attinti dalla rete di ArrowStream rappresentano una risorsa preziosa per la creazione di RFP per i nuovi centri di distribuzione. "Fornisce un pacchetto di dati che possiamo portare ai potenziali partner in modo che possano fornire proposte più accurate", spiega Deibert.

Il ristorante sta anche esplorando la connettività tra i suoi fornitori e fornitori per rafforzare le reti inutilizzate.

"In passato, i grandi DC dovevano spostare le lunghe distanze del prodotto, concentrandosi sull'ottimizzazione della struttura", aggiunge Deibert. "Oggi l'inclinazione è verso i centri di miscelazione che alimentano le strutture più piccole situate più vicine al mercato: un modello hub-and-spoke richiede di determinare dove individuare i fornitori".

Utilizzando le tecnologie di ottimizzazione e modellazione di ArrowStream, Steak 'n Shake può confrontare le basi di velocità / velocità e configurare reti di distribuzione ottimali.

Andando avanti, Deibert vede anche una matura opportunità di ripensare a come il ristorante gestisce la sua struttura di distribuzione solitaria a Bloomington, Illinois.

"Vorremmo che ArrowStream gestisse le scorte nella struttura, poiché ha visibilità su tutte le nostre mosse in uscita e sul posizionamento degli ordini di acquisto, ha la flessibilità necessaria per creare maggiore efficienza", afferma.

Deibert confronta tale scenario con l'inventario gestito dal fornitore, utilizzando un fornitore logistico di terze parti anziché un produttore. Poiché ha una visibilità totale dell'inventario all'interno del sistema di Steak 'n Shake, l'inserimento della proprietà del prodotto con ArrowStream potrebbe rappresentare un incentivo ancora maggiore per aumentare l'efficienza e ridurre i costi.

"Questo ci fornirà il massimo controllo in outsourcing", afferma Deibert.

"In vista deve essere giusto"

Sia SYGMA che ARCOP riconoscono il valore che ArrowStream apporta al miglioramento della trasparenza all'interno della catena del fast-food in modo che i partner possano misurare e tracciare la qualità del prodotto, quindi tracciare l'inventario dei problemi se si verificano dei richiami. Ciò è particolarmente vero per i franchising che acquistano prodotti da fonti locali al di fuori delle loro reti di approvvigionamento centralizzate.

"Storicamente, i prodotti sarebbero in gran parte acquistati e acquistati localmente", afferma Deasey. "Alla luce delle recenti paure della salmonella, gli operatori di catena vogliono un maggiore controllo e si stanno orientando verso la centralizzazione degli acquisti e il trasporto dei prodotti attraverso i principali distributori".

Ad esempio, ARCOP sta cercando di integrare le basi di approvvigionamento localizzate nella sua rete. "Alcune categorie di alimenti, come i prodotti e i prodotti da forno, fanno ancora affidamento sugli acquisti locali", aggiunge Deasey. "Alcuni negozi in franchising comprano da fornitori locali che cadono dallo schermo radar e vorremmo trasferirli in un canale DC strutturato".

Gestire i partner della supply chain sotto un unico sistema operativo aumenta solo la responsabilità, così come la reattività collaborativa quando le eccezioni si materializzano inevitabilmente.

Anche se i costi dei trasporti e delle materie prime e una recente ondata di prodotti richiama l'introspezione aziendale con una mentalità correttiva, Mullen vede opportunità in cui la rete ArrowStream può aiutare i caricatori a sfruttare nuove opportunità, affrontando le preoccupazioni esistenti, ad esempio, rispettando i mandati ecologici e consolidando i carichi per ridurre spesa di trasporto.

"Logisticamente, vogliamo costruire camion più efficienti", dice Mullen. "Vogliamo escludere i camion, fare carichi da 36.000 libbre, 44.000 sterline, percorrere il quattro percento di miglia vuote contro il 10 percento di miglia vuote, il che equivale a un minore consumo di energia.

"Raddoppiando l'ottimizzazione della rete, vogliamo ridurre le spedizioni, il che riduce i costi, la capacità e le pressioni di rotazione del guidatore", afferma.

Doughey riconosce che i tempi economici difficili stanno facendo sentire il loro peso in tutto il settore. Quando la tua proposta di valore sta dando valore, e i costi aumentano, ha senso mettere la gestione delle merci in mani capaci.

"Siamo in una posizione migliore per resistere all'attuale crisi economica e ben posizionati per quando le cose cambiano", dice.

Le offerte a tempo limitato vanno e vengono nel settore dei fast food.

ArrowStream offre a ristoranti e distributori spunti di riflessione, con una promozione in outsourcing che ha un appeal a lungo termine.

Logistica per fast food: averla a modo tuo

Approcci promozionali creativi possono aiutarti a distinguere il tuo ristorante dalla massa.

Approcci promozionali creativi possono aiutarti a distinguere il tuo ristorante dalla massa.

Ablestock.com/AbleStock.com/Getty Images

articoli Correlati

Canali di distribuzione, o modelli, si riferiscono a diversi veicoli utilizzati per ottenere il tuo prodotto nelle mani di un cliente. Se stai aprendo o gestendo un ristorante, il tuo modello di distribuzione dovrebbe cercare di aumentare le visite al tuo stabilimento. L'utilizzo di varie strategie di marketing consente di costruire e mantenere una solida reputazione nella comunità. Ciò comporta spesso la creazione e la sperimentazione di diversi canali di distribuzione.

Fornitore di cibo

La qualità del tuo cibo ha un impatto importante sul fatto che i clienti torneranno al tuo ristorante. Nell'industria della ristorazione, i canali di distribuzione in genere iniziano con il fornitore di cibo. Qui è dove acquisti i tuoi prodotti e altri materiali di consumo. La scelta di un fornitore di qualità è fondamentale perché lo sviluppo di una reputazione per il cibo di bassa qualità può devastare la tua attività. Cerca fornitori diversi e richiedi referenze o chiedi consigli ai tuoi contatti del settore.

Annunci

Pubblicizzare il tuo ristorante è la chiave per creare un buon canale di distribuzione per la tua attività. Gli annunci di stampa, radio e televisione aiutano ad attirare nuovi clienti nella tua attività. Queste persone potrebbero vedere uno dei tuoi annunci sul giornale e decidere di dare una visita al tuo ristorante. Servire cibo delizioso e di qualità richiede a questi clienti di tornare, e c'è la possibilità che tornino con gli amici o raccomandino il tuo stabilimento ad altri.

Internet Marketing

Nell'era digitale, approfittando di Internet e dei social media aumenta la consapevolezza e incoraggia le visite al tuo ristorante. Crea un sito web per il tuo ristorante che presenta il tuo menu, informazioni nutrizionali e offerte speciali o promozioni. Invita i clienti a iscriversi alla mailing list del tuo ristorante e chiedi loro indirizzi email o indirizzi di casa. Puoi anche creare una pagina Facebook per il tuo ristorante e invitare i clienti a "Mi piace" o iscriverti alla tua pagina. Utilizza questi canali per promuovere offerte speciali o offerte, come antipasti gratuiti o offerte due per uno.

Idee promozionali

Progetta elementi nuovi per il tuo ristorante, come portachiavi o penne per scrivere. Stampa il nome del tuo ristorante sugli articoli e dai questi oggetti ai clienti che visitano il tuo ristorante. Ricerca fiere imminenti o fiere promozionali nella tua zona e fai domanda per diventare un venditore. Questo crea un'opportunità per presentare la tua attività alla gente del posto. Distribuisci articoli promozionali anche a questi eventi. Il consumatore vedrà il tuo nome e penserà alla tua attività ogni volta che usa un oggetto promozionale gratuito.

Riferimenti (2)

Circa l'autore

Valencia Higuera è una scrittrice freelance di Chesapeake, in Virginia. Ha contribuito con contenuti per la stampa di pubblicazioni e pubblicazioni online come Sidestep.com, AOL Travel, Work.com e ABC Loan Guide. Higuera lavora principalmente come finanziatore personale, viaggi e scrittore medico. Ha conseguito un Bachelor of Arts in inglese / giornalismo presso l'Old Dominion University.

Crediti fotografici

  • Ablestock.com/AbleStock.com/Getty Images
icona per lo strumento di annotazione Cita questo articolo
Scegli lo stile della citazione

Higuera, Valencia. "Come può un nuovo ristorante creare un buon canale di distribuzione?" Piccola impresa - Chron.com, http://smallbusiness.chron.com/can-new-restaurant-create-good-distribution-channel-38049.html. Accesso 01 agosto 2018.

Higuera, Valencia. (N.d.). Come può un nuovo ristorante creare un buon canale di distribuzione? Piccola impresa - Chron.com. Estratto da http://smallbusiness.chron.com/can-new-restaurant-create-good-distribution-channel-38049.html

Higuera, Valencia. "Come può un nuovo ristorante creare un buon canale di distribuzione?" accedi al 1 agosto 2018. http://smallbusiness.chron.com/can-new-restaurant-create-good-distribution-channel-38049.html

Nota: a seconda di quale editor di testo si sta incollando, potrebbe essere necessario aggiungere il corsivo al nome del sito.

4.2
5
10
4
2
3
1
2
3
1
0