Grasso umano

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Questo articolo si occupa degli usi farmaceutici del grasso umano. Per una visione generale, vedere il tessuto adiposo.
Due vasi da farmacista con iscrizione AXUNG. HOMINIS per il grasso umano, ca. 17 ° o 18 ° secolo
Humanol Steril di Turm-Apotheke Leipzig, ca. inizio 20 ° secolo
Fiala di vetro con contenuto e scritta Adeps Humani[1]

Grasso umano (tedesco Menschenfett, Latino Axungia hominis) è stato menzionato nelle farmacopee europee dal 16 ° secolo come importante componente grassa della qualità considerata unguenti e altri prodotti farmaceutici in Europa. Nelle vecchie ricette il tessuto adiposo umano è stato menzionato come Pinguedo hominis, o Axungia hominis (Abbrev. Axung. hominis), oltre ad altri grassi animali da orso (Axung. Ursi), vipere (Axung. viperarum), castori (Axung. castoris), gatti (Axung. Cati sylvestris) e molti altri.[2] Il medicinale tedesco Johann Agricola (1496-1570) descrisse il recupero del grasso umano e le sue applicazioni.

Nella medicina tradizionale in Europa si riteneva che il grasso umano avesse un significato magico di guarigione fino al XIX secolo. Molti carnefici recuperarono il grasso chiamato "Armsünderfett" o "Armsünderschmalz" (tedesco per grasso o grasso da poveri peccatori giustiziati) dai corpi dei loro esecutori e li hanno venduti.[3] Per alcuni carnefici, la commercializzazione del grasso umano era una delle principali fonti di reddito.[4] Nella medicina tradizionale molte altre parti dei corpi giustiziati e il loro grasso hanno ricevuto una speciale forza d'azione, che si è evoluta da una credenza sacrificale pagana. Il grasso umano era usato per preparare unguenti per il trattamento di varie malattie come dolore alle ossa, mal di denti e gotta. Era anche considerato una panacea per malattie particolari associate alla cachessia (ad es. Tubercolosi).[5] Anche un effetto analgesico nell'artrite reumatoide è stato dato al grasso umano.[6]

Dalla fine del 19 ° secolo, il grasso umano è stato prodotto e offerto sotto il nome commerciale Humanol come preparazione sterile e liquefatta per iniezioni in Germania. Nel 1909 fu introdotto per il trattamento chirurgico di cicatrici, disinfezione delle ferite e revisione delle ferite. Negli anni '20 è diventato fuori moda dopo i bassi tassi di cura e l'incidenza delle embolie adipose causate dalla sua applicazione.[7] Il Dr. Rudolf Spanner, direttore dell'Istituto anatomico di Danzica, istituì un processo per la produzione di sapone dal grasso umano nel 1943-44 e una quantità limitata di sapone venne prodotta per pulire le stanze di autopsia.[8] Fonti suggerite per il grasso includono il campo di concentramento di Stutthof, il carcere municipale di Danzica e un ospedale psichiatrico di Danzica.[9] Fino agli anni '60 diversi produttori offrivano presunte creme antirughe per uso esterno (Hormocenta di Hormocenta Cosmetic Böttger GmbH, o Placentubex C di Merz Pharmaceuticals) contenente grasso umano da placente raccolto da ostetriche e reparti ostetrici per scopi industriali. L'uso di placenta umana è stato risolto a favore di prodotti animali. In Perù un gruppo di gangster chiamato pishtacos è stato accusato di aver fabbricato e commercializzato grasso umano, il caso si è rivelato un'invenzione libera degli investigatori.[10]

miti

Pishtacos nell'era coloniale (in alto), XX secolo (al centro) e ora (in basso). Retablo peruviano di Ayacucho.

Nei folklore spagnoli (sacamantecas) e peruviani (pishtaco), ci sono mostri o criminali che uccidono per il grasso umano.Manuel Blanco Romasanta[11] (1809-1863), il primo serial killer documentato in Spagna, fu accusato di estrarre grasso dalle sue vittime per vendere in Portogallo un'oncia di grasso per un'oncia d'oro.Nei tempi moderni, la convinzione è razionalizzata che il grasso venga usato per ingrassare le campane per un suono migliore, o per macchinari moderni come ferrovie o aeroplani.

Riferimenti

  1. ^ Collezione di hamburgmuseum, Amburgo, Germania
  2. ^ Ferdinand Giese: Chemie der Pflanzen- und Thierkörper in Pharmazeutischer Rücksicht. Hartmann, Leipzig 1811, p. 337 (tedesco)
  3. ^ Christiane Wagner, Jutta Failing: Vielmals auf den Kopf gehacket ... In: Galgen und Scharfrichter in Assia. Naumann, Nidderau 2008, ISBN 978-3-940168-17-7 (tedesco)
  4. ^ Menschenfett war früher ein begehrter Rohstoff. In: Die Welt datato 20. novembre 2009, ISSN 0173-8437
  5. ^ Adolf Wuttke, Detlef Weigt (bordi): Der deutsche Volksaberglaube der Gegenwart. Superbia, Amburgo 1860 (tedesco)
  6. ^ Philip Bethge: Die Heilkraft des Todes. In: Der Spiegel. Vol. 63 (2009), n. 5 del 26. Gennaio 2009 (tedesco)
  7. ^ H. Koch: Fettembolie durch Humanolinfektion. In: Deutsche Zeitschrift für Chirurgie. Vol. 186 (1924), pp. 273-278 (tedesco)
  8. ^ Nałkowska, Zofia (febbraio 2000). Medaglioni (vite ebraiche). Diana Kruprel (trans.). Stampa della Northwestern University. ISBN 0-8101-1743-6.
  9. ^ "Sapone fatto da resti umani". Nizkor. Estratto 2006-12-29.
  10. ^ "" Körperfett-Morde "stürzen Polizeichef" (in tedesco). 2 dicembre 2009. Estratto 3 dicembre 2009.
  11. ^ "O HOME DO UNTO", Romasanta, memoria cierta de una leyenda, Xosé Domínguez. Citazioni
    • Vicente Martínez-Risco Agüero, Discurso de ingreso nella Real Academia Gallega, Editoriale Moret, La Coruña, 1971
    • Documento del sindaco di Nombela, partido giudiziario di Escalona, ​​provincia di Toledo. Parte della causa contro Romasanta.
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Human_fat&oldid=796226547"
4.2
5
12
4
1
3
3
2
1
1
0