Leblouh

Salta alla navigazione Salta alla ricerca

Leblouh (Arabo: البلوح, translit. lə-bluh) è la pratica di nutrire forzatamente ragazze da giovani fino a cinque anni, in Mauritania, nel Sahara occidentale e nel sud del Marocco, dove l'obesità era tradizionalmente considerata desiderabile.[1][2][3] Particolarmente diffuso nelle zone rurali e con le sue radici nel tuareg[4] tradizione, leblouh viene praticato per aumentare le possibilità di matrimonio in una società in cui un volume elevato del corpo era un segno di ricchezza. Il sinonimo gavage deriva dal termine francese per l'alimentazione forzata delle oche per la produzione foie gras.

La pratica risale al 11 ° secolo, e ha riferito di aver fatto un significativo ritorno in Mauritania dopo che una giunta militare ha assunto il paese nel 2008.[5]

Le donne anziane chiamate "ingrassanti" costringono le ragazze a consumare enormi quantità di cibo e liquidi,[5] infliggendo loro dolore se non mangiano e bevono. Un modo per infliggere dolore è pizzicare un arto tra due bastoncini. Di solito un bambino di sei anni può essere costretto a bere 20 litri di latte di cammello e mangiare due chili di miglio pestato mescolato con due tazze di burro, ogni giorno. Sebbene la pratica sia abusiva, le madri affermano che non esiste un altro modo per garantire un buon futuro ai propri figli.[5][6]

Le giovani generazioni di maschi in Mauritania ora vedono ingrassare negativamente.[6]

Una pratica simile è citata in una leggenda popolare dal titolo "La tartaruga con una bella figlia", raccolta in Storie popolari della Nigeria meridionale (1910). Il folklorista che ha trascritto la storia ha spiegato il trattamento della "bella figlia": "La casa ingrassante è una stanza dove una ragazza è tenuta per alcune settimane prima del suo matrimonio, le viene dato cibo in abbondanza e fatto il più grasso possibile, poiché il grasso è considerato una grande bellezza dal popolo Efik ".[7]

Guarda anche

  • Fetish grasso
  • Salute in Mauritania
  • Diritti umani in Mauritania
  • Obesità in Medio Oriente e Nord Africa
  • Donne in Mauritania

Gli appunti

  1. ^ Popenoe, Rebecca. 2004. Nutrire il desiderio: Grasso, bellezza e sessualità tra un popolo sahariano. New York: Routledge. ISBN 978-0415280969.
  2. ^ De mujeres abundantemente hermosas (Abbondantemente belle donne)
  3. ^ LaFRANIERE, SHARON. In Mauritania, cercando di porre fine a un ideale di overfed, Il New York Times, pubblicato il 4 luglio 2007. Accessibile il 30 giugno 2011.
    • "Ragazze di appena 5 anni e 19 anni dovevano bere quotidianamente fino a cinque litri di camel o di mucca ricchi di grassi, puntando a smagliature argentee sulla parte superiore delle braccia." Se una ragazza rifiutava o vomitava, il peso del villaggio guadagnava lo specialista potrebbe stringere il piede tra i bastoncini, tirare l'orecchio, pizzicare l'interno della coscia, piegare il dito all'indietro o costringerla a bere il proprio vomito.In casi estremi, le ragazze muoiono, a causa di uno scoppio dello stomaco. un termine francese per le oche che si nutrono forzatamente per ottenere il foie gras. "
  4. ^ Encyclopedie Berbere: Gavage
  5. ^ a b c Smith, Alex Duval. Le ragazze vengono alimentate forzatamente per il matrimonio mentre la giunta rianima le fattorie da ingrasso, L'osservatore, 1 marzo 2009.
  6. ^ a b I giovani mauritani rifiutano l'ingrasso forzato, Al Arabiya, 24 febbraio 2009.
  7. ^ Capitolo 1, nota 4

link esterno

Mauritania

  • La "fattoria per l'ingrasso della moglie" della Mauritania, 26 gennaio 2004.
  • La Mauritania cerca di invertire l'ethos "grasso è bello" di Sharon LaFraniere, 3 luglio 2007
  • Leblouh Culture negative novembre 2010
  • Mauritania: alimentazione forzata delle ragazze in declino, sostituita da farmaci formulati per il bestiame febbraio 2011
  • Grasso è bello in Mauritania il 25 febbraio 2009.
  • Costretto a essere grasso il 21 luglio 2011
  • Forza che si nutre in Mauritania. Foto di Joost De Raeymaeker 2013

Niger

  • Gavage (aḍanay) chez les Touaregs Iwellemmeden kel Denneg (E. Bernus) 1987

Nigeria

  • Where Fat è un marchio di bellezza Los Angeles Times, 30 settembre 1998
  • Confinement, ingrasso e circoncisione della sposa: promozione della violenza contro le donne 2 dicembre 2012
  • La stanza dell'ingrasso: Nkuho una tradizione Efik 2010
  • MANGIARE, MANGIARE, MANGIARE se vuoi essere amato in Africa, grande è bello il 25 marzo 2001

Marocco

  • Pratiche di ingrasso tra le donne marocchine Saharawi. 12 settembre 2006

Sudan

  • Sottile in Sudan: la carnalità femminile perde il suo fascino

Tunisia

  • Le gavage à Djerba 1987

Ebrei tunisini

  • Nel diciannovesimo e all'inizio del ventesimo secolo, il corpo femminile ebreo tunisino fu sottoposto a un drammatico processo di ingrasso in preparazione al matrimonio.
  • Donna ebrea tunisina, circa 1900.

  • Grande ebreo, da Garrigues sull'isola di Djerba.

  • Donna ebrea tunisina degli anni '10.

  • Donne ebree in Tunisia Circa 1910.

Uganda

  • The Price of Beauty Ep # 104 Titolo: "Uganda" Air-date: 5 aprile 2010

Kenya e Sudafrica

  • African Queens, 21 maggio 2003
Estratto da "https://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Leblouh&oldid=846771987"