Effetti a lungo termine di una dieta chetogenica in pazienti obesi

Exp Clin Cardiol. Autunno 2004; 9 (3): 200-205.

PMCID: PMC2716748

Cardiologia clinica

, MD PhD FICS FACS,1 , MSc PhD FRCPath,4 , MB ChB,5 , MB ChB MD FRCSEd FACS,1 , MB ChB FRCS FACSI FDS FDS FACS,1 , MB ChB FRCS FICS,1 , MD PhD FICS FACS,1 , MD FRCPC,2 e, BSc PhD3
Questo articolo è stato citato da altri articoli in PMC.

Astratto

SFONDO:

Sebbene vari studi abbiano esaminato gli effetti a breve termine di una dieta chetogenica nella riduzione del peso nei pazienti obesi, i suoi effetti a lungo termine su vari parametri fisici e biochimici non sono noti.

OBBIETTIVO:

Per determinare gli effetti di una dieta chetogenica di 24 settimane (costituita da 30 g di carboidrati, 1 g / kg di peso corporeo, 20% di grassi saturi e 80% di grassi polinsaturi e monoinsaturi) in pazienti obesi.

PAZIENTI E METODI:

Nel presente studio, 83 pazienti obesi (39 uomini e 44 donne) con un indice di massa corporea superiore a 35 kg / m2e sono stati selezionati alti livelli di glucosio e colesterolo. Il peso corporeo, l'indice di massa corporea, colesterolo totale, colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL), colesterolo HDL (High density lipoprotein), trigliceridi, glicemia a digiuno, livelli di urea e creatinina sono stati determinati prima e dopo la somministrazione della dieta chetogenica. Le variazioni di questi parametri sono state monitorate dopo otto, 16 e 24 settimane di trattamento.

RISULTATI:

Il peso e l'indice di massa corporea dei pazienti sono diminuiti significativamente (P <0,0001). Il livello di colesterolo totale è diminuito dalla settimana 1 alla settimana 24. I livelli di colesterolo HDL sono aumentati significativamente, mentre i livelli di colesterolo LDL sono diminuiti significativamente dopo il trattamento. Il livello di trigliceridi è diminuito significativamente dopo 24 settimane di trattamento. Il livello di glucosio nel sangue è diminuito significativamente. I cambiamenti nel livello di urea e creatinina non erano statisticamente significativi.

CONCLUSIONI:

Il presente studio mostra gli effetti benefici di una dieta chetogenica a lungo termine. Ha ridotto significativamente il peso corporeo e l'indice di massa corporea dei pazienti. Inoltre, ha ridotto il livello di trigliceridi, colesterolo LDL e glicemia e aumentato il livello di colesterolo HDL. L'amministrazione di una dieta chetogenica per un periodo di tempo relativamente lungo non ha prodotto effetti collaterali significativi nei pazienti. Pertanto, il presente studio conferma che è sicuro usare una dieta chetogenica per un periodo di tempo più lungo di quanto precedentemente dimostrato.

Parole chiave: dieta, chetosi, obesità

L'obesità è diventata una grave malattia cronica sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati. Inoltre, è associato a una varietà di malattie croniche (1-4). Si stima che solo negli Stati Uniti circa 300.000 persone muoiano ogni anno a causa di malattie legate all'obesità (5,6). Diversi metodi per ridurre il peso utilizzando una riduzione dell'apporto calorico e di grassi in combinazione con l'esercizio fisico non hanno mostrato effetti a lungo termine sostenuti (7-9). Recenti studi di vari laboratori (10,11), compreso il nostro (12), hanno dimostrato che una dieta ricca di grassi ricca di acidi grassi polinsaturi (dieta chetogenica) è piuttosto efficace nel ridurre il peso corporeo e i fattori di rischio per varie malattie croniche. La dieta chetogenica fu originariamente introdotta nel 1920 (13). In questa dieta, il rapporto grasso / carboidrato è 5: 1. Mentre c'è stata una significativa diminuzione del peso dei pazienti obesi che erano a dieta chetogenica (12), il contrario si è verificato quando la dieta è cambiata in un alto contenuto di carboidrati (14).

Va notato che il concetto che il grasso può essere mangiato ad libitum e ancora indurre la perdita di peso in soggetti obesi non è recente (13-33). La chetosi si verifica a seguito del cambiamento nel carburante corporeo da carboidrati a grassi. L'ossidazione incompleta degli acidi grassi da parte del fegato provoca l'accumulo di corpi chetonici nel corpo. Una dieta chetogenica mantiene il corpo in uno stato di chetosi, che è caratterizzato da un aumento di D-b-idrossibutirrato e acetoacetato.

La chetosi lieve è un fenomeno naturale che si verifica negli esseri umani durante il digiuno e l'allattamento (19,20). La chetosi postoperatoria è un fenomeno ben noto nei mammiferi. Sebbene la maggior parte dei cambiamenti nei parametri fisiologici indotti dopo l'esercizio ritorni rapidamente ai loro valori normali, il livello dei corpi chetonici circolanti aumenta per alcune ore dopo la cessazione dell'attività muscolare (21). È stato riscontrato che in individui addestrati, un basso livello di chetoni nel sangue protegge dallo sviluppo di ipoglicemia durante l'esercizio intermittente prolungato (22). Inoltre, la chetosi ha un'influenza significativa sulla soppressione della fame. Quindi, una dieta chetogenica è un buon regolatore dell'apporto calorico del corpo e imita l'effetto della fame nel corpo.

Si ritiene generalmente che le diete ad alto contenuto di grassi possano portare allo sviluppo dell'obesità e di molte altre malattie come la malattia coronarica, il diabete e il cancro. Questo punto di vista, tuttavia, si basa su studi condotti su animali a cui è stata somministrata una dieta ricca di grassi ricca di acidi grassi polinsaturi. Al contrario, il nostro laboratorio ha recentemente dimostrato che una dieta chetogenica ha modificato i fattori di rischio per le malattie cardiache in pazienti obesi (12).

Sebbene siano stati effettuati vari studi a breve termine che esaminano l'effetto di una dieta chetogenica nella riduzione del peso dei pazienti obesi (10), i suoi effetti a lungo termine nei soggetti obesi non sono noti (15). Pertanto, lo scopo del presente studio era di indagare gli effetti a lungo termine di una dieta chetogenica su obesità e fattori di rischio associati all'obesità in una vasta popolazione di pazienti obesi.

PAZIENTI E METODI

Pazienti e analisi biochimiche

Lo studio prospettico è stato condotto presso il Dipartimento Accademico di Chirurgia, Centro di Consultazione e Formazione, Facoltà di Medicina, Università del Kuwait (Jabriya, Kuwait) in 83 soggetti obesi (39 uomini e 44 donne). L'indice di massa corporea (BMI) di uomini e donne era 35,9 ± 1,2 kg / m2 e 39,4 ± 1,0 kg / m2, rispettivamente. L'età media era rispettivamente di 42,6 ± 1,7 anni e di 40,6 ± 1,6 anni per uomini e donne. L'età media, l'altezza iniziale, il peso e il BMI per tutti i pazienti sono indicati in. Sono stati effettuati esami del sangue a digiuno per tutti i soggetti. Inizialmente, tutti i pazienti sono stati sottoposti a test di funzionalità epatica e renale e profili di glucosio e lipidi, utilizzando campioni di sangue a digiuno e un esame emocromocitometrico completo. Successivamente, campioni di sangue a digiuno sono stati testati per il colesterolo totale, colesterolo HDL (lipoproteina ad alta densità), colesterolo LDL, trigliceridi, livelli di zucchero nel sangue, urea e creatinina all'ottava, sedicesima e ventiquattresima settimana. Inoltre, le misurazioni di peso e altezza e la pressione arteriosa sono state monitorate ad ogni visita.

TABELLA 1

Dati dei pazienti al basale prima del trattamento con la dieta chetogenica

nEtà (anni)Altezza (m)Peso (kg)Indice di massa corporea (kg / m2)
Uomini3942.6±1.71.7±0.01102.4±3.735.9±1.2
Donne4440.6±1.61.6±0.0199.8±2.939.4±1.0

Protocollo per la riduzione del peso corporeo indotta dalla dieta chetogenica

Tutti gli 83 soggetti hanno ricevuto la dieta chetogenica composta da 20 g a 30 g di carboidrati sotto forma di verdure verdi e insalata e da 80 g a 100 g di proteine ​​sotto forma di carne, pesce, pollame, uova, crostacei e formaggio. I grassi polinsaturi e monoinsaturi erano anche inclusi nella dieta. Dodici settimane dopo, al pasto dei pazienti sono stati aggiunti altri 20 g di carboidrati per un totale di 40 g a 50 g di carboidrati. I micronutrienti (vitamine e minerali) sono stati somministrati a ciascun soggetto sotto forma di una capsula al giorno ().

TAVOLO 2

Composizione della capsula*

Acido para-aminobenzoico (PH)30 mg
Vitamina B1 (mononitrato di tiamina) (BP)15 mg
Vitamina B2 (riboflavina) (BP)3 mg
Vitamina B5 (nicotinamide) (BP)25 mg
Vitamina B3 (pantotenato di calcio) (PH)3 mg
Vitamina B6 (piridossina HCI) (BP)5 mg
Vitamina B12 (cianocobalamina) (BP)10 μg
Biotina (PH)5 μg
Acido folico (BP)100 μg
Vitamina C (acido ascorbico) BP60 mg
Vitamina A (retinolo) (USP, 2000 UI)0,6 mg
Vitamina D (calciferolo) (INN; 200 UI)5 μg
Vitamina E (tocoferolo acetato) (USNF)10 mg
Lecithin (PH)40 mg
Olio di germe di grano100 mg
Lysine (FP)40 mg
Metionina (DAB)60 mg
Rutina (DAB) (rutoside) (DCI)10 mg
Ferro (come fumarato; BP)12 mg
Calcio (come fosfato bicalcico) (BP)52 mg
Fosforo (come fosfato bicalcico) (BP)40 mg
Potassio (come KCl) (BP)2 mg
Zinco (come ZnSO4) (BP)8 mg
Rame (come CuSO4) (BP)1 mg
Manganese (come MnSO4) (BP)2 mg
Iodio (come ioduro di potassio) (BP)traccia
Ginseng (siberiano) (estratto concentrato 5: 1)4 mg

analisi statistica

Differenze statistiche tra peso corporeo, colesterolo totale, colesterolo HDL, colesterolo LDL, trigliceridi, livello di zucchero nel sangue a digiuno e livelli di urea e creatinina prima e dopo la somministrazione della dieta chetogenica sono stati analizzati utilizzando uno Studente appaiato

4.8
5
14
4
3
3
2
2
1
1
0