Livelli di prolattina e perdita di peso

Caro Donovan,

Spero che tu possa aiutarmi con questa preoccupazione. I miei livelli di prolattina sono estremamente alti e, di conseguenza, ho messo su molto peso. Mi è stato consigliato che uno dei modi migliori per controllare il mio peso è quello di mantenere bassi i livelli di prolattina essendo in terapia.

Tuttavia, mi chiedevo in quale altro modo avrei potuto perdere il peso (ovviamente, oltre a mantenere la mia prolattina ai livelli richiesti). Ci sono cibi speciali che dovrei mangiare o omettere dalla mia dieta?

Attendo la tua risposta.

La prolattina è un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria. Questo ormone stimola il seno a produrre latte e ha altre funzioni come la regolazione degli stati d'animo. I livelli di prolattina sono generalmente elevati durante la gravidanza e dopo il parto. I livelli di prolattina di una madre di solito scendono alla normalità poche settimane dopo l'interruzione dell'allattamento al seno.

Sebbene la prolattina sia necessaria per la produzione di latte materno, colpisce anche il tessuto adiposo (tessuto adiposo) e il metabolismo del corpo. Gli studi hanno dimostrato che un aumento del livello di prolattina nelle donne che non sono in gravidanza o che allatta al seno può ridurre il metabolismo dei grassi che può portare ad un aumento di peso. Oltre a questo, lo stress e alcuni farmaci possono portare ad un aumento del livello di prolattina nel sangue.

Livelli aumentati di prolattina sono stati associati anche a problemi mestruali e infertilità.

Mi dispiace dire che molte persone con alti livelli di prolattina hanno difficoltà a perdere peso semplicemente facendo la dieta e facendo esercizio fisico. Avrai bisogno di avere i tuoi livelli di prolattina sotto controllo. Avrai anche bisogno di parlare con il tuo endocrinologo che elaborerà il protocollo migliore per farti ridurre i livelli di prolattina. In alcuni casi, è possibile essere medicati o addirittura rimuovere il tumore (prolattinoma). Una volta che hai ridotto i livelli di prolattina, puoi iniziare il tuo programma di perdita di peso con dieta ed esercizio fisico.

Vorrei che tu mi avessi dato maggiori dettagli sulle tue abitudini alimentari e se stia facendo attualmente esercizio fisico. Ma a parte questo, ora devi iniziare il tuo programma di perdita di peso.

Il fondamento di qualsiasi programma di perdita di peso è che il numero di calorie dovrà essere ridotto attraverso la dieta e l'esercizio fisico. In termini di assunzione di cibo, dovrai ridurre le porzioni o eliminare determinati alimenti dalla tua dieta.

Su un programma di perdita di peso, vuoi che il tuo corpo ottenga la maggior parte della sua energia dal grasso piuttosto che dai carboidrati. In realtà, quello che vuoi che il tuo corpo faccia è nutrirsi delle sue riserve di grasso. Affinché il tuo corpo inizi a farlo, il tuo apporto di carboidrati dovrà essere limitato, lasciando comunque abbastanza per formare il glucosio per il tuo cervello. In termini di carboidrati, puoi ridurre o eliminare alcuni alimenti dalla tua dieta, ad esempio farina, biscotti, riso, soda e pasticcini. Questi possono essere sostituiti con provviste a terra, verdure al vapore, succhi o frutta vegetali, anche se è sempre meglio mangiare i frutti piuttosto che bere i succhi di frutta.

Cerca di ridurre la quantità di cibi grassi e grassi nella tua dieta. Il tuo obiettivo generale è quello di essere sani e ridurre l'apporto calorico. In quanto tale, è necessario avviare o aumentare il programma di allenamento. Se stai appena iniziando il tuo programma di allenamento, è meglio iniziare lentamente all'inizio e poi aumentare gradualmente man mano che vai avanti.

Livelli di prolattina e perdita di peso

Astratto

OBBIETTIVO:

L'iperprolattinemia nell'uomo può essere associata ad un'alta prevalenza di obesità, ma la natura di questo legame è mal definita. Lo scopo di questo studio era di stabilire la relazione tra iperprolattinemia e peso corporeo nei pazienti con tumori ipofisari secernenti la prolattina.

DESIGN:

Abbiamo condotto uno studio retrospettivo su pazienti con prolattinoma trattati presso l'Istituto endocrino del Centro medico di Tel Aviv, Israele, durante il periodo 1989-1996. I pazienti con macroadenomi ipofisari clinicamente non funzionanti (NFA) fungevano da gruppo di controllo. I dati su parametri demografici, peso corporeo prima e durante il trattamento, presentazione clinica inclusa storia delle fluttuazioni del peso, dimensione del tumore misurata mediante tomografia computerizzata o risonanza magnetica, modalità e risposta al trattamento e funzione pituitaria prima e durante il trattamento sono stati registrati da cartelle cliniche .

PAZIENTI:

Quarantadue pazienti con prolattinomi (PR) e 36 pazienti con macroadenomi clinicamente non funzionanti (NFA) comprendevano la popolazione dello studio.

RISULTATI:

Il peso medio era 93 ± 3,4 kg e 78 +/- 2,7 kg nei pazienti maschi con PR e NFA rispettivamente (P = 0,0007). Recente aumento di peso (da 8 a 22 kg) è stato un sintomo di presentazione in 13 pazienti con PR, mentre solo un paziente con NFA ha presentato questa presentazione clinica (P = 0,001). Diciassette pazienti con PR hanno perso peso (variazione media -8,3 ± 1,5 kg, intervallo -2-28 kg), durante la terapia di abbassamento della prolattina, 11 dei quali avevano livelli di prolattina completamente normalizzati. Quattordici dei 18 pazienti che non hanno perso peso avevano ancora elevati livelli di prolattina (P = 0,01). La perdita di peso nei pazienti con PR non può essere attribuita alla funzione ipofisaria alterata né alla compressione del terzo ventricolo. In contrasto con PR, nessuna significativa perdita di peso è stata osservata nei pazienti NFA.

CONCLUSIONE:

L'aumento di peso e l'aumento del peso corporeo sono frequentemente associati a prolattinomi indipendentemente da un effetto di massa sull'ipotalamo o sulla funzione pituitaria. In questa serie, la perdita di peso è stata registrata nel 70% dei pazienti con prolattinoma e nel 90% dei pazienti maschi che hanno normalizzato i loro livelli di prolattina. Proponiamo l'inclusione dell'iperprolattinemia nella diagnosi differenziale dell'obesità endocrina e dell'aumento di peso.

4.5
5
13
4
1
3
1
2
2
1
0